crisi

Covid, crisi economica e pil

Pubblicato il 18 Ott 2020 alle 6:13am

A causa degli effetti negativi del Covid-19 si rischia di ‘bruciare’ 160 miliardi di Pil. A sostenerlo è la Cgia di Mestre, secondo la quale nella più rosea delle ipotesi, il Pil italiano di quest’anno dovrebbe scendere, rispetto al 2019, addirittura al 10% circa. Per dare l’idea della dimensione della contrazione, è come se il Veneto fosse stato in lockdown per tutto l’anno. Con un crollo quasi doppio rispetto a quello registrato 11 anni fa, è evidente, per la Cgia, che una caduta verticale del genere avrà degli effetti negativi sul mercato del lavoro.

“Per questo diciamo no a qualsiasi chiusura generalizzata – rileva Zabeo – che aggraverebbe ancor più la situazione. Anche perché il peggio deve ancora arrivare. Quando verrà meno il blocco dei licenziamenti, infatti, correremo il rischio di vedere aumentare a dismisura il numero dei disoccupati”. Per il segretario della Cgia Renato Mason “oltre ad avere un carico fiscale indiscutibilmente eccessivo, una pressione burocratica che continua a penalizzare chi fa impresa e un calo degli investimenti molto preoccupante, che interessa in particolar modo quelli di natura pubblica, c’è un’altra grossa criticità che rischia di mettere in seria difficoltà tante aziende, soprattutto di piccola dimensione. Ci riferiamo alla nuova normativa introdotta dall’Unione Europea che interessa le banche”.

Per evitare gli effetti negativi dei crediti deteriorati, spiega, Bruxelles ha imposto a queste ultime l’azzeramento in 3 anni dei crediti a rischio non garantiti e in 7-9 anni per quelli con garanzia reali. “E’ evidente che l’applicazione di questa misura, in buona sostanza, indurrà moltissimi istituti di credito – aggiunge Mason – ad adottare un atteggiamento di estrema prudenza nell’erogare i prestiti, per evitare di dover sostenere delle perdite in pochi anni”.

Situazione che è in buona sostanza anche italiana. Le previsioni, peraltro, danno un tracollo dei consumi delle famiglie di circa 96 miliardi di euro.

Tabloid Usa: “aria di divorzio tra George e Amal”. Sarà vero?

Pubblicato il 29 Giu 2020 alle 7:39am

Aria di divorzio tra George Clooney e Amal Alamuddin? La coppia più bella di Hollywood si sarebbe incrinata, secondo il “National Enquirer”, perché George avrebbe cominciato a vedere altre persone ed avrebbe invitato altri uomini a tenergli compagnia.

Sempre secondo il “National Enquirer” la coppia sarebbe addirittura entrata nel giro degli scambisti. Tutte “rivelazioni” smentite come “risibili” da amici dei Clooney su “Gossip Cop”, un sito che passa al vaglio la stampa rosa per distinguere informazioni vere da quelle false.

Il “Globe”, poi, rotocalco da supermercato, aveva sostenuto che il lockdown avrebbe creato irriconciliabili dissapori tra marito e moglie: in quanto George che si lamenterebbe di essere comandato a bacchetta da Amal, mentre lei di avere alle costole un marito soffocante e noioso per la gestione famigliare.

A causa del Covid-19, il 63% degli italiani con insonnia, ansia e depressione

Pubblicato il 02 Mag 2020 alle 6:01am

“Il 63% delle persone ha disturbi come l’insonnia, mal di testa, mal di stomaco, ansia, panico e depressione”. A lanciare l’allarme è il Consiglio nazionale dell’Ordine degli psicologi.

Il 63% fa sapere l’ordine… dei connazionali si definisce “molto o abbastanza stressato”, mentre il 43% degli intervistati denuncia “un livello massimo di stress”. “Questo perché manca l’idea del futuro e noi, che eravamo abituati a proiettarci nel futuro, ci vediamo improvvisamente bloccati”, afferma Alessandra Lancellotti, psicoterapeuta e life coach.

“Stress da preoccupazione, lavoro, incertezza porteranno un’ondata di disturbi psichici nel Belpaese, andando ad appesantire un sistema sanitario già in difficoltà su questo fronte, in un paese dove il disturbo psichico ancora non viene riconosciuto socialmente – avvertono gli psicologi – Una grande onda di stress post-traumatico, che interesserà molti italiani, e che potrà rappresentare il vero conto salato della crisi in corso”.

“La società da liquida è divenuta pietrificata: non si guarda avanti. Le persone non sanno cosa fare di se stesse, sono lontani dai cari, siamo delle isole in mezzo al mare, ma un mare gelido, senza il sole dell’avvenire perché siamo orfani di futuro – commenta Lancellotti – Se possibile, è bene farsi aiutare da uno psicoterapeuta o da un life coach per trovare altre strade, altri percorsi, altre modalità del fare e compagni di viaggio in questa nuova epoca così oscura”.

Se si smette di bere caffè, ecco che cosa succede

Pubblicato il 25 Dic 2019 alle 7:05am

Se si smette di prendere caffè all’improvviso si possono avere effetti collaterali transitori. (altro…)

Laura Azzariti: “Il made in Italy che stanno facendo fallire”. Costretta a chiudere la sua società di moda

Pubblicato il 20 Lug 2018 alle 6:22am

Laura Azzariti è la stilista che, nel 2009, ha dato vita al brand Princess Handle With Care (Principessa maneggiare con cura). Per lei, la moda è uno stile di vita, un’espressione di bellezza e di raffinatezza. “Vorrei essere il daft punk della moda”. Ha dichiarato la giovane stilista.

La sua linea è un omaggio alle donne che sono state vittime di violenza fisica e morale. Ma ad oggi, non riuscendo più ad affrontare le spese, è stata costretta a decidere di chiudere la sua società.

Pochi giorni fa, ha scritto su Twitter: “Sto per chiudere la mia società: 8 anni di sacrifici VERI senza vacanze lavorando sempre e per 10 persone. Chiudo Grazie ai NON provvedimenti per #pmi e #madeinitaly. Non sono figlia di papà e mi chiedo che farò ora per me che maglietta indossate?”.

Flavio Briatore ed Elisabetta Gregoraci si sarebbero lasciati, firmando anche l’accordo di separazione

Pubblicato il 30 Dic 2017 alle 8:30am

Flavio Briatore ed Elisabetta Gregoraci si sarebbero lasciati, al punto che avrebbero firmato anche l’accordo di separazione.

Questo lo scoop riportato dal settimanale Oggi, secondo il quale Flavio Briatore, sarebbe partito alla volta di Malindi in compagnia del figlio Nathan Falco.

Secondo il settimanale, l’imprenditore e la bellissima showgirl avrebbero firmato un accordo di separazione prima di Natale presso lo studio dell’avvocato Annamaria Bernardini De Pace a Milano. Dopo undici anni di vita insieme, la favola d’amore tra i due sarebbe giunta al capolinea.

L’imprenditore, in queste ore, si troverebbe in Kenya dove brinderà all’arrivo del nuovo anno insieme ad alcuni amici e al figlio Nathan Falco con cui sarebbe partito. Elisabetta Gregoraci, invece, avrebbe scelto di trascorrere le vacanze in Italia insieme ad altre persone. Per il momento, tuttavia, dai diretti interessati non è ancora arrivata la conferma.

Siccità, oltre 10 Regioni pronte a chiedere lo stato di calamità e le misure di sostegno per le aziende colpite

Pubblicato il 24 Lug 2017 alle 9:58am

Due terzi dell’Italia e dei campi coltivati sono a secco a causa della siccità delle ultime settimane. (altro…)

Spagna fuori dalla crisi, Rajoy è il nuovo premier

Pubblicato il 31 Ott 2016 alle 8:59am

La Spagna dopo dieci mesi riacquista la sua stabilità politica, con l’elezione a nuovo premier del leader del Pp e capo del governo uscente Mariano Rajoy, grazie all’astensione dall’opposizione del partito socialista. (altro…)

A causa del Brexit crescita economia mondiale più lenta

Pubblicato il 20 Lug 2016 alle 7:51am

Senza il Brexit, l’economia mondiale avrebbe potuto godere di una leggera accelerazione della crescita rispetto alle previsioni di aprile. A dirlo è il Fondo monetario, grazie a un’attenuazione della recessione in due dei più grandi Paesi emergenti, Brasile e Russia. L’incertezza causata dal referendum britannico per l’uscita dall’Unione europea ha indotto gli economisti dell’Fmi a una limatura rispetto alle stime del “World Economic Outlook” di tre mesi fa.

L’economia mondiale crescerà pertanto, del 3,1% quest’anno, come lo scorso anno scorso, e del 3,4% il prossimo. In entrambi i casi le cifre sono state riviste al ribasso dello 0,1%, nello scenario di base.

Crisi: sale richiesta prestiti per spese sanitarie, 4% totale

Pubblicato il 15 Gen 2016 alle 10:07am

Chi non possiede una necessaria liquidità di questi tempi a causa della crisi, è costretto a ricorrere a prestiti personali per potersi pagare le spese sanitarie.

Secondo i dati che emergono dallo studio del comparatore Facile.it, che ha analizzato oltre 20.000 richieste di finanziamento presentate in Italia in un fascia temporale che va da giugno a novembre 2015, la finalità del prestito per “spese mediche” rappresenta ormai quasi il 4% delle motivazioni dichiarate al momento della domanda di finanziamento (3,82% del totale).

Nel periodo considerato sono stati erogati oltre 28.000 prestiti a sostegno di pratiche estetiche o sanitarie, con un volume complessivo di oltre 340.000 euro.

Una tipologia di finanziamento, sul totale dei prestiti personali, che risulta essere più alta in Toscana e in Friuli Venezia Giulia (oltre il 6%), e più bassa in Campania e Puglia dove la percentuale rimane intorno al 2%.

Tra le richieste che vengono fatte si va dagli impianti di ortodonzia per sé o per i figli sino alla gestione di terapie di lunga durata, trattamenti di bellezza e operazioni di chirurgia estetica.

L’importo richiesto si aggira intorno ai 6.600 euro, da restituire in un periodo più o meno lungo di circa 58 mesi.

Quasi l’11% delle richieste arriva da parte di un pensionato. Lo stipendio medio dichiarato è di 1.500 euro. La percentuale di domande provenienti da donne è di molto superiore.