benefici

Fame nervosa, come combatterla

Pubblicato il 18 Mag 2019 alle 8:15am

Se si è stanchi e arrabbiati, molto spesso si finisce col consolarsi con patatine fritte, pop corn, salatini, e altre cose ricche di sale, o addirittura snack food, caramelle, e leccornie varie. (altro…)

Caffè, quanti al giorno per salvaguardare il cuore?

Pubblicato il 15 Mag 2019 alle 10:51am

Secondo un recente studio condotto dalla University of South Australia e pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrion “Il caffè è lo stimolante più consumato al mondo, in quanto, ci sveglia, aumenta la nostra energia e ci aiuta a concentrarci, ma molto spesso ci si chiede anche quanto caffè si possa consumare. – A spiegarlo l’autore dello studio, Elina Hyppönen – la quale afferma che – La maggior parte delle persone è d’accordo sul fatto che se si beve tanto caffè, ci si sente poi più nervosi, irritabili, e magari anche un po’ nauseati”.

Prendendo in esame i dati di 347.077 soggetti tra i 37 e i 73 anni raccolti nella Biobank del Regno Unito, dall’analisi condotta è emerso che bere più di 6 caffè al giorno possa aumentare del 22% il rischio di insorgenza dell’ipertensione, come primo segnale delle malattie cardiovascolari e patologie del cuore. Questa è la prima volta in cui viene fissato un limite massimo in merito a quanti caffè si possano bere al giorno per salvaguardare la propria salute.

La mutazione del gene CYP1A2 permetterebbe di fatto, di metabolizzare più velocemente la caffeina. L’analisi ha messo in luce che i soggetti portatori di questa mutazione assimilando il principio attivo del caffè ad una velocità quattro volte superiore alla media non ha evidenziato che queste persone possano consumare con maggiore frequenza la bevanda senza presentare effetti collaterali. “Si stima che tre miliardi di caffè vengano bevuti ogni giorno in tutto il mondo. – conclude Hyppönen – Conoscere i limiti di ciò che ci fa bene oppure no è un imperativo. E come per molte altre cose, si tratta solo di consumarlo con moderazione”.

Bicarbonato di sodio, un alleato naturale per la bellezza e la salute quotidiana

Pubblicato il 09 Mag 2019 alle 7:07am

Il bicarbonato di sodio è un ottimo alleato naturale per la salute e il benessere della pelle in generale. Ha un elevato fattore di esfoliazione, rimuove il sebo in eccesso e dilata i pori della pelle grazie alle sue proprietà antibatteriche. Una pasta di bicarbonato di sodio ottenuta con 3 parti di acqua e 1 di bicarbonato, posso aiutare a contrastare l’acne asciugando il sebo. Tuttavia, si raccomanda di non utilizzarlo a lungo per evitare il rischio di pelle secca.

Il bicarbonato, però, è efficentissimo anche per altri usi e rimendi naturali. Vediamo quali.

– Sbiancamento dentale

Cospargete del bicarbonato sullo spazzolino bagnato per ottenere un abrasivo dolce per i denti e rafforzare l’azione di spazzolatura della placca e promuovere lo sbiancamento dentale. Per una maggiore efficienza, è possibile combinare bicarbonato e dentifricio. Non superare un utilizzo a settimana, in quanto può essere troppo aggressivo quotidiano e danneggiare lo smalto dentale.

– Alitosi

Il bicarbonato di sodio può anche influire sull’igiene orale e far sparire l’alitosi. In veste di potente antibatterico naturale usato come collutorio, vi aiuterà ad eliminare le impurità combattendo i batteri responsabili dell’alito cattivo. Vi basteranno degli sciacqui di limone e bicarbonato. Facile, no?

– Scrub pelle

Grazie alla sua consistenza granulare, il bicarbonato se applicato sotto forma di pasta sulla vostra epidermide, eliminerà immediatamente le cellule morte e i pori ostruiti da punti neri. È efficace sia per la pelle grassa che mista.

– Pulizia, cura capelli

Se avete capelli grassi, potete aggiungere allo shampoo un pizzico di bicarbonato di sodio, ottimo rimedio naturale per lavare e pulire i capelli in modo sano ed efficace.

– Cattivo odore corporeo

Grazie agli agenti antibatterici e proprietà alcaline del bicarbonato di sodio si può proteggere l’organismo da germi e batteri, ed odori correlati a sudore. Facendo un bagno e aggiungendo un cucchiaio di bicarbonato di sodio gli sarete più rilassati, puliti, e avrete anche una pelle più belle e luminosa!

– Unghie

Un preparato a base di bicarbonato e acqua, renderà le vostre unghie più bianche e brillanti.

– Deodorante naturale

Le proprietà antibatteriche del bicarbonato vi permetteranno anche di utilizzarlo come deodorante per ascelle, se mischiato a dell’acqua.

– Infezioni fungine unghie

Per difendervi da micosi, in palestre, piscine, associatelo con aceto di mele, egli effetti saranno potenziati.

Alga spirulina, un’alleata contro la pressione bassa e spossatezza fisica

Pubblicato il 08 Mag 2019 alle 8:00am

L’alga Spirulina è una microalga, un organismo unicellulare molto importante che contiene al suo interno un contenuto altissimo di proteine e annovera tutti e 21 gli amminoacidi. Già nell’antichità utilizzata come alimento e medicamento. (altro…)

Cattiva circolazione e ritenzione idrica, come fronteggiarle

Pubblicato il 29 Apr 2019 alle 1:48pm

Quattro donne su 10 soffrono di problemi alle gambe. Pesantezza, gonfiore, ma anche gli uomini, se fanno lavori particolari. Sono spesso all’impiedi o seduti. (altro…)

Psoriasi: oltre 2mln gli italiani che ce l’hanno

Pubblicato il 20 Apr 2019 alle 7:35am

La psoriasi è una malattia che colpisce il 3% della popolazione mondiale e nel 10-20% dei casi può presentarsi in forma grave o medio grave. In Italia soffre di questa patologia autoimmune circa il 3-4% della popolazione pari a circa 2,5 milioni di persone. “La psoriasi – spiega Piergiacomo Calzavara Pinton, presidente della Società italiana di dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle malattie sessualmente trasmesse (Sidemast) – è una malattia della pelle molto diffusa, e colpisce ad ogni età, dall’infanzia fino alla tarda età. Ha un andamento cronico con delle recidive, e si presenta prevalentemente con una forma che colpisce le superfici di ginocchia e gomiti o la testa, ma può apparire anche in altre parti del corpo”.

“È molto importante tener presente – aggiunge ancora lo specialista – che la psoriasi è una malattia sistemica con un coinvolgimento articolare molto frequente, ma spesso si associa anche ad una sindrome metabolica, ovvero l’aumento di peso e il rischio cardiovascolare aumentato, a fenomeni di tipo depressivo in alcune persone, e quindi il paziente va inquadrato nella sua interezza”. “La psoriasi è una malattia non infettiva né contagiosa – avverte Ketty Peris, direttore Dermatologia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma – ma è una malattia infiammatoria cronica, quindi mediata dal sistema immunitario. La forma più frequente, la cosiddetta psoriasi a placche che viene detta lieve quando prende meno del 10% della superficie corporea, moderata-severa quando ha un ‘Pasi’ (ovvero un sistema che si utilizza per valutare la gravità della malattia) maggiore di 10”.

“Oggi – afferma Francesco Cusano, presidente dell’Associazione dermatologi ospedalieri italiani (Adoi) – l’obiettivo principale è quello di perseguire con i farmaci moderni è di ottenere il cosiddetto Pasi 90, ovvero un miglioramento fino al 90% o del 100%, quindi una tenuta completamente pulita della pelle. In questo ambito gli ultimi ritrovati, tra cui il risankizumab che è un’anti-interleuchina 23, sembrano estremamente promettenti e fra pochi mesi quando saranno a disposizione di tutti, potranno sicuramente darci una grossa mano nell’ottenere grossi risultati permanenti e duraturi nel controllo di questa patologia”.

In arrivo il pane con gli agrumi, ad alto contenuto di fibre

Pubblicato il 20 Apr 2019 alle 7:20am

E’ in arrivo il pane agli agrumi, l’idea e la realizzazione di questo pane “salutistico” è ad opera del Crea.

Il nuovo prodotto nasce da uno studio, pubblicato da un team di ricercatori del Crea (centri di Cerealicoltura e Colture Industriali e di Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura) sulla rivista scientifica internazionale Frontiers in Nutrition.

Alla base vi è la convinzione, supportata da diversi studi, che le fibre alimentari siano ottime per la nostra salute in quanto aiutano a prevenire il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari e migliorano la salute di stomaco e intestino.

Considerando tutto ciò, il Crea ha lavorato per sviluppare un pane arricchito con fibre contenute nella farina di agrumi costituita per oltre il 70% proprio da tali sostanze (di cui il 60% sono insolubili e il 40% solubili). Alla fine si è arrivati ad n prodotto “ad alto contenuto di fibre” in quanto i valori sono superiori ai 6 g per 100 g, soglia minima secondo quanto previsto dal Reg. CE 1924/2006.

L’innovativa farina si è ottenuta grazie ad un numero molto alto di lavaggi e successive essiccazioni di buccia, polpa e semi degli agrumi ossia dal pastazzo, un sottoprodotto della lavorazione di questi frutti che solitamente diventa un rifiuto e che tra l’altro comporta pesanti costi di smaltimento.

Il pane realizzato in un panificio industriale in pagnotte da circa 1 kg a partire da semola, parti della crusca più facilmente digeribili e con 2 tipologie di fibre di agrumi ricavate da arancia rossa e limone. Che possono essere inserite nel pane singolarmente, tutte e due insieme e a differenti livelli di percentuale (1,5% o 2%) ottenendo effetti differenti. .

I tempi di conservazione arrivano fino a 120 giorni e le pagnotte vengono confezionate con film plastici in atmosfera modificata (ATM).

Lacci emostatici contaminati, pericolosi per la salute

Pubblicato il 15 Apr 2019 alle 6:08am

I lacci emostatici sono uno strumento molto utilizzato, per i prelievi, e non ‘usa e getta’ – molto spesso, risultano essere contaminati da batteri che potrebbero anche divenire responsabili di infezioni, specie ospedaliere ma non solo, riducendo pertanto, la sicurezza dei pazienti. È quanto emerge da uno studio illustarto in occasione del Congresso Europeo di Microbiologia Clinica e Malattie Infettive (ECCMID) in corso a Amsterdam. Condotto da Nádia Osório del Polytechnic Institute di Coimbra, in Portogallo, il lavoro si è basato sulla revisione di 20 studi clinici per un totale di quasi 1500 tubicini di gomma esaminati in cerca di contaminazioni batteriche. Usati per ‘trovare la vena’ durante prelievi e iniezioni venose, rappresentano praticamente lo strumento più usato in corsia e su più pazienti, quindi non ‘usa e getta’.

In tale studio è emerso infatti, che ben 200 di quelli esaminati presentava specie di stafilococchi ‘coagulasi negativi’, responsabili di infezioni (cutanee, vie urinarie etc) anche gravi. Altri batteri invece, trovati sui lacci emostatici esaminati erano Escherichia coli, Klebsiella spp., Pseudomonas spp., Acinetobacter baumannii, Stenotrophomonas maltophilia, tutti potenzialmente molto virulenti, specie per persone debilitate.

In 15 dei 20 studi esaminati il livello di contaminazione batterica ha raggiunto il 70% dei tubicini di gomma. “Questi dati ribadiscono il rischio inerente il loro utilizzo per la qualità delle cure e la sicurezza del paziente, rischio legato poi alla potenziale diffusione di microrganismi tra pazienti su cui viene usato lo stesso laccio”, conclude Osório.

Pane all’acqua di mare nei supermercati napoletani

Pubblicato il 11 Apr 2019 alle 6:00am

E’ in vendita nei supermercati napoletani “Sole 365” il pane all’acqua di mare. Già proposto con grande successo da alcuni panifici vesuviani, il prodotto approda anche alla grande distribuzione. Secondo diverse ricerche, il prodotto è ricco di minerali essenziali: magnesio, iodio, potassio, ferro e calcio. Maria Grazia Volpe, ricercatrice del Cnr (Istituto di Scienze dell’alimentazione), dichiara che “Gli studi approfonditi sinora compiuti attestano le qualità del pane prodotto con l’acqua di mare, che è naturalmente ricco di elementi essenziali per la salute, oltre a essere un ottimo antiossidante”.

L’arrivo in grande distribuzione si deve a Pan del Giorno, marchio storico della panificazione napoletana. “Il consumo di pane sta cambiando nel corso degli anni – afferma il titolare Giacomo Luongo – il pubblico è sempre più attento alla qualità del prodotto e ai benefici che apporta alla salute. Usare l’acqua di mare nell’impasto ci dà la possibilità di realizzare un pane senza sale aggiunto, ma ancor più saporito di quello normale. Siamo orgogliosi di essere, insieme a Sole 365, i primi in Italia a portarlo in grande distribuzione”.

L’acqua usata è fornita da Steralmar, prima azienda italiana a produrre acqua di mare microbiologicamente pura per uso alimentare, secondo un metodo di purificazione brevettato e scientificamente approvato.

Cannella, un aiuto naturale contro diverse malattie

Pubblicato il 07 Apr 2019 alle 1:01pm

La cannella, una spezia molto gustosa e salutare è utilizzata in molte ricette e in diversi modi, tant’è che da anni è presente nella medicina cinese, indiana e tradizionale, anche contro il diabete.

Le sue proprietà eccezionali sono veramente tante, ma la principale riguarda sostanzialmente la sua capacità di abbassare i livelli di glicemia e ridurre le problematiche legate a chi soffre di diabete.

Secondo diversi studi questa spezia possiede infatti capacità ipotensive e ipoglicemizzanti. Ciò significa che è ottima se abbinata ad un dieta che si impegna a tenere sotto controllo la glicemia. In particolare è perfetta per coloro che soffrono di diabete di tipo 2.

La cannella rende più lento lo svuotamento gastrico e frena l’aumento del glucosio nel sangue dopo i pasti, conosciuti come picchi glicemici. Fornisce inoltre un apporto importante in termini di minerali, nello specifico di fosforo, calcio, zinco, rame, potassio, manganese, ferro e selenio, contiene altresì le vitamine del gruppo A, B, C, E e K, e vanta proprietà anti-batteriche e anti-micotiche, inibendo la così formazione della candida e dell’helicobacter pylori. Ha inoltre un effetto mitigante sull’apparato gastrointestinale, per cui si può usare anche in caso di indigestione.

La cannelle funziona anche per perdere peso o per tornare subito in forma, in quanto agevola la digestione e placa gli attacchi di fame nervosa.

Come ottenere il massimo dalla cannella Il metodo più adatto per ottenere il massimo dei benefici a livello di regolarizzazione della glicemia è la preparazione di un infuso, così da assumerlo come decotto.

1. Fate bollire l’acqua calda 2. Aggiungete un cucchiaino di cannella in polvere. 3. A piacere, dopo averla messa a bollire, aggiungete un pezzetto di radice di zenzero e del succo di acero. 4. Ne bastano 2 g al giorno per ottenere gli effetti desiderati, ossia tenere lontano il diabete.