articolazioni

I calli proteggono i piedi, nuovo studio boccia le scarpe con suole ammortizzate

Pubblicato il 01 Lug 2019 alle 7:02am

I calli proteggono i piedi, lo dice anche la scienza. Secondo un team di ricercatori della prestigiosa Università di Harvard (Usa), i calli proteggono la pianta del piede senza però comprometterne sensibilità o andatura, come si legge anche nello studio pubblicato online su ‘Nature’. Al contrario, le scarpe con suola ammortizzata ne ridurrebbero sensibilità e forza trasmessa dai nostri piedi alle nostre articolazioni.

Le calzature con suole sottili, rigide e non ammortizzate, come mocassini o sandali, offrono protezione e sensibilità più simile a quelle dei calli, suggeriscono gli autori della ricerca.

Le callosità del piede spesso si sviluppano naturalmente nelle persone che camminano molto spesso scalze o con tacchi molto spesso alti – o non usano calzature ammortizzate – assicurando una protezione su superfici scomode o scivolose. Le scarpe moderne offrono un effetto protettivo ma riducono la capacità di percepire gli stimoli tattili.

Dunque…in che modo proteggere i piedi senza ridurne la sensibilità e affaticare le articolazioni? Questo il quesito che si è posto il team di Daniel Lieberman contestando questa ipotesi studiando i piedi di 81 kenioti e 22 americani.

Ebbene, dall’esame delle estremità delle persone esaminate è venuto fuori che i calli tendono a essere più spessi e più duri nelle persone che abitualmente camminano scalze, rispetto a quanti indossano invece regolarmente le scarpe.

Tuttavia lo spessore del callo non altera la sensibilità dei nervi sulla pianta del piede e le calzature influiscono sulle forze generate quando il piede colpisce il terreno, fornendo così anche più energia alle articolazioni rispetto a quanto osservato negli individui con callosità notevoli. L’effetto che questo carico meccanico alterato ha sul nostro scheletro è ancora scarsamente compreso e, secondo i ricercatori, richiede ulteriori studi.

Chikungunya, malattia virale e pericolosa, spesso scambiata per artrite reumatoide

Pubblicato il 22 Ott 2018 alle 8:04am

Chikungunya: ‘ciò che si piega’. E’ questo il nome di una nuova malattia virale e pericolosa, spesso scambiata per artrite reumatoide a causa dei sintomi debilitanti a carico delle articolazioni, che porta anche ad una tipica postura curva. (altro…)

Artrite reumatoide: come riconoscerla e curarla efficacemente

Pubblicato il 10 Giu 2014 alle 12:28pm

L’ artrite reumatoide, ovvero l’infiammazione cronica ed invalidante che colpisce le articolazioni può essere rallentata e tenuta sotto controllo, ma per i danni non c’è nulla da fare.

In Italia ne soffrono oltre 300mila persone, e ogni anno si registrano circa 12-24mila nuovi casi. (altro…)

Ictus: un guanto robotico riattiva le articolazioni del polso e della mano

Pubblicato il 31 Ott 2013 alle 9:16am

Gli studiosi del San Raffaele stanno monitorando la funzionalità di un guanto robotico che dovrebbe permettere ai pazienti che per colpa di un ictus non riescono più ad eseguire gesti semplici, come ad esempio muovere le mani di essere autonomi come una volta. (altro…)

Artrite reumatoide: importante scoperta

Pubblicato il 18 Giu 2011 alle 7:30am

Un’importante scoperta arriva per le persone affette da artride reumatoide. Grazie ad uno studio condotto da Gianfranco Ferraccioli, Ordinario di Reumatologia e responsabile dell’Unità operativa di Reumatologia dell’Università Cattolica- Policlinico A. Gemelli di Roma è stato possibile individuare le cellule responsabili dei casi più gravi di questa malattia autoimmune che interessa l’1-2% della popolazione il cui numero dei casi aumenta con l’avanzare dell’età. (altro…)

Aglio e cipolla nella prevenzione dell’artrosi

Pubblicato il 19 Dic 2010 alle 12:00am

L’artrosi si può prevenire con aglio e cipolle. (altro…)