Beatrice Lorenzin

Ministero della Salute istituisce 17 nuovi Albi professionali

Pubblicato il 19 Mar 2018 alle 9:21am

È stato firmato dal Ministro della salute, Beatrice Lorenzin, il primo decreto attuativo della ‘legge Lorenzin’, la n. 3 del 2018, meglio conosciuta come la legge che ha riformato il sistema ordinistico delle professioni sanitarie in Italia. (altro…)

Parafarmacia online vende prodotto omeopatico per omosessualità femminile. Polemiche e appello al ministro Lorenzin

Pubblicato il 18 Feb 2017 alle 8:27am

C’è un prodotto online che si pone sul mercato come rimedio omeopatico anche per la cura dell’omosessualità e in particolare per quella femminile. (altro…)

Nuovi Lea 2017, vi rientrano anche fecondazione assistita, celiachia e molte patologie rare

Pubblicato il 23 Dic 2016 alle 11:00am

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha dato l’annuncio su Twetter. Vi rientrano: fecondazione assistita eterologa ed omologa, i nuovi vaccini, gli screening alla nascita, l’esenzione dal ticket per chi soffre di endometriosi. Ma anche trattamenti per la celiachia, per altre malattie rare e il nomenclatore protesico.

Nella nuova formulazione dei Lea entra anche il trattamento dell’autismo che prevede diagnosi precoce, cura e trattamento individualizzato, integrazione nella vita sociale e sostegno per le famiglie.

Un passo dunque in avanti per i malati rari con l’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria per 118 patologie.

Rivisto anche l’elenco delle malattie croniche e Piano vaccinale.

Ministro Lorenzin manda Nas nelle mense scolastiche per controlli a campione

Pubblicato il 11 Mag 2016 alle 6:17am

Il ministro della salute, Beatrice Lorenzin ha annunciato ieri di aver dato disposizione di far partire un’indagine dei Nas nelle mense scolastiche. «L’alimentazione nelle scuole è importantissima, ho mandato i Nas per fare controlli a campione nelle scuole italiane per verificare se la qualità dei cibi richiamati nelle diete sia consono con la qualità garantita ai nostri bambini»: ha sottolineato il ministro intervenendo all’assemblea di Federalimentare a Cibus. (altro…)

Addio alle guardie mediche, di notte resta solo il 118, protesta in piazza l’11 maggio

Pubblicato il 10 Mag 2016 alle 7:27am

Importanti novità arrivano sul fronte della sanità, ma potrebbero essere non belle. Si parla infatti di scomparsa del servizio offerto dalle guardie mediche, sostituito dalle 8 alla mezzanotte dagli studi dei medici di famiglia che resteranno così a servizio della cittadinanza per 16 ore al giorno.

In caso di emergenza, sarà dunque necessario rivolgersi solo ed esclusivamente al 118 o recarsi direttamente al pronto soccorso.

La novità, inserita da alcune settimane nel rinnovo dell’accordo collettivo nazionale della Medicina generale e della pediatria, ha suscitato sin da subito accese polemiche determinando la reazione dei camici bianchi, pronti a scendere in piazza a Roma, il prossimo mercoledì 11 maggio.

La decisione di rendere operativi gli studi medici dalle 8 alla mezzanotte, 7 giorni su 7, è mirata certamente alla riduzione del sovraffollamento dei pronto soccorso ma è stata accolta con immenso parere sfavorevole da parte dei cittadini dei piccoli comuni, spesso lontani dai principali ospedali e di conseguenza costretti a percorrere anche diversi chilometri in caso di emergenza.

L’intento è quello di unificare i camici bianchi di base creando delle “Aggregazioni territoriali funzionali”, ma senza prevedere al momento risorse economiche aggiuntive.

In merito alla dibattuta questione, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha commentato che: “Si tratta di una riforma estremamente positiva e credo sia un passo fondamentale per l’integrazione tra territorio e ospedale. Era un atto atteso da tempo e sono molto soddisfatta”, sottolienando anche che questa “rivoluzione sanitaria”, ha come “obiettivo proprio l’aumento del personale medico”.

Ma se si taglia la guardia medica, non c’è poi un rischio di sovraccarico delle strutture ospedaliere e del 118?

Accordo con Guardia Costiera per pediatri a bordo delle motovedette Egeo

Pubblicato il 23 Mar 2016 alle 6:40am

“Saremo 3 pediatri e uno psichiatra in questa prima fase di organizzazione logistica e medica”, spiega il presidente nazionale della Fondazione, Giuseppe Gullotta, che due giorni fa ha firmato il protocollo d’intesa insieme al Comandante generale Ammiraglio Vincenzo Melone, del Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto-Guardia Costiera. (altro…)

Endometriosi, il ministro Lorenzin annuncia: “Terapie esenti dal ticket e inserite nei nuovi Lea”

Pubblicato il 20 Mar 2016 alle 7:00am

Il ministro della salute Beatrice Lorenzin ha dichiarato ieri sulla sua pagina Facebook “Sono molto felice di poter dire oggi che è la Giornata mondiale dedicata all’endometriosi che l’impegno che avevamo preso un anno fa con tutte le donne è stato mantenuto e che la promessa fatta è diventata realtà. Con la conclusione dell’iter di aggiornamento dei nuovi Lea, questa patologia rientrerà infatti nell’elenco delle malattie croniche invalidanti che danno diritto all’esenzione”.

“Colgo anche questa occasione – ha proseguito la Lorenzin – per dire a tutte le donne che ogni giorno si confrontano con questa malattia, e sono tante, in Italia si stima siano più di tre milioni, che sono loro vicina, come ministro e come donna”.

“Sin dall’inizio del mio mandato ho posto grande attenzione a questa patologia che è spesso di difficile diagnosi e che oltre a provocare grandi sofferenze compromette la vita di relazione di chi ne è colpita e mette anche a rischio la sua fertilità. Proprio per dare una risposta concreta ai bisogni assistenziali connessi a questa malattia ho voluto che fosse inserita nei nuovi Lea e le ho dedicato una specifica attenzione anche nel Piano nazionale per la fertilità”.

“In questa Giornata – ha concluso il ministro – vorrei quindi che tutte le donne ammalate di endometriosi sappiano che non sono sole, che il ministro della Salute si occupa delle loro problematiche assistenziali, della loro salute”.

Per il ministro Beatrice Lorenzin la maternità surrogata è un abominio

Pubblicato il 03 Mar 2016 alle 6:17am

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, rispondendo al question time alla Camera ha detto: Ribadisco la mia più ferma condanna verso la pratica della maternità surrogata, che non ho esitato a definire un vero e proprio abominio, pratica che è proibita dalla legge in Italia ed è attualmente illegittima”.

In riferimento all’interrogazione presentata da Gian Luigi Gigli, deputato di Democrazia solidale-Centro democratico il quale ha chiesto che venga considerato un reato il ‘turismo riproduttivo’ anche se effettuato all’estero.

La Lorenzin ha anche sottolineato che “le forme ed i modi più opportuni per raggiungere tale obiettivo saranno considerati in sede parlamentare. Credo dunque – ha proseguito – che ci sarà in sede parlamentare l’opportunità di poter trovare un largo consenso su questo tema”.

Al via il fascicolo sanitario elettronico

Pubblicato il 06 Set 2015 alle 6:38am

Il Ministero della Salute ha dato il via al regolamento che introduce il fascicolo sanitario elettronico, un modo semplice e veloce per aver a portata di mano, online, la propria documentazione sanitaria.

Ad annunciarlo il Ministro Lorenzin ponendo l’attenzione sul fatto che il fascicolo sanitario elettronico sarà dotato di un microchip, in cui saranno raccolti e registrati tutti i dati socio assistenziali e sanitari del paziente.

All’interno del fascicolo elettronico sarebbero anche dossier dei farmaci assunti, verbali del pronto soccorso, referti medici, disponibilità a donare i propri organi e molto altro ancora. Un metodo questo atto a rendere più semplice il lavoro dell’operatore sanitario e ad offrire un miglior servizio al paziente. Strumento che dovrebbe contribuire ad evitare eventuali inefficienze, a migliorare la programmazione e a favorire l’incrocio dei dati e la trasparenza.

Sanità, tagli per 2,3 mld l’anno. Stretta su prestazioni, ricoveri e riabilitazione. A farne le spese medici e cittadini

Pubblicato il 29 Lug 2015 alle 10:42am

Sanità, il nuovo testo del maxi-emendamento parla di tagli di 2,3 miliardi l’anno, che partiranno già a partire da questo 2015. (altro…)