Il Nobel per la Pace 2022 è stato assegnato a Ales Bialistski al momento detenuto, e al gruppo russo «Memorial» e al Center for Civil Liberties ucraino, due organizzazioni per i diritti umani di Russia e Ucraina. Si tratta di «tre eccezionali difensori dei diritti umani, della democrazia e della coesistenza pacifica nei paesi vicini Bielorussia, Russia e Ucraina», ha spiegato la presidente del Comitato norvegese per il Nobel Chair Berit Reiss-Andersen nel suo annuncio.

Il senso è onorare «l’impegno in difesa dei diritti umani e del diritto di criticare il potere, di difesa dei diritti dei cittadini per i diritti dei cittadini e contro gli abusi di potere, per aver documentato crimini di guerra». I tre soggetti insigniti della massima onorificenza «hanno compiuto uno sforzo eccezionale per documentare i crimini di guerra, le violazioni dei diritti umani e l’abuso di potere. Insieme dimostrano l’importanza della società civile per la pace e la democrazia», ha detto Reiss-Andersen, aggiungendo che «i vincitori del premio Nobel per la Pace rappresentano la società civile nei loro paesi d’origine.

foto crediti civilraightsdefenders

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.