Spread the love

Scoperto un nuovo gene anti-età, in grado di migliorare anche la qualità della vita delle persone. Si chiama Mytho e la sua scoperta si deve a una ricerca scientifica durata nove anni e guidata dall’Università di Padova.

Allo studio, pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Investigation hanno contribuito l’Università di Bologna, l’Istituto Telethon di Genetica e Medicina di Pozzuoli e l’Istituto Superiore di Sanità di Roma.

I ricercatori hanno fatto i loro esperimenti  sul verme Caenorhabditis Elegans, un modello animale molto usato nei laboratori di genetica di tutto il mondo, indicano che spegnendo il gene in questione, le cellule invecchiano precocemente e si accorcia la vita delle persone; attivandolo, invece, si riesce a mantenere più a lungo un buono stato di salute. “Tutto è cominciato con una ricerca informatica per identificare nel genoma umano potenziali geni ancora sconosciuti”, racconta la ricercatrice Anais Franco Romero.  “Tra i diversi candidati il team si è focalizzato su un gene che spiccava per essere estremamente conservato tra le diverse specie animali, dall’uomo fino ai vermi, denominato Mytho”, dice Franco.

I ricercatori riusciti a capire i meccanismi molecolari governati da questo gene: hanno scoperto che è in grado di regolare il meccanismo dell’autofagia, che permette di rimuovere proteine e altre componenti danneggiate all’interno delle cellule stesse.

ph credit dal web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.