Al via Paralimpiadi di Tokyo. A rappresentare l’Italia nella spedizione più numerosa di sempre (115 atleti), la schermitrice Beatrice Vio, oro e bronzo nel fioretto ai Giochi di Rio 2016, e il nuotatore Federico Morlacchi, un oro, tre argenti e tre bronzi da Londra 2012 a oggi.

La delegazione azzurra ha fatto il suo ingresso alla cerimonia di apertura allo stadio Olimpico di Tokyo. L’Italia ha sfilato per 14esima tra le nazioni presenti.

Bebe, che a Rio ebbe l’occasione di portare la bandiera alla cerimonia di chiusura, domani da alfiere azzurro avrà la grande responsabilità di “rappresentare un Paese così bello, per me è veramente qualcosa di grande – ha aggiunto – La nostra Nazionale di scherma è pronta, è carica, non vediamo l’ora di cominciare”.

Forte anche l’emozione di Federico Morlacchi: “Quella che proveremo domani sarà un’emozione unica, perché vedere quel fuoco che arde dopo un anno complicato sarà una liberazione”, ha spiegato il nuotatore, atteso prima dalle gare e poi dalla dolce attesa. “Il mio obiettivo ai Giochi è molto semplice – ha aggiunto Morlacchi – Voglio solo divertirmi e godermela fino in fondo. Poi dal 5 settembre inizierà la missione più difficile, la missione di papà per la quale nessuno, alla fin fine, è mai allenato…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.