arte contemporanea

Salone Internazionale del Mobile, a Milano design e tecnologia fino al 9 aprile

Pubblicato il 06 Apr 2017 alle 9:02am

In occasione della 56esima edizione del Salone del Mobile.Milano, che ha aperto i battenti ieri 4 aprile e li chiuderà il prossimo 9 aprile, sono attesi oltre 300mila visitatori provenienti da oltre 165 paesi del mondo. (altro…)

Arte Contemporanea: torna Private Collection di Sabrina Donadel, da lunedì 3 aprile su Sky Arte Hd e On Demand

Pubblicato il 01 Apr 2017 alle 9:10am

Alessia Antinori sarà la protagonista della prima puntata di Private Collection, il programma ideato e condotto dalla giornalista e conduttrice Sabrina Donadel, in onda a partire da lunedì 3 aprile alle ore 20:45 su Sky Arte HD (canali 120 e 400 di Sky), e disponibile su Sky On Demand. Nel corso degli 8 appuntamenti, la giornalista incontrerà alcuni tra i più famosi collezionisti che apriranno in esclusiva per Private Collection le loro case, dando la possibilità di ammirare opere fino ad ora inaccessibili e parlare della loro grande passione per il collezionismo.

Alessia Antinori è la direttrice di una rinomata azienda vinicola con una storia di oltre 600 anni e, soprattutto, una grande appassionata d’arte contemporanea. Proprio nella sua collezione privata a Roma, che visiteremo in via del tutto eccezionale insieme a Sabrina Donadel, si potranno ammirare i capolavori di grandi artisti del calibro di: Edson Chagas, Rosa Barba, Yan Pei-Ming, Liu Wei, Ibrahim Mahama, Nicola De Maria e Yves Klein. Inoltre, dal 2012 Alessia Antinori porta avanti l’Antinori Art Project, un progetto che sostiene e promuove l’arte contemporanea.

Nel corso del programma televisivo ci sarà anche spazio per rubriche, appuntamenti fissi e minipillole per chi si affaccia per la prima volta al mondo dell’arte contemporanea.

Milano, Keith Haring a Palazzo Reale: in mostra 110 opere dell’artista pop, dal 21 febbraio al 18 giugno 2017

Pubblicato il 31 Gen 2017 alle 8:43am

La città di Milano continua ad esporre la grande arte contemporanea e il graffitismo metropolitano anche dopo la mostra dedicata a Jean-Michel Basquiat dal Mudec: dal 21 febbraio prossimo, infatti, a Palazzo Reale sarà aperta al pubblico una delle più importanti mostre attese in città per questo anno 2017: Keith Haring. About Art, che rimarrà aperta fino al 18 giugno 2017.

Centodieci le opere in esposizione dell’artista americano dalla sensibilità pop: molte delle quali di grandi dimensioni e addirittura inedite, o mai esposte in Italia.

Curata da Gianni Mercurio, la rassegna espositiva è la prima nel suo genere in Italia. E’ la ricostruzione genealogica dell’ispirazione di Keith Haring, del suo modo di mettere in luce il suo rapporto con la storia dell’arte: i lavori dell’artista vengono inseriti in un dialogo con le sue fonti, dall’archeologia classica alle arti precolombiane, dalle figure archetipiche delle religioni alle maschere del Pacifico e alle creazioni dei nativi americani, fino ai maestri del Novecento Pollock, Dubuffet, Klee.

12° Giornata del Contemporaneo: oggi 15 ottobre, visite gratuite a musei, convegni, eventi vari

Pubblicato il 15 Ott 2016 alle 5:33am

La Dodicesima Giornata del Contemporaneo, organizzata da Amaci, che si celebra oggi, sabato 15 ottobre 2016, in tutta Italia è accostata quest’anno all’immagine di Emilio Esgrò, artista che ha realizzato un’Europa cancellata e protesa oltre i suoi confini per abbracciare i Paesi del Mediterraneo. (altro…)

Miart 2016: l’arte moderna a Milano dal 7 al 10 aprile

Pubblicato il 28 Gen 2016 alle 6:01am

Dal 7 al 10 aprile Fieramilanocity accoglierà 153 gallerie internazionali per il Miart 2016, ventunesima edizione della fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea di Milano organizzata da Fiera Milano, diretto da Vincenzo de Bellis anche quest’anno parlerà di internazionale..

Sarà presente il meglio dell’arte moderna, contemporanea e del design a edizione limitata. Sedici i paesi che vi prenderanno parte (Austria, Belgio, Corea, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Norvegia, Repubblica Slovacca, Spagna, Stati Uniti, Svizzera, Uruguay).

L’esposizione sarà suddivisa in cinque sezioni tutte incentrate sull’esaltazione della creatività in una sorta di ponte fra presente, passato e futuro: gli artisti Established; gli Emergenti; le otto coppie di gallerie metteranno a confronto le generazioni di creativi; Object, il design concepito come produzione in edizione limitata; Decades, nove decenni (dal 1910) che racconteranno le anime del Novecento.

Al Museo Madre di Napoli, tre nuove mostre internazionali per la stagione autunnale 2015

Pubblicato il 13 Ott 2015 alle 6:23am

Tre nuove mostre internazionali, di arte contemporanea, hanno aperto la nuova stagione autunnale 2015 del Museo Madre di Napoli di Via Settembrini.

Ogni mostra affidata ad un artista contemporaneo di fama internazionale. La prima è affidata al pittore e scultore francese Daniel Buren; la seconda all’artista e videomaker britannico Mark Leckey, la terza ad un progetto intitolato “L’albero della cuccagna” curato da Achille Bonito Oliva con un intervento dell’artista empolese Marco Bagnoli.

Daniel Buren, Axer/Désaxer, lavoro in sit Già all’inizio di quest’anno il Museo Madre aveva commissionato a Daniel Buren, un’opera da destinare alla grande sala Re_PUBBLICA MADRE, presente tutt’ora. Ora, però, l’artista francese ha voluto ridisegnare e riposizionare l’ingresso del museo con la sua Axer/Désaxer, lavoro in situ” al fine di celebrare i primi dieci anni di attività del Madre. Si tratta così di un grande intervento che trasforma l’ingresso del museo mettendo in asse l’entrata con la strada per creare una sorta di continuità tra interno ed esterno. Un lato della sala è ricoperto di specchi mentre l’altro è decorato con modanature e colori molto accesi, nelle cromie del giallo e dell’arancio, mentre il pavimento reca una traccia geometrica molto chiara di questa operazione di “spostamento” e apertura che il Museo vuole comunicare, in bianco e nero.

Mark Leckey, Desiderata (in media res) Desiderata (in media res) è la prima retrospettiva dedicata a Mark Leckey, artista britannico classe ’64, vincitore nel 2008 del prestigioso Turner Prize, promosso dalla TATE Britain di Londra. Una mostra che rappresenta un’ampia selezione di opere storiche, che prendono l’intero terzo piano dell’edificio, realizzate mezzi diversi di espressione: scultura, installazione, opere e ambienti sonori, performance, video.

Marco Bagnoli, La Voce. Nel giallo faremo una scala o due al bianco invisibile L’intervento di questo artista, intitolato “La Voce. Nel giallo faremo una scala o due al bianco invisibile”, rientra nell’ambito del cosiddetto progetto “L’albero della cuccagna. Nutrimenti dell’arte”, a cura di Achille Bonito Oliva, presentato in simultanea il 10 ottobre in occasione della XI Giornata del Contemporaneo, al cui prima versione dell’opera “La Voce” fu realizzata dall’artista nel 1975, nella forma di una scala a pioli incastrata nel muro dello studio-abitazione milanese. Nella successiva versione in ferro la scala, apparentemente più solida della precedente versione, poggia però su delle lastre di vetro colorato. La “voce” a cui fa riferimento il titolo dell’opera è una voce udibile che elenca un tipico menù napoletano essendo questo un progetto che riflette sulla relazione tra arte e cibo.

Tre esposizioni inaugurate e aperte al pubblico, il 9 ottobre scorso, con una grande festa e sfilata di trampolieri per le vie del quartiere. Presenti tra gli altri, gli stessi artisti, il presidente della regione campania Vincenzo De Luca e tanti ospiti illustri.

Per saperne di più su mostre e collezioni, visitare il sito museomadre.it

Napoli, al Madre le mostre di Buren, Leckey, Bagnoli. Yellow Parade per la festa inaugurale

Pubblicato il 10 Ott 2015 alle 3:03pm

Una grande festa inaugurale si è tenuta ieri sera a Napoli in occasione delle tre nuove mostre, aperte al pubblico, presso il museo Madre di arte contemporanea di via Settembrini: DANIEL BUREN. Axer / Désaxer. Lavoro in situ, 2015, Madre, Napoli – #2 a cura di Andrea Viliani ed Eugenio Viola (ingresso, piano terra, fino al 4 luglio 2016), MARK LECKEY DESIDERATA (in media res) in collaborazione con WIELS, Bruxelles e Haus der Kunst, Monaco di Baviera, a cura di Elena Filipovic ed Andrea Viliani (terzo piano ala destra, fino al 18 gennaio 2016) e MARCO BAGNOLI La Voce. Nel giallo faremo una scala o due al bianco invisibile, nell’ambito di L’ALBERO DELLA CUCCAGNA. Nutrimenti dell’arte a cura di Achille Bonito Oliva. (secondo cortile, fino al 29 febbraio 2016), e una Yellow Parade curata dall’associazione Esplor/Azioni che si è sviluppata lungo le strade del quartiere del museo, per celebrare la “via dei Musei” – come è stata, giustamente, ribattezzata la via Duomo grazie alla collaborazione tra il museo Madre, il museo Diocesano, il museo del Tesoro di San Gennaro, il museo civico Filangieri, il complesso monumentale della Chiesa di San Severo al Pendino e il Pio Monte della Misericordia – per rendere omaggio, in anteprima, al connubio tra arte e cibo, che la Regione Campania porterà prossimamente, all’Expo di Milano dal 16 al 22 ottobre.

Momento cruciale con i trampolieri che, nonostante la pioggia, hanno percorso tutta via Settembrini, via Duomo per poi fare rientro da vico Donnaregina in uno dei cortili del Madre dove hanno lanciato in aria centinaia di palloncini bianchi e hanno danzato sul sagrato del Duomo.

Grande folla per l’apertura delle mostre, visitate anche dal presidente della Regione, Vincenzo De Luca, accompagnato dal direttore del Madre Andrea Viliani, dal presidente della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee Pierpaolo Forte, e dal consigliere delegato per la cultura, Sebastiano Maffettone.

De Luca su Twitter e Facebook ha così commentato quanto ammirato: “Sono rimasto positivamente impressionato dalle opere esposte al Museo ‪Madre‬ di Napoli, uno straordinario patrimonio che ci ricorda quanto Napoli e la Campania abbiano nelle loro mani”.

Presenti all’evento, tra gli altri, gli artisti, Daniel Buren con la moglie Chantalle e il figlio Christophe, Benedetta Roux (Galleria Konrad Fischer) e Mark Leckey con il direttore del museo Wiels di Bruxelles Dirk Snauwaert, Giulia Ruberti (Galleria Gavin Brown), Marco Bagnoli, Rebecca Horn, Luigi Ontani, Raffaela Mariniello, Mimmo Iodice con la moglie Angela, Gian Maria Tosatti, Tony Stefanucci, il duo Bianco-Valente e Moio & Sivelli, Rosy Rox, Giulia Piscitelli, Mariangela Levita, Paolo Bini e Giulio Delvé; il critico d’arte Achille Bonito Oliva, il direttore dell’Accademia di Belle Arti di Napoli Giuseppe Gaeta, la sovrintendente del Teatro di San Carlo Rosanna Purchia, il presidente della Fondazione Sudd Antonio Bassolino, l’imprenditore Gianfranco D’Amato, Angela Tecce, i galleristi Laura Trisorio e Peppe Morra, Dino Morra, Umberto Raucci e Carlo Santamaria, Maurizio Morra Greco, Lorenzo Fischi (Galleria Continua) e don Adolfo Russo della Curia di Napoli.

La grande festa va avanti ancora per oggi con l’ingresso gratuito e le visite guidate in occasione della XI Giornata del Contemporaneo AMACI.

Dal 13 gennaio, torna l’arte contemporanea raccontata a ‘Private Collection’, di e con Sabrina Donadel

Pubblicato il 12 Gen 2015 alle 2:28pm

Da domani martedì, 13 gennaio torna un nuovo appuntamento con l’arte contemporanea e le opere di grandi collezionisti italiani nel programma tv ‘Private Collection‘, in onda su Sky Arte HD (canali 120 e 400 di Sky) ideato e condotto dalla giornalista e conduttrice Sabrina Donadel. (altro…)

Private Collection, la seconda puntata in onda il 16 dicembre su Sky Arte Hd

Pubblicato il 16 Dic 2014 alle 4:15pm

Il mondo dell’arte contemporanea e le opere dei grandi collezionisti italiani saranno al centro di Private Collection, il nuovo programma andato in onda su Sky Arte HD (canali 120 e 400 di Sky) ideato e condotto dalla giornalista e conduttrice Sabrina Donadel. (altro…)

Arte contemporanea: dal 9 dicembre, su Sky Arte Hd, il nuovo programma “Private Collection” di e con Sabrina Donadel

Pubblicato il 08 Dic 2014 alle 2:41pm

Su Sky Arte HD (canali 120 e 400 di Sky) andrà in onda, un nuovo appuntamento incentrato sul mondo dell’arte contemporanea e le opere di grandi collezionisti, dal titolo Private Collection, ideato e condotto dalla giornalista e conduttrice Sabrina Donadel, in onda da martedì 9 dicembre alle ore 20.30, regia di Francesco Imperato. (altro…)