contratti

Dipendenti statali, aumenti a chi guadagna meno

Pubblicato il 10 Lug 2017 alle 7:35am

Sono previsti degli aumenti per la Pubblica amministrazione. Aumenti che riguarderanno tutti i dipendenti attraverso un meccanismo che favorisca gli statali che guadagnano meno, con aumenti più generosi rispetto a chi incassa super stipendi.

Ovvero, in termini di aumento percentuale, sarà dato di meno a chi guadagna molto (si pensi ai dirigenti con redditi tra i 150 mila a 240 mila euro lordi all’anno) e di più ai dipendenti più deboli.

Gli statali dunque, dopo nove anni di stipendi fermi dovrebbero incassare 85 euro, lordi, al mese ma la cifra è solo una media, c’è chi prenderà di più e chi di meno secondo precise fasce retributive.

Contratti, Visco (Bankitalia): rinnovi senza aumenti portano al calo dell’inflazione

Pubblicato il 08 Apr 2016 alle 8:47am

I rinnovi contrattuali che, alla luce della bassa inflazione, prevedano la riduzione degli aumenti salariali, rischiano di avere conseguenze negative anche sui prezzi al consumo. (altro…)

Scuola, difesa e sanità sul piede di guerra per blocco contratti e carriere sino al 2015

Pubblicato il 10 Ago 2013 alle 8:16am

I dipendenti statali sono in subbuglio, in seguito del varo deciso dal Consiglio dei ministri del regolamento che proroga fino al 2015 l’adeguamento delle retribuzioni, gli scatti di anzianità e il rinnovo dei contratti. Pertanto, sindacati di insegnanti, medici pubblici e forze dell’ordine, contestano con decisione tale azione del governo, annunciando mobilitazioni e scioperi. (altro…)