Dal 14 giugno, passeranno in zona bianca altre cinque Regioni e una provincia autonoma: Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Lazio, Puglia e provincia autonoma di Trento. Sono pertanto confermate in zona bianca Abruzzo, Liguria, Umbria, Veneto, Molise, Friuli Venezia Giulia e Sardegna.

Vengono meno quasi tutte le restrizioni: unica eccezione d’obbligo, indossare le mascherine e mantenere il distanziamento sociale. Il coprifuoco non esiste, gli spostamenti sono liberi, quindi così come sono liberi anche gli orari dei locali pubblici.

Libere anche le visite nelle proprie abitazioni.

Il distanziamento di un metro tra i tavoli è ancora prefissato. Mentre nei bar e nei ristoranti al chiuso potranno sedere allo stesso tavolo al massimo sei persone. L’unica deroga prevista è quella della possibilità per due nuclei familiari di sedersi insieme. Aperti anche piscine coperte, centri benessere, sale gioco, parchi a tema, centri sociali e culturali. Si possono fare le feste di nozze, presentando la certificazione verde (green pass).

Anche se in molti, viste ancora le restrizioni del momento stanno decidendo di spostare ancora più in là le nozze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.