cose da fare

Coronavirus, cose da fare per #iorestoacasa

Pubblicato il 23 Mar 2020 alle 7:56am

In questo periodo dell’anno in cui tutti siamo costretti a restare a casa per la pandemia di coronavirus ci sono delle cose che si possono fare per far passare prima il tempo e non annoiarsi mai.

Vediamole quali sono.

1. Cucinare: si può approfittare per preparare piatti mai fatti primi. Postarli suoi social, condividerne immagini e ricette.

2. Allenarsi in modo alternativo: palestra chiusa non significa dover per forza di cose rinunciare a fare movimento. Sono diversi gli influencer che hanno condiviso sulle loro pagine social schede di allenamento e video workout.

3. Godersi i momenti in famiglia: passare più tempo con figli, coniuge, partner e famiglia. Pranzando e cenando insieme. Condividendo spazi, interessi, problemi. Facendo migliorare anche l’ascolto e il dialogo.

4. Ascoltare musica, recuperare film e serie TV, leggere libri: quale momento migliore per recuperare una serie tv iniziata e mai finita o per dedicarsi all’ascolto di nuovi album? Gli utenti condividono sui social le loro scelte e ricercano consigli per la nuova playlist o maratona cinematografica.

5. Rilassarsi: approfittare del maggior tempo libero possibile a disposizione per godersi in tutta la tranquillità la propria casa tra “pigiama, divano e copertina”, un buon bicchiere di vino rosso. Una doccia calda, non fatta velocemente. Con musica in soffondo. O un bel bagno caldo, in un’atmosfera molto rilassante e romantica.

6. Mettere a posto casa: sistemare armadi, cantine, librerie, ripostigli. E perché no, approfittare anche per una bella imbiancata.

7. Aiutare gli altri: anche restando a casa propria, è possibile aiutare gli altri, o, semplicemente, chi cerca di districarsi tra la miriade di informazioni che sono circolate e continuano a circolare sulle ultime direttive del governo e sulle “buone pratiche” da mettere in atto per proteggere la nostra salute. Anche sui social non mancano gli utenti e gli influencer che usano i loro canali per divulgare notizie, lanciare raccolte fondi, iniziative benefiche di solidarietà, volontariato ecc.

Insomma. che a casa… Non ci si annoia mai!

Botti di Capodanno, l’appello ai sindaci di vietarli. Vademecum per i proprietari di animali domestici

Pubblicato il 23 Dic 2015 alle 5:12am

“Con l’approssimarsi delle feste di fine anno tutti i Comuni che ancora non lo avessero fatto, vietino gli spettacoli pirotecnici pubblici e privati nei quali sia previsto l’utilizzo dei ‘botti'”.

Recita così il comunicato diffuso da Enpa, Lav e Lipu facendo appello al buon senso dei Sindaci italiani che ancora non hanno preso posizione netta contro un’usanza divenuta oramai molto pericolosa per l’incolumità dei cittadini e degli animali d’affezione, che come testimoniano i consueti “bollettini di guerra”, perdono la vita ogni notte di Capodanno.

Ecco allora, anche un vademecum con alcuni consigli per i proprietari di animali domestici che vedono le loro bestiole passare dal semplice disorientamento alla paura, dal terrore, all’angoscia fino ad arrivare alla disperazione più totale.

1. Non lasciarli da soli, incustoditi in casa e all’aperto. 2. Tenerli in luoghi tranquilli e protetti. Tra gli affetti familiari e vicino a cose che essi amano: come cucce, coperte, giochi, cibo, acqua. 3. Se sono anziani, cardiopatici o particolarmente sensibili ai rumori esterni, rivolgersi in anticipo al veterinario che li segue. 4. Assicurarsi che abbiano tutti gli elementi identificativi (microchip e medaglietta con un recapito) onde facilitarne un eventuale ritrovamento in caso di fuga. 5. Tenerli lontani da balconi, porte e finestre, chiudere tutto, ma se dovessero comunque riuscire a scappare denunciarne subito la scomparsa alla tenente Polizia locale, o alla Asl. 6. Eliminare tutto ciò che potrebbe ferirli in preda ad un attacco di paura. Non tenerli legati alla catena potrebbero farsi male. 7. E quando il rumore dei ‘bottì si fa più forte, insopportabile anche per le proprie orecchie, starsene in compagnia del proprio animale cercando di distrarlo attraverso il gioco o le coccole, o qualche cibo che lui adora. 8. Se il cane deve per forza di cose, rimanere da solo a casa, lasciare le luci accese, le porte aperte ad almeno due stanze; il suo giaciglio deve essere ben raggiungibile. 9. Inibire nascondigli troppo angusti per evitare che si ferisca per entrarci. 10. Cercare di minimizzare l’effetto dei botti tenendo accese radio o Tv. 11. Se l’animale è in casa con il proprietario e si hanno degli ospiti, informarli sugli atteggiamenti che il cane potrebbe assumere e su come sia meglio rimanere passivi lasciando al proprietario il compito di gestirlo.