Codice della Strada

Codice della strada, le possibili novità

Pubblicato il 31 Gen 2020 alle 6:06am

Il governo giallo-rosso dovrebbe approvare entro la fine dell’anno 2020 le modifiche al Codice della Strada. Attualmente il disegno di legge deve ancora alla Camera per essere discusso. (altro…)

Monopattini elettrici, equiparati alla bici

Pubblicato il 08 Gen 2020 alle 6:32am

La manovra (legge 160/2019), che è entrata in vigore all’inizio dell’anno, ha previsto l’equiparazione dei monopattini elettrici alle biciclette. (altro…)

Codice della Strada: da questo mese le multe arriveranno via mail

Pubblicato il 15 Feb 2018 alle 5:29am

Una vera e propria rivoluzione interessa il codice della strada. Da questo mese di febbraio 2018 tutte le multe per gli automobilisti saranno notificate prioritariamente con una email a chi possiede una casella di posta elettronica certificata (PEC). (altro…)

Auto, l’uso errato dei fari fa scattare multe sino a 300 euro

Pubblicato il 19 Feb 2017 alle 8:43am

L’uso errato dei fari dell’auto, e soprattutto dei retronebbia, può far scattare una bella multa.

Chi accende il retronebbia quando non serve è come se puntasse gli abbaglianti contro le vetture sulla corsia opposta. La luce rossa così intensa spesso può creare un alone totalmente impenetrabile alla vista da mettere a rischio la sicurezza dei mezzi che giungono dalla direzione opposta.

Il Codice della Strada precisa che i retronebbia vanno accesi in tre distinti casi: visibilità inferiore a 50 metri, pioggia intensa o nevicata fitta.

Per chi non osserva queste regole, scatta l’ammenda che va da 84 a 335 euro.

Autovelox, emendamento approvato: verificherà revisioni e Rc auto

Pubblicato il 22 Dic 2015 alle 6:04am

L’autovelox, con un nuovo emendamento di legge, accerterà anche la revisione e la Rc auto. Approvato dalla Commissione Bilancio della Camera, è stato proposto dal deputato Pd Sergio Boccadutri.

Le possibili violazioni potranno essere accertate con apparecchiature di rilevamento, compresi gli autovelox. Un motivo in più per fare attenzione in quanto le nuove apparecchiature di rilevamento faranno subito una contravvenzione a coloro che non saranno in regola.

Grazie a questa nuova procedura si eviterà pertanto che i furbi la facciano franca e allo stesso tempo sarà possibile tutelare gli automobilisti onesti. Non servirà dunque contestare nell’immediatezza la violazione, in quanto l’accertamento avverrà in modo del tutto automatico.

Con questo nuovo decreto legge, anche il nostro Paese si adeguerà agli standard degli altri Paesi europei. Pertanto chi non sarà in regola con l’assicurazione o la revisione non avrà la vita difficile grazie appunto alle nuove apparecchiature di rilevamento.

Sì all’omicidio stradale: pena fino a 18 anni di reclusione

Pubblicato il 12 Dic 2015 alle 6:41am

Il Senato conferma la fiducia al governo con il voto sul maxiemendamento al disegno di legge che introduce il nuovo reato di omicidio colposo.

Il provvedimento approvato dovrà ora tornare alla Camera. I voti a favore sono stati 149, 11 in meno rispetto alla maggioranza assoluta dei 320 membri componenti l’Assemblea.

Lega e i Verdiniani non partecipano al voto, mentre M5S, FI, Sel e i 4 senatori riconducibili all’area di «Idea» (Carlo Giovanardi, Andrea Augello, Gaetano Quagliariello e Luigi Compagna) votano no.

Il testo, che con il maxiemendamento subisce solo alcune modifiche prevede la reclusione da 2 a 7 anni per coloro che procurano, per colpa, la morte di un persona violando così il codice stradale e la reclusione da 8 a 12 anni quando l’omicidio colposo viene commesso in stato di alterazione dovuta all’assunzione di stupefacenti o in stato di ebbrezza.

La stessa pena viene applicate se il reato viene commesso da un autista di professione, anche con tassi alcolemici più bassi (superiori allo 0,8 grammi per litro).

La pena è di 5 – 10 anni quando l’omicidio colposo è commesso in stato di lieve ebbrezza (con tasso alcolemico superiore a 0,8 grammi per litro ma che non supera 1,5 grammi per litro), aumentata nel caso in cui il conducente sia privo di patente o con patente sospesa o revocata o privo di assicurazione.

Codice della strada: da oggi nuove norme, ecco cosa cambia

Pubblicato il 18 Ago 2015 alle 6:08am

A partire da oggi, 18 agosto 2015, entrano funzione le modifiche al Codice della Strada apportate dalla legge n.115 del 29 luglio 2015, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 3 agosto 2015, secondo normative imposte dalla Comunità Europea, e modifiche gli artt. 115, 116, 118bis e 170 del Codice della Strada.

Tra le principali novità anche la possibilità per i minori di età compresa tra i 16 e i 18 anni, in possesso di titolo abilitativo, di poter trasportare un passeggero sul proprio motociclo o ciclomotore, a condizione che dal documento di circolazione risulti l’omologazione per il trasporto di un’altra persona oltre al conducente.

E per i titolari di patenti speciali tolto il limite di massa massima di 750 kg, imposto per la conduzione di veicoli trainanti rimorchio, per i quali il traino non leggero (oltre 750 kg) richiede il possesso della patente di categoria corrispondente.