Ezio Bosso

Ezio Bosso, il grande pianista morto a 48 anni

Pubblicato il 15 Mag 2020 alle 3:50pm

Addio a Ezio Bosso. Il grande pianista e direttore d’orchestra si è spento all’età di 48 anni. (altro…)

Ezio Bosso cittadino onorario di Roma: “Sono commosso e onorato”

Pubblicato il 21 Giu 2019 alle 8:30am

Tutti in piedi, standing ovation in Campidoglio per il maestro Ezio Bosso, che ieri ha ricevuto ufficialmente la cittadinanza onoraria di Roma dalla sindaca Virginia Raggi. “Abbiamo l’onore e piacere di accogliere nella nostra comunità il maestro Bosso. Un’onorificenza al musicista, al compositore e al direttore di orchestra. Un uomo e un artista unico”, le parole del vicepresidente vicario dell’Assemblea capitolina, Enrico Stefàno, Movimento 5 Stelle. “Oggi è un giorno speciale per Roma, diamo il benvenuto al maestro Ezio Bosso che ringrazio. Grazie anche all’Assemblea che ha votato all’unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria. Roma si arricchisce di un ambasciatore di bellezza e arte nel mondo. So che Roma è stata fonte d’ispirazione per lei, maestro. Oggi Roma vuole ricambiare questo amore”.

Il maestro Bosso ha ringraziato dicendo di essere “commosso e onorato”. “È una festa e sono senza parole. Grazie. Roma ha un cittadino orgoglioso che le vuole bene”, le dichiarazioni del musicista. La cittadinanza onoraria, ha fatto sapere il Campidoglio, “è un riconoscimento all’eccellenza artistica e al suo impegno morale e civile. Il maestro ha contribuito ad esaltare gli aspetti educativi e sociali della musica come strumento di dialogo e promozione sociale”.

L’idea di insignire Bosso di tale onorificenza è venuta da una proposta di delibera a firma dei consiglieri del Movimento 5 Stelle che poi è stata approvata in aula Giulio Cesare.

Ezio Bosso, direttore e solista al Teatro di Bologna, oggi in concerto per le popolazioni del Centro Italia colpite dal sisma

Pubblicato il 22 Dic 2016 alle 6:19am

Oggi, Giovedì 22 dicembre il maestro EZIO BOSSO, considerato tra i più importanti interpreti, direttori d’orchestra e compositori a livello internazionale, terrà al Teatro Comunale di Bologna (ore 20.30) un grande concerto di beneficenza a favore delle popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto.

Il maestro si esibirà straordinariamente nella doppia veste di direttore e solista al pianoforte, alla guida dell’Orchestra e del Coro del Teatro.

Il programma del concerto, elaborato dallo stesso Bosso in collaborazione con i complessi del Comunale, è stato scelto per sottolineare i temi di fratellanza e appartenenza che costituiscono il messaggio nodale di questo significativo evento.

La fratellanza, anche nello spirito dell’imminente festività del Natale, è evocata dalla composizione Fratres, una delle più belle e celebri pagine del compositore estone Arvo Pärt, proposta in una rara versione per coro e archi. Il senso di appartenenza alla nostra terra è rappresentato dalla Sinfonia “Italiana” di Mendelssohn, una delle pagine più importanti ed emozionanti della storia della musica, composta proprio al ritorno da un viaggio in centro Italia del grande musicista romantico tedesco.

Tra questi capisaldi della cultura musicale dell’Occidente, verranno eseguite in prima assoluta due composizioni di Ezio Bosso, dedicate proprio a questa occasione di incontro e di solidarietà collettiva: “Split, Postcards From Far Away” e “Rain, In Your Black Eyes”, entrambe per pianoforte e archi. Completano il programma il corale Agnus Dei di Samuel Barber, trascrizione del celebre Adagio per Archi del compositore statunitense, pagina di rara intensità espressiva; infine un’altra prima assoluta, la ricostruzione in forma di corale per coro, archi e pianoforte del Preludio in Mi minore BWW 855 di Johann Sebastian Bach, basata sulla trascrizione pianistica di Alexander Siloti. Sviluppando in modo coerente la brillante intuizione di Siloti, il Maestro Bosso ha affidato al Coro il Sanctus, confermando la sua vocazione ad indagare la classicità nel solco della tradizione, pur sfruttando ogni possibile spunto di sviluppo e di riflessione innovativa.

I biglietti del concerto sono in vendita presso la biglietteria del Teatro Comunale di Bologna.

Foto di Walter Garos

Ezio Bosso, il 22 dicembre nella doppia veste di direttore e solista al Teatro Comunale di Bologna per un grande concerto di beneficenza

Pubblicato il 06 Dic 2016 alle 6:11am

Il maestro, compositore e direttore d’orchestra EZIO BOSSO terrà a Teatro Comunale di Bologna (ore 20.30) un grande concerto di beneficenza a favore delle popolazioni colpite dal terremoto del Centro Italia. (altro…)

Ezio Bosso, esce il 25 novembre l’antologia “…And the Things that Remain”, con i momenti più significativi della produzione musicale del Maestro

Pubblicato il 23 Nov 2016 alle 8:24am

Venerdì 25 novembre usce l’antologia di EZIO BOSSO “…And the Things that Remain” (Sony Classical) che raccoglie in 2 CD più 1 DVD alcuni fra i momenti più significativi delle composizioni e interpretazioni del Maestro, considerato uno tra i più completi compositori, direttori d’orchestra e interpreti a livello internazionale. (altro…)

Il maestro Ezio Bosso diventa artista Sony Classical per tutto il mondo

Pubblicato il 22 Ott 2016 alle 7:29am

EZIO BOSSO, tra i più grandi compositori, direttori d’orchestra e interpreti italiani della sua generazione, ha firmato un contratto pluriennale in esclusiva con la Sony Classical. (altro…)

Ezio Bosso torna a dirigere in Italia, il 17 ottobre a La Fenice di Venezia, prove aperte al pubblico

Pubblicato il 22 Set 2016 alle 8:48am

EZIO BOSSO, dopo lo straordinario tour estivo in piano solo “The 12th Room Tour”, torna nel suo ruolo naturale di direttore d’orchestra il 17 ottobre al Teatro La Fenice di Venezia, dove dirigerà la prestigiosa Orchestra Filarmonica della Fenice!

Il concerto prevede l’esecuzione di un programma scelto appositamente con l’orchestra, con musiche di Johann Sebastian Bach (Concerto brandeburghese n.3), Felix Mendelssohn Bartholdy (Sinfonia n. 4 in La maggiore, Op. 90) e dello stesso Ezio Bosso (Concerto per violino No.1 “Esoconcerto”).

Al violino solista si esibirà SERGEJ KRYLOV, considerato uno dei più grandi virtuosi del violino al mondo, musicista eccelso, collega e amico fraterno di Bosso.

«Sono felice e preoccupato, sorridente e spaventato – racconta il maestro. – È un vero debutto e al mio fianco avrò uno dei miei più cari amici che già ho avuto modo di definire un eroe del violino: Sergej Krylov. Torno a dirigere un concerto intero e sono orgoglioso che la filarmonica di una città a me cara mi abbia chiesto di fare questo viaggio insieme, lavorando insieme: in fondo, per me sarà la prima volta che li dirigo, per loro sarà la prima volta che si cimenteranno in Mendelsshon e Bosso. Quindi ancora più onorato e responsabilizzato dalla richiesta di lavorare insieme a una delle sinfonie più avvincenti della storia, la famosa italiana di Mendelsshon».

Bosso, da sempre sostiene che «la musica non è di nessuno ma si fa assieme». Le prove in preparazione del concerto del 17 ottobre saranno aperte al pubblico. Sarà un’esperienza unica, realizzata per la prima volta in Italia, in cui il compositore e direttore d’orchestra si metterà a disposizione del pubblico che potrà seguire passo per passo la sua costruzione di un concerto di musica classica immergendosi nell’empatia che si crea tra direttore ed orchestra.

Oltre alle prove aperte, sempre presso La Fenice si terrà anche lo studio aperto: ovvero, un momento di incontro, dibattito, scambio e lezione da vivere con Ezio Bosso per “fare musica assieme”.

A seguire tutte le info.

– Posti limitati, prenotazione obbligatoria inviando una mail all’indirizzo marketing@filarmonica-fenice.it (costo € 30 adulti, € 10 minori di anni 20, il ricavato andrà in sostegno dell’attività della Filarmonica). Un accesso è gratuito per chi è già in possesso del biglietto per il concerto del lunedì sera.

– Giovedì 13 ottobre – Prima prova con l’Orchestra Filarmonica della Fenice dalle ore 20 alle ore 22 circa.

– Venerdì 14 ottobre – Lo “Studio aperto” dalle ore 14.30 alle ore 18.30.

– Sabato 15 ottobre – Prova con l’Orchestra Filarmonica della Fenice dalle ore 11 alle ore 13.30 e dalle ore 14.30 alle ore 17.

– Domenica 16 ottobre – Prova con l’Orchestra Filarmonica della Fenice e Sergej Krylov dalle ore 12 alle ore 15.

– Lunedì 17 ottobre – Prova generale in sala concerti, precedenza alle scolaresche dalle ore 12 alle ore 15 (300 posti)

Foto Ufficio Stampa

Ezio Bosso emoziona e commuove lo Sferisterio con il suo “The 12th room tour”. La Boldrini lo invita a Montecitorio

Pubblicato il 17 Ago 2016 alle 7:30am

Dopo aver stregato tutti sul palco di Sanremo in veste di super ospite, il compositore, maestro, pianista e direttore d’orchestra italiano, prosegue il suo viaggio musicale inarrestabile, collezionando un successo dietro l’altro, chiudendo in bellezza anche il Macerata Opera Festival in uno Sferisterio gremito di persone, oltre 2.000 spettatori.

La tappa marchigiana è l’ultima del suo ‘The 12th room tour’. Per lui una doppia ovazione del pubblico che ha suggellato due ore di concerto e che si è ripetuta dopo il bis DI ‘Smile for why’, “perché un sorriso – ha detto l’ artista al pubblico – forse non ti cambia la vita, ma ti rende bella una giornata”

Bosso, già sul podio delle più importanti orchestre del mondo, è malato di Sla e ha eseguito il concerto del 14 agosto scorso, con un pianoforte a gran coda Steinway appositamente predisposto – “siamo una coppia di fatto” – alternando musica e parole sempre ispirate ad una sottile e poetica ironia.

Ha suonato brani di John Cage, Bach e Chopin, di cui ha detto: “era un uomo sfortunato: era malato di tubercolosi e viveva con l’unica donna che fumava, George Sand, di tutto l’Ottocento”. Poi ha concluso con la sua Sonata n.1 in Sol Minore, sottolineando al pubblico “La musica è una società ideale perché più io suono bene più gli altri vorranno suonare meglio di me in un miglioramento reciproco. La vita è condivisone”.

Tra gli spettatori in forma privata, anche la presidente della Camera Laura Boldrini, che è andata personalmente a complimentarsi con lui, dopo la sua esibizione. Invitandolo a Montecitorio per un’iniziativa aperta al pubblico, e dichiarando: “le faccio i miei complimenti, perché ha dato molto non solo come dal punto di vista artistico ma anche umano”.

Ezio Bosso con “Gli 8 violoncelli di Torino” in concerto in piano solo al Gran Teatro all’Aperto Giacomo Puccini a Torre Del Lago Puccini il 24 agosto

Pubblicato il 11 Ago 2016 alle 10:57am

Il 24 agosto il pianista, compositore e direttore d’orchestra EZIO BOSSO si esibirà in concerto in piano solo al Gran Teatro all’Aperto Giacomo Puccini a Torre Del Lago Puccini (Lucca) in occasione del Festival Pucciniano (ore 21.30 – Via delle Torbiere), per una tappa del tour “The 12th Room Tour” che nelle date primaverili ha emozionato 30.000 spettatori in tutta Italia registrando 22 concerti sold out con una media di due standing ovation in ogni tappa.

“The 12th Room Tour” è il tour con cui Ezio Bosso presenta l’album certificato Oro “The 12th Room” dando vita ad un dialogo musicale tra il suono dell’ ‘amico’ Pianoforte Gran coda Steinway e gli spettatori, che partecipano agli spettacoli in rapito silenzio.

Il maestro Ezio Bosso si esibirà insieme a “Gli 8 violoncelli di Torino” portando sul palco nuove versioni per pianoforte e celli di brani come “Rain”, “Split”, della suite Bach/Chopin o di uno dei lavori di maggior successo del maestro “6 Breaths”, un viaggio alla scoperta del respiro, delle sue forme e del suo significato, riscritto per l’occasione per la nuova formazione.

Le prevendite sono disponibili sul circuito Ticketone.

Ezio Bosso, “The 12th room tour”, i concerti sold out e standing ovation per la prima parte del tour teatrale in piano solo

Pubblicato il 21 Apr 2016 alle 9:00am

“The 12th Room Tour” è il viaggio musicale con cui il compositore e direttore d’orchestra EZIO BOSSO presenta l’album certificato Oro “The 12th Room” (certificazioni diffuse da FIMI / GfK Italia) che sta registrando sold out e standing ovation del pubblico nei teatri di tutta Italia! (altro…)