Spread the love

E’ polemica a Lucca dove per un messaggio pubblicitario su Facebook sta facendo letteralmente discutere. In un’immagine sono ritratte cinque giovani e un cartello che recita uno slogan sessista per la gratuità dell’iscrizione.

A riportare la notizia è Il Tirreno: si tratta di una campagna promozionale per una catena di palestre, la Fit-Express, presente in Italia, da Milano a Napoli e che in Toscana conta sedi a Firenze, Grosseto, Siena e Lucca, dove appunto l’annuncio ha attirato l’attenzione.

Il marketing delle palestre, riferisce Il Tirreno, è affidato a un team di cui fa parte Angelo Briziarelli, che spiega: “E’ stata una vera e propria goliardata”.

“Certo nasce come provocazione, – spiega – ma non è possibile che venga letta come un’offesa alle donne, che coprono oltretutto il 60% della nostra clientela. Non la riteniamo né offensiva, né denigratoria”, ed è stata “non solo apprezzata dai follower, su migliaia di persone che hanno potuto guardare lo spot, solo una ventina sono stati gli haters “che hanno fatto polemica, come fanno su tutto.

“Tutte le donne con cui abbiamo parlato si sono fatte una risata (quello era di fatto il nostro intento) e qualcuna ha anche detto che è stata una genialata”, conclude Briziarelli.

Ma per Francesca Menconi, che a Carrara, dirige il centro antiviolenza del Cif, “non si è ancora capito che la violenza verbale è l’alba della violenza fisica”: “Difficile stabilire il limite tra la goliardia, di una frase o di un gesto, e come essa viene interpretata da chi la riceve. Sarebbe ora di finirla con i doppi sensi, le allusioni machiste, le provocazioni gratuite”.

E voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.