Attilio Fontana

Milano, presentato l’ospedale dedicato ai pazienti Covid-19 costruito nei padiglioni 1 e 2 FieraCity in soli 10 giorni

Pubblicato il 31 Mar 2020 alle 7:20pm

Questa mattina, alla presenza del governatore di regione Lombardia, Attilio Fontana, di Enrico Pazzali, Presidente di Fondazione Fiera Milano, di Gerardo Solaro del Borgo Delegato di Guido Bertolaso, e del Direttore Generale del Policlinico di Milano Ezio Belleri è stato presentato l’Ospedale dedicato ai pazienti Covid-19 costruito all’interno dei padiglioni 1 e 2 del Portello a Fieramilanocity.

La struttura è stata realizzata, di fatto, in dieci giorni. Sono stati fin qui realizzati i primi quattro moduli (ciascuno composto da due unità di degenza e una unità di servizi sanitari), stanze vere e proprie nel padiglione 2 per un totale di 53 posti letto realizzati da Aria SpA.

Già in costruzione, nel padiglione 1, altri 7 moduli, per ulteriori 104 posti letto.

“Il mio primo pensiero – ha commentato il Presidente di Fondazione Fiera Milano, Enrico Pazzali – non può che andare alle centinaia di lavoratori che in 10 giorni hanno reso possibile la realizzazione della struttura donata al Policlinico, un’opera fortemente voluta dalla Regione Lombardia e supportata dalla Fondazione sin dall’inizio, che si è fatta interprete, per affrontare l’emergenza Covid, dei valori che definiscono il territorio lombardo: quelli della solidarietà, della concretezza e dello spirito imprenditoriale. Nello stesso tempo, in questa occasione ritengo doveroso ringraziare quanti, aziende e privati cittadini, hanno contribuito alla sostenibilità del progetto dal punto di vista finanziario.Ringrazio ILSPA e Aria che insieme a Fondazione Fiera hanno lavorato in stretta sinergia per il completamento dell’opera.”

“Ringrazio il dottor Bertolaso – ha aggiunto il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana – che ha messo a disposizione la propria capacita’ ed ha anche accettato di correre qualche rischio. Lo ringrazio perché non ha esitato nemmeno un minuto quando abbiamo richiesto il suo contributo. Mi unisco poi ai ringraziamenti verso i benefattori che ci hanno dato la possibilità di realizzare questo ospedale a fieramilanocity, nelle strutture di Fondazione Fiera Milano. Questa è la storia dei milanesi e dei lombardi: operosi, operativi, coraggiosi, che non si fermano davanti alle difficoltà, creativi, proattivi e generosi. Questa e’ la rappresentazione della storia di questa regione”.

“Il Presidente Fontana mi ha coinvolto in questo progetto, – scrive Guido Bertolaso nel suo saluto letto da Gerardo Solaro del Borgo, Presidente CISOM – e ho immediatamente accolto l’invito cercando di supportare con il mio team la programmazione e l’organizzazione del progetto. In questo mi sono coordinato con le strutture regionali e con la Fondazione Fiera trovando a tutti livelli competenza e capacità realizzative straordinarie che hanno consentito in tempi inconsueti e insperati la realizzazione di un complesso di alta intensità assistenziale così importante, come è a tutti noto, per l’attuale situazione epidemiologica del Paese. La scelta del governatore ha assunto un carattere esemplare, non solo per l’Italia, che potrà essere replicata a breve in altre regioni, ma anche in ambiti internazionali. Grazie alla Regione, alla Fondazione Fiera e al mio team abbiamo realizzato un’opera di cui andare fieri”.

“Come Policlinico di Milano, siamo fieri e orgoglio­si di essere stati scelti da Regione Lombardia per coordinare questa struttura che non ha eguali né precedenti – dichiara Ezio Belleri, direttore generale del Policlinico di Milan – Mettere­mo a disposizione di tutti la nostra esperienza di ricerca, di assistenza e di cura, e tutto quello che abbiamo costruito in queste settimane di duro e intenso lavoro di riorganizzazione. Abbiamo raccolto la sfida con grande entusiasmo. Nei casi più gravi dovuti a Covid-19 il ricovero in Terapia Intensiva è l’unico strumento di cui disponiamo per dare al paziente il tempo necessario per consentire al suo sistema immunitario di sconfiggere il virus. Possiamo in pratica ‘mettere a riposo’ i loro polmoni e concretizzare un’opportunità e una speranza per tante persone che altrimenti potrebbero non farcela. E questa cosa non ha prezzo”.

Milano, bambini picchiati, braccio rotto: maestro d’asilo arrestato

Pubblicato il 29 Nov 2018 alle 3:22pm

“Hai finito?”, “Vuoi chiudere quegli occhi!”, “Via, sciò!”, calci, spintoni, e poi urla: i pianti terrorizzati dei bambini della classe. Sono questi i principali maltrattamenti scoperti dai Carabinieri di Rho, in provincia di Milano, a Pero, in un asilo nido con bambini di età compresa tra i 2-5 anni. Arrestato un maestro di 64 anni che ora è agli arresti domiciliari con l’accusa di maltrattamenti su minori. (altro…)