evasione

Estate: controlli Gdf, irregolare 50% delle case vacanze

Pubblicato il 22 Set 2018 alle 6:11am

Nel corso dell’estate una casa vacanze su due è stata affittata a nero. E’ quanto emerge dalle verifiche eseguite dalla Guardia di Finanza su proprietari di seconde e terze case nelle località balneari, di montagna e nelle città d’arte da giugno a settembre in corso.

Così, per ben 1.477 controlli effettuati 902 sono risultati irregolari e, di questi, 753 sono risultati essere affittati a nero. Le regioni dove si sono registrati più casi con affitti in nero sono stati la Puglia, la Toscana e il Lazio.

Tra i casi più eclatanti scoperti dalle Fiamme Gialle c’è quello di Pescara dove una ventina di persone affittavano in nero abitazioni e b&b a turisti in vacanza nei comuni costieri evadendo il Fisco per 350mila euro.

Ma non solo. Altro caso molto eclatante è quello di una società immobiliare dove i finanziari hanno contestato operazioni in evasione d’imposta per 150 mila euro. Nel mese di luglio, ad esempio, avevano scoperto a Taormina veri e propri hotel fantasma: bed and breakfast completamente sconosciuti al fisco e appartamenti affittati a nero per un valore non dichiarato di euro 130mila.

Tre mesi estivi in cui la Gdf ha individuato 4.126 venditori abusivi: soggetti che non hanno mai richiesto la licenza o i permessi previsti dalle norme, che non hanno mai comunicato al fisco l’inizio della loro attività o che non hanno mai installato i registratori di cassa.

Solo da giugno a settembre sono stati sequestrati 29 milioni e mezzo di prodotti contraffatti, con una media di oltre 380mila pezzi al giorno. Su quest’ultimo fronte sono state denunciate 1.320 persone e scoperte 21 tra fabbriche e depositi clandestini.

Tra le varie operazioni portate a termine dalle Fiamme Gialle di Torino anche la scoperta di un vero e proprio ‘palazzo dell’illegalità’. Un b&b nel centro storico della città pubblicizzato su tutti i siti web del settore che, oltre a non avere alcuna licenza, era anche diventato un centro di smercio di prodotti falsi di lusso, e due stabilimenti balneari in Puglia e Calabria trasformati in discoteche completamente abusive e due stabilimenti fantasma a Napoli che occupavano illegalmente un’area del demanio dello Stato affittando sdraio e ombrelloni.

Un distributore di carburante su cinque è emerso essere irregolare: su 2.180 distributori in tutta Italia, controllati dalla Finanza, di questi, 496 hanno avuto delle contestazioni e, di queste, 286 hanno riguardato la disciplina dei prezzi. 83 sono invece i responsabili delle stazioni denunciati, con il sequestro di oltre 700mila litri di prodotti petroliferi.

Nei 3 mesi estivi sono stati 236.467 i controlli fatti dalla Guardia di Finanza nelle località di villeggiatura, con una media di circa 500 verifiche al giorno.

Lecce, paura in ospedale: detenuto fugge, spara agente e colpisce due persone

Pubblicato il 06 Nov 2015 alle 2:06pm

E’ accaduto a Lecce. Un detenuto piantonato nel reparto di Cardiologia dell’ospedale «Vito Fazzi» si è dato alla fuga questa mattina dopo avere sottratto la pistola di ordinanza ad uno degli agenti.

Si tratta di Fabio Perrone, condannato all’ergastolo per l’omicidio del 45enne slavo Fatmir Makovic e il tentato omicidio del figlio sedicenne di quest’ultimo, durante una sparatoria avvenuta la notte tra il 28 e il 29 marzo del 2014 a Trepuzzi.

Durante la fuga, Perrone ha ferito alla gamba l’agente del posto fisso di polizia in servizio all’ospedale, ha esploso alcuni colpi di pistola ferendo due persone, fortunatamente, a contrario di quanto inizialmente riportato, nessuna delle due sarebbe in pericolo di vita, poi ha bloccato una donna alla guida di un’auto riuscendo così a dileguarsi con il suo mezzo, una Toyota Yaris di colore grigio.

Frode fiscale, evasori identificabili anche all’estero e addio a segreto bancario

Pubblicato il 08 Mag 2014 alle 6:22am

D’ora in poi chi evade il Fisco sarà identificato anche all’estero. (altro…)

Imprenditore milanese evade fisco per 180mila euro di Iva, assolto a causa della crisi

Pubblicato il 24 Ott 2013 alle 1:05pm

Un imprenditore milanese, aveva evaso l’Iva per 180mila euro, ma è stato assolto dal gup di Milano Carlo De Marchi che ha accolto la tesi della difesa secondo la quale l’imputato ”non aveva versato all’erario l’imposta a causa della difficile situazione economica dell’impresa” non per ”volontà di omettere il versamento”. (altro…)

Redditometro e casa: ecco le principali novità

Pubblicato il 01 Ago 2013 alle 8:25am

Nel decreto del governo, varato per l’economia, arriva il nuovo redditometro che ha come obiettivo quello di scovare gli evasori. Esso tiene conto di nuovi dati che possano portare alla ricostruzione del reddito. Inoltre, sarebbe prevista una ‘tolleranza’ del 20% rispetto a quanto dichiarato, un ”doppio contraddittorio” con il contribuente e l’uso solo di spese e dati certi senza tener conto di quelle che sono le medie Istat.

Bisognerà, pertanto, dichiarare dai beni di prima necessità, come cibo, bevande fino ai detersivi, dai consumi sino al cavallo, dalla scommessa online alla retta dell’asilo nido, dal mutuo ai risparmi.

Ma non è tutto. L’Agenzia delle entrate annuncia che ai fini delle case, in caso di cessioni, risoluzioni e proroghe, anche tacite, dei contratti di locazione o di affitto di beni i dati potranno essere presentati con il modello 69, presso gli uffici dell’Agenzia, in forma cartacea o per via telematica insieme al pagamento delle imposte nei casi di cessioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione e di affitto.

Il Riccometro, il nuovo modello Isee

Pubblicato il 05 Giu 2013 alle 11:20am

Novità importanti per il nuovo Riccometro Isee: ovvero l’indicatore che è stato rinnovato rispetto alla prima versione. (altro…)

Due detenuti evadono dal carcere di Parma

Pubblicato il 02 Feb 2013 alle 1:30pm

Come nel più classico dei film hanno segato le sbarre della cella e si sono calati con lenzuola i due detenuti albanesi evasi dal carcere di Parma.

“Stiamo acquisendo notizie precise su come siano potuti evadere due detenuti dal carcere di Parma, ma un dato è certo: mai come in quest’ultimo anno si sono contate numerose evasioni e sventati tentativi” ha detto il segretario generale del Sappe, Donato Capece.

Sappe sottolinea “la continua riduzione del personale di polizia penitenziaria: al momento mancano 7.500 unità a livello nazionale (650 solo in Emilia-Romagna), nei prossimi due anni ne perderemo altre 2.000 a causa dei tagli alla spesa pubblica, considerato che potremo assumere solo il 35% circa di coloro che andranno in pensione”. E, aggiunge Durante, anche “l’eccessivo sovraffollamento e la tendenza ad allentare le maglie della sicurezza fanno in modo che il carcere diventi sempre meno sicuro”.

Uil: sciopero simbolico per chi paga le tasse

Pubblicato il 19 Set 2011 alle 8:00am

Secondo Luigi Angeletti della Uil, “Ci sarebbe bisogno di uno sciopero da parte di chi paga le tasse”. (altro…)