La regina Elisabetta ha fatto sapere che non parteciperà alla messa di ringraziamento alla cattedrale di Saint Paul di Londra, nell’ambito dei festeggiamenti per il Giubileo di Platino: una decisione presa in seguito ad un “malessere” avuto dalla regnante: lo fa sapere Buckigham Palace, citato dalla Bbc, che parla di nuove preoccupazioni per la salute della sovrana, ora 96enne, che celebra i 70 anni del trono.

“La regina ha apprezzato molto la Birthday Parade e il Flypast del 2 giugno ma ha provato un certo malessere”, ha reso noto un portavoce del Palazzo, riporta Sky News.

“In considerazione del viaggio e delle attività richieste per partecipare al National Service of Thanksgiving presso la cattedrale di Saint Paul, Sua Maestà con grande riluttanza ha deciso di non partecipare”, scrive nel suo comunicato il palazzo reale.

“La Regina attende con impazienza di partecipare stasera alla cerimonia dell’accensione della fiaccola al castello di Windsor e vorrebbe ringraziare tutti coloro che hanno fatto di oggi un’occasione così memorabile”, si aggiunge.

Il saluto alla folla festante è stato preceduto da un siparietto quando il principino Louis di Cambridge, 4 anni, terzo figlio di William e Kate, ha anticipato tutti facendo capolino per un momento per sventolare la mano.

Il primo ad affacciarsi accanto alla regina Elisabetta II di Inghiterra, nel ruolo che in passato era stato del marito principe Filippo di Edimburgo, scomparso quasi all’età di 100 anni nel 2021, è stato in base al cerimoniale il duca di Kent, cugino anziano di Sua Maestà. Con il quale la regina ha compiuto la cosiddetta ispezione delle truppe, rientrate all’interno del cortile di Buckingham Palace dopo la parata condotta nei dintorni. Quindi vi è stata poi l’uscita allargata all’erede al trono Carlo e alla moglie Camilla, il figlio William con la moglie Kate, e i tre figli, George, Charlotte e Louis.

ph crediti agi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.