A Napoli, un piccolo di appena un anno, compiuto il mese scorso, ha improvvisamente perso i sensi, smettendo di rispondere agli stimoli di mamma e papà. I genitori, allora, preoccupatissimo, lo hanno preso e portato in ospedale, in una corsa senza tempo disperata.

Una marcia però, che nonostante il clacson, era sta bloccata dal traffico cittadino. Fino a quando una pattuglia dei carabinieri si è accorta della necessità e ha fatta largo, aprendo la strada tra lampeggianti e sirene, mettendosi davanti alla loro autovettura, e facendo segno di seguirli e nel mentre urlando dal finestrino alle altre auto che si trattava di un’emergenza. In pochi istanti sono arrivati nel pronto soccorso di Villa Betania e hanno affidato il piccolo ai medici, i quali lo hanno salvato.

I carabinieri hanno scortato la madre e il bambino sino all’interno dell’ospedale. Il piccolo è stato intubato e sottoposto a un massaggio cardiaco. Il suo cuore aveva smesso di battere, era in arresto cardiocircolatorio. Quando tutto sembra perduto, ecco il “miracolo di Natale”. Un pianto dirompente è stato il segnale del ritorno alla vita del piccolo. Per i medici si tratta di un vero miracolo di Natale “un minuto in più e piccolo non ce l’avrebbe fatta”. Il bambino ora è sano e salvo, sta bene ed è fuori pericolo.

I carabinieri che hanno compiuto questo miracolo, salvataggio, sono Vincenzo Di Gennaro e Mauro Postiglione di San Giorgio a Cremano (Napoli).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.