Stefano Bellon, Segretario della Onlus ‘Fuori dall’ombra’ in occasione, il prossimo 14 Febbraio, della Giornata Internazionale dell’Epilessia dice: “Ci aspettiamo che la politica faccia un atto di amore per le persone con Epilessia, 600mila in Italia, approvando in Senato il Disegno di Legge che possa prendere finalmente in considerazione, in maniera globale, le persone affette da questa patologie e i loro diritti”.

In Italia, afferma ancora Bellon, “le persone che soffrono di Epilessia sono spesso oggetto di pesanti discriminazioni, emarginate in campo sociale e soprattutto lavorativo.

Il Governo, il Senato siano accanto alle persone con Epilessia che hanno ancora una serie di difficoltà: nell’accedere ai servizi scolastici, nel poter mantenere un posto di lavoro. Lo stigma di questa patologia colpisce in maniera pesante e le persone con Epilessia continuano a rimanere cittadini di serie B”.

Il Ddl ‘Disposizioni concernenti il riconoscimento della guarigione e la piena cittadinanza delle persone con Epilessia’, spiega Bellon, “è al momento sotto la lente della commissione Bilancio del Senato. Tra gli obiettivi quello di informare i cittadini e i datori di lavoro, creare maggiore consapevolezza sui diritti esigibili da chi soffre di Epilessia e superare i tanti pregiudizi che ancora si hanno. Saranno introdotti degli strumenti di tutela che consentiranno di accedere ad alcuni benefici sociali, fino ad ora applicati in modo disomogeneo e limitati alle condizioni di estrema gravità. Il ddl garantirà anche la possibilità di somministrare i farmaci ai bambini a scuola e cercherà di semplificare l’iter per l’ottenimento e il rinnovo delle patenti di guida”. Ma la giornata Internazionale dell’Epilessia è anche “un messaggio di speranza per i malati – spiega Laura Tassi, presidente della Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE) – Il claim di quest’anno è Vedo le stelle perché tutti coloro che soffrono possano pensare in grande”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.