Dinner cancelling

Dinner cancelling, la dieta che fa perdere tre chili in sole due settimane, la conferma arriva anche da Fiorello

Pubblicato il 13 Gen 2020 alle 6:49am

Questa dieta promette di far perdere tre chili in sole due settimane – e ad assicurarlo è anche Fiorello (che l’ha provata) nell’intervista rilasciata a Chi dopo il suo esordio a novembre nella trasmissione Viva Rai Play.

Arriva dalla Germania, ed è, un metodo di alimentazione.

La «Dinner Cancelling» è stata messa a punto qualche anno fa dal nutrizionista tedesco Dieter Grabbe, è una tattica in cui tutto gira intorno specifici momenti di digiuno giornaliero. E il suo effetto, oltre che avere un’azione dimagrante, ha risvolti positivi su tutto il corpo: secondo il suo ideatore, che ha pubblicato diversi libri sul tema tradotti anche in italiano — l’ultimo è Dinner-Cancelling (Niente cena!), Red edizioni —, permetterebbe anche di detossificare l’organismo, rinforzando sistema immunitario e rallentando i processi di invecchiamento.

Come funziona? La dieta «Dinner Cancelling», come anticipa il nome stesso, prevede di eliminare del tutto la cena. L’indicazione è quella di seguire un regime alimentare equilibrato nelle prime ore del giorno, mangiando in modo regolare a colazione, pranzo e merenda, e di interrompere poi l’assunzione di cibo la sera (i liquidi sono ammessi, ma solo quelli non zuccherati). In questo modo si mette sottosopra il metabolismo e anche l’orologio biologico ottenendo effetti stupefacenti sulla forma fisica.

Dalle 17 in poi niente cibo: solo acqua, bevande depurative senza zuccheri (o al massimo un cucchiaino di miele), tè e liquidi ricchi di minerali e vitamine. Secondo il nutrizionista Dieter Grabbe, infatti, le cinque del pomeriggio sarebbe l’ora X oltre la quale il metabolismo subisce un rallentamento e mangiare significherebbe affaticare il corpo, con il rischio di accumulare energia sotto forma di lipidi.

Per sopravvivere alle ore di digiuno il trucco è fare colazioni abbondanti. A base di frutta, cereali, marmellata o miele, jogurt.

Per mantenere il peso perso velocemente (circa 3-4 chili in quindici giorni) è necessario saltare la cena almeno tre volte a settimana per sempre. Il digiuno intermittente è una soluzione semplice e in linea con i ritmi circadiani del corpo (i momenti di attività e riposo dell’organismo che coincidono con il giorno e la notte), ma per un risultato funzionale e non rischioso per la salute occorre consultare sempre un nutrizionista. Naturalmente.