Martina Colombari e Billy Costacurta, in difficoltà con figli adolescenti come tantissimi genitori di oggi. Che lavorano e devono seguire, più che mai i propri figli. “Il Covid ha rotto gli equilibri, ha stravolto la routine della famiglia – fa sapere la conduttrice al Messaggero – per non parlare dei genitori che hanno perso il lavoro: io non mi posso lamentare, ma nel mio piccolo è un anno e due mesi che sono ferma”.

I problemi più grandi, in casa, fin dall’inizio erano legati soprattutto alla didattica a distanza: “Ogni scusa era buona per spegnere la telecamera. La merenda, una pausa, una sigaretta”. Dopo continue liti, la coppia ha deciso di rivolgersi ad un esperto: “Le litigate più grosse con mio figlio le ho fatte quando provavo a seguirlo con i compiti – spiega ancora l’ex Miss Italia – etichettandogli persino i libri. Noi ci siamo fatti aiutare da una psicologa che si occupa di genitorialità. Lo dico serenamente: chiedere aiuto non è un atto di debolezza, ma di grande amore per i propri figli”. 

Lo studio non è tra le priorità del figlio 16enne, fa sapere la conduttrice e attrice tv, ma rivela: “Sia io che mio marito non abbiamo alle spalle percorsi scolastici conclusi con la laurea, perché le nostre carriere si sono sviluppate subito dopo il diploma. Per lui siamo l’esempio vivente che l’università non sia fondamentale. Ora, nostro figlio, si è convinto che vorrebbe aprire un ristorante. Ma prima deve fare gavetta da cameriere, trovarsi un socio, lavorare sulla creatività e sul marketing. E’ difficile spronarlo senza demotivarlo. Soprattutto adesso, che manca la distanza”.

E sul marito Billy Costacurta, rivela: “E’ un bravissimo papà. Mi appoggio a lui per farmi forza. Se io dico che secondo me abbiamo sbagliato, lui mi corregge: non abbiamo sbagliato, ci abbiamo provato. Abbiamo dato fiducia e libertà a nostro figlio, sta a lui gestirla”.

Photo credits Caffeina Magazine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.