bce

Padoan contro la Bce sul crollo delle banche e annuncio “Cdm misure per migliorare il sistema bancario”

Pubblicato il 24 Gen 2016 alle 10:49am

La Consob sta indagando a qualche manovra illegale dietro i tre giorni di panic selling che, tra lunedì e mercoledì scorsi, hanno fatto tremare gli istituti di credito. Sul banco degli imputati la l’Ssm (Single Supervisory Mechanism) della Vigilanza Bce, guidata dalla francese Danièl Nouy. Colpevole di una «gestione della comunicazione poco accorta» che ha pesato sui crolli di Borsa, ha tuonato ieri il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, indirizzando l’irritazione verso gli uffici di Madame Nouy: «Bisogna essere molto cauti a mandare fuori informazioni e dare segnali».

Poi l’annuncio “Al consiglio dei ministri della prossima settimana ci sarà un insieme di misure sul sistema bancario”.

La notizia arriva da Davos dove il ministro dell’Economia italiana, Pier Carlo Padoan è impegnato sul tema delle banche, precisando che le misure in questione dovrebbero comprendere “un’autoriforma del credito cooperativo” con l’aggregazione intorno a un gruppo simile al Credit Agricole francese, e ulteriori misure per facilitare lo smaltimento dei crediti deteriorati in pancia agli istituri di credito.

Così dal punto di vista macroeconomico, Padoan sottolinea che “Dal Forum economico globale emerge meno pessimismo di quanto non abbiano detto i mercati, con un’economia, globale e anche italiana, che continua a crescere. Consenso sul fatto che le prospettive di crescita offerte dalle nuove tecnologie siano maggiori di quanto si legga in giro. L’Italia” deve colmare il ritardo ed è uno dei temi su cui l’impegno del governo si rafforzerà ulteriormente”.

Infine un riferimento alla situazione dei migranti. “Se Schengen dovesse crollare sarebbe un colpo molto duro al processo generale di integrazione europea”. “Qualcuno oggi dice che se Schengen dovesse crollare l’euro non avrebbe problemi, io non la penso così”.

Vertice Napoli Bce: Borsa in profondo rosso (-3,92%) dopo le parole di Draghi

Pubblicato il 03 Ott 2014 alle 11:12am

Piazza Affari era in profondo rosso a fine giornata di ieri dopo le parole del presidente della Bce Mario Draghi che ha delineato un quadro debole per l’economia dell’Europa. (altro…)

Draghi: “Ripresa nel 2014, la Bce aiuterà fino a quando sarà necessario”

Pubblicato il 05 Lug 2013 alle 8:20am

Secondo il presidente della Bce, Mario Draghi, ci sono “prospettive per una ripresa economica più avanti nell’anno” e nel 2014 . “A sostenerla dovrebbe essere la politica monetaria accomodante della Banca centrale“, spiega ancora Draghi, assicurando che “i tassi resteranno ai livelli attuali o anche più bassi per un lungo periodo di tempo“.

Infine, il presidente della Bce fa un commento positivo e dice che sono stati fatti “ passi avanti nell’unione bancaria. Ma le misure vanno attuate tempestivamente“.

Draghi, spiega che la politica monetaria resterà “accomodante per tutto il periodo necessario“, fornendo per la prima volta una stima temporale.

L’inflazione è bassa e per questo, aggiunge, “giustifica questa nuova strategia sulla forward guidance della Bce”.

E dopo le sue parole di ieri le borse sono volate.

Draghi, è allarme per l’Italia: ‘Produttività al palo’

Pubblicato il 16 Mar 2013 alle 11:32am

Attraverso dei grafici pubblicati dalla Bce, il presidente Mario Draghi durante un suo intervento di ieri sera al Consiglio Ue ha detto che la crescita della produttività in Italia è al palo, ai minimi fra i ‘Big’ dell’Eurozona come Germania, Francia, Spagna, e crescono ad un tasso simile anche gli stipendi. (altro…)