Aziende

Quali saranno i lavori più richiesti dal 2019 in poi?

Pubblicato il 11 Feb 2019 alle 6:32am

Secondo un’indagine condotta da Unioncamere e Anpal le imprese italiane , in un periodo che va dal 2019 al 2023, tra i 210 mila e 267 mila profili con specifiche competenze matematiche ed informatiche.

Nel settore sanitario, si parla di 323 mila – 357 mila persone. Mentre in quello della meccanica e robotica tra le 76 mila e 106 mila.

E ancora, nel settore energetico gli assunti dalle aziende potrebbero oscillare tra i 38mila e i 41mila. Infine, tra i lavori più richiesti del 2019 ci sono anche quelli nel campo della logistica e della mobilità, che dovrebbero portare tra le 78 mila e le 99 mila assunzioni.

Ecco, quindi, i lavori più richiesti per l’anno appena cominciato. Nel settore digitale saranno richiesti soprattutto Big Data Analyst, Cloud Computing Expert, Cyber Security Expert, Social Media Marketing Manager, Artificial Intelligence Systems Engineer e Business Intelligence Analyst.

Nel settore dell’ecosostenibile saranno richiesti soprattutto esperti del marketing ambientale, installatori di impianti a basso impatto ambientale ed esperti di acquisti “verdi”. Nel settore della cultura, docenti e traduttori, ma anche progettisti di corsi di formazione, esperti in comunicazione e marketing dei beni culturali e organizzatori di eventi culturali.

Nel settore della meccanica e della robotica: i tecnici per l’automazione, i progettisti di impianti industriali, i tecnici per la gestione e la manutenzione e l’uso di robot industriali e gli esperti di programmazione di macchine a controllo numerico. Infine, nel settore della logistica e dei trasporti serviranno soprattutto magazzinieri e responsabili di reparto, ma anche controllori del traffico aereo, navale e ferroviario e conducenti di mezzi pesanti. Insomma, tante le opportunità di lavoro; meglio formarsi, quindi, proprio in questi campi!

Crisi: solo un’azienda su tre è puntuale nei pagamenti

Pubblicato il 07 Apr 2015 alle 8:23am

Nel mese di marzo 2015 si ferma l’impennata dei ritardi nei pagamenti, ma due aziende su tre non rispettano le scadenze. (altro…)

Cgil: 515mila lavoratori nel 2013, persi 8mila euro a testa

Pubblicato il 19 Gen 2014 alle 8:28am

Sarebbero ben 515mila i lavoratori relegati per l’intero 2013 in cassa integrazione a zero ore, lo rivela la Cgil. Dall’inizio della crisi, nel 2008, il totale di ore supera i 5,4 miliardi. (altro…)