Distrutta una famiglia in un incidente stradale avvenuto sulla costa orientale dell’isola di Cuba. La giovane e la madre Mercedita Ramirez Cana hanno perso la vita, in un terribile incidente stradale, di cui si cerca ancora di ricostruire la dinamica.

Ferito il papà, Massimo Catarzi, pratese, della zona di San Paolo, a darne notizie è Il Tirreno.

Alice Catarzi, era nata e cresciuta a Prato, frequentava la facoltà di scienze politiche a Firenze.

La famiglia era a Cuba per le vacanze di Natale in provincia di Holguin a trovare parenti cubani. Tra cui la madre di lei.

La famiglia era su una macchina a noleggio e si stava recando in una città vicina per sbrigare alcune commissioni prima della partenza. Uno scontro che non ha lasciato scampo a madre e figlia.

Massimo e la moglie si erano conosciuti proprio a Cuba. Poi il trasferimento in Italia, la nascita di Alice. Ma quell’isola era rimasta per sempre nel loro cuore e non era la prima volta che si concedevano tutti insieme un periodo di vacanza là. Rimandato anche di recente, più volte, per causa dell’epidemia da covid-19.

La cosa più assurda, è che quando è mercoledì 12 gennaio, la famiglia si stava recando a Banes per sbrigare alcune ultime formalità prima della partenza, per potersi poi imbarcare domenica prossima 16 gennaio per l’Italia, e l’auto a noleggio, guidata da Massimiliano Catarzi ha tamponato violentemente un’altra auto, muorendo la figlia e la moglie, qualcuno abbia poi, approfittato di tale momento, per derubarli, portando via le loro borse e tutti gli oggetti di valore, compresi i documenti d’identità.

A Prato, in attesa di notizie, ci sono il fidanzato di Alice, i genitori di Massimo e i tanti loro amici, sconvolti dalla tragedia che ha distrutto una intera famiglia. Le salme di Alice e Mercedes sono attese per mercoledì a Prato.

Feriti i tre cittadini cubani che occupavano l’altro veicolo.

ph crediti tvprato.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.