contributi

Riscatto della laurea gratis per coloro che si iscrivono all’università nel 2018

Pubblicato il 10 Lug 2017 alle 8:44am

Il costo sarà gratuito per chi vorrà riscattare la propria laurea e iscriversi all’Università nel 2018. E’ la proposta del sottosegretario Paolo Baretta, anticipata dall’edizione cartacea del quotidiano ‘Il Messaggero’ per dare la possibilità ai ‘Millenials’ di ricevere contributi per il periodo passato a studiare.

Così, dopo l’ipotesi di riscatto gratuito per i nati tra il 1980 e il 2000, Baretta propone di aprire anche un tavolo di lavoro affinché gli immatricolati del prossimo anno possano ricevere i primi contributi “già tra tre anni”.

Il sottosegretario all’Economia ha chiesto dunque all’Inps di quantificare le risorse necessarie. E’ possibile, che l’iniziativa venga applicata soltanto a chi si laureerà entro i tempi previsti dal piano di studi.

L’obiettivo, però, sarebbe quello di rendere la proposta retroattiva e applicarla anche a chi è nato dopo il 1980, si è laureato senza andare fuori corso. In questo caso, però, l’onere per lo Stato sarebbe molto più alto e potrebbe essere possibile una piccola partecipazione per ic contributi da parte anche del laureato.

E chi ha già riscattato la laurea? In questo caso resta un grosso nodo da sciogliere. Per Baretta si tratta di una questione di “solidarietà intergenerazionale” e la proposta ha un “significato anche culturale”. Il messaggio che si vuole mandare, è che la vita lavorativa inizia prima del primo giorno di lavoro, scegliendo l’università.

Pensioni di reversibilità, la prossima rapina di Renzi ai danni delle vedove

Pubblicato il 14 Feb 2016 alle 11:45am

Ivan Pedretti, segretario generale dello Spi-Cgil, fa emergere un quadro veramente inquietante, un imminente pericolo per le categorie più deboli: un disegno di legge delega che sarebbe arrivato in Commissione Lavoro alla Camera contenente un punto che colpirebbe i pensionati, le loro vedove: la pensione di reversibilità. Considerata, quasi sempre un appannaggio delle donne, verrà considerata in un prossimo futuro come una prestazione assistenziale e non più previdenziale.

Non più un diritto individuale ma una prestazione assistenziale legata al Modello Isee, al reddito familiare.

Le pensioni di reversibilità non saranno più corrisposte in molte situazioni. Come ad esempio nel caso in cui, una vedova viva con un figlio che abbia un piccolo reddito, un’amica per dividere le spese, o sia proprietaria di una casa o abbai dei risparmi in banca.

Basterà molto poco a far saltare il diritto che sarà vincolato ad un reddito di fame.

Oggi si tratta del 60% della pensione percepita dal defunto ma qualora il coniuge è titolare di altri redditi che superino di 3 volte il trattamento minimo INPS, la pensione ai superstiti subisce una riduzione di una percentuale tanto più elevata quanto è maggiore il reddito percepito.

Per quel che riguarda il 2016 la soglia limite fissata per non subire la riduzione della prestazione è di 19.573 euro l’anno.

Se il coniuge del pensionato defunto ha un reddito annuo superiore a tale cifra, l’importo della prestazione subirà una riduzione del 25%. Per redditi superiori la riduzione può arrivare fino al 50%.

La pensione di reversibilità costituiva fino ad oggi una piccola certezza sulla quale poter contare, dopo anni e anni di sacrifici, duro lavoro e contributi versati. Man mano è stata sempre più ridotta, e ora si parla anche di abolirla proprio.

Secondo voi, non sarebbe una norma illeggittima? Un soppruso, un furto di fiducia, da parte dello Stato e dell’Ente Previdenziale?

Ma ormai di cosa ci scandalizziamo?

Siamo arrivati ad un punto di non ritorno. In Italia non si ha più diritto a niente. Non è più possibile curarsi, trovare o mantenere un lavoro, proteggere i propri risparmi, la propria casa da Stato, terzi, calamità naturali, difendere i propri diritti davanti alla legge.

Ci tocca solo pagare, e a rimetterci sono sempre i più deboli.

Orietta Berti: “Dopo 50 anni di carriera percepisco solo 900 euro di pensione al mese”

Pubblicato il 09 Mag 2015 alle 7:34am

Orietta Berti è una pensionata come tante. Lamenta di percepire dopo ben 50 anni di carriera solo 900 euro di pensione al mese. (altro…)