E’ diventato un po’ più pesante il pacchetto-previdenza inserito nella manovra di Bilancio firmato da Giorgia Meloni. A meno che non ci saranno dei possibili ripensamenti in extremis. Cambieranno i requisiti per l’accesso delle lavoratrici al pensionamento anticipato con il ricalcolo contributivo dell’assegno e sarà modificato il sistema di indicizzazione degli assegni.

Nel 2023 l’adeguamento dovrebbe comunque essere garantito al 100% per quelli che fino a quattro volte il minimo Inps (circa 2.100 euro mensili). Confermati i pensionamenti anticipati con il mix Quota 41 e 62 anni d’età: una Quota 103 di fatto, in una nuova configurazione, che scatterà dal 1° gennaio del prossimo anno.

foto crediti pensioniefisco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.