funghi

Mangiare funghi, per prevenire l’Alzheimer, lo dice una ricerca scientifica

Pubblicato il 02 Dic 2019 alle 6:23am

Mangiare funghi fa bene alla salute e al palato, a dirlo anche i ricercatori del Dipartimento di Medicina Psicologica e di Biochimica della Yong Loo Lin School of Medicine dell’Università di Singapore (NUS), guidati dal dott. Lei Feng.

Mangiare funghi, sostengono gli scienziati che hanno seguito la importantissima ricerca, metterebbe al riparo da declino cognitivo, di grado lieve.

I ricercatori hanno pubblicato il loro studio su Journal of Alzheimer’s Disease, spiegando che gli anziani che consumavano più di due porzioni di funghi alla settimana, hanno fatto rilevare il 50% ri rischio ridotto di ammalarsi di declino cognitivo lieve (MCI – Mild Cognitive Impairment). Disturbi, che spiegano ancora i ricercatori, caratterizzano un passaggio tra declino cognitivo, fisiologico invecchiamento, e demenza da Alzheimer.

I sintomi con cui si manifestano sono: perdita di memoria, dimenticanze e deficit nel linguaggio o nelle abilità visuo-spaziali.

Il team guidato da Lei Feng ha condotto lo studio su un gruppo di 600 cinesi anziani, residenti a Singapore, misurando i loro parametri fisici e i segni di MCI per ben 6 anni.

Ecco allora che, la conclusione a cui sono arrivati i ricercatori, è che mangiare mezzo piatto di funghi cotti a settimana, circa 300 grammi, oltre alle altre normali abitudini alimentari, permetterebbe anche un dimezzamento del rischio di declino cognitivo nelle persone che li consumano.

Dimagrire con la polenta. Non si crederete ma è così

Pubblicato il 13 Dic 2018 alle 8:14am

Si può dimagrire anche semplicemente mangiando della polenta. Sì, avete capito bene. (altro…)

Funghi: come riconoscerli, pulirli e cucinarli

Pubblicato il 13 Dic 2018 alle 6:20am

Molto profumati e delicati, i funghi non vanno apprezzati solamente per il loro gradevole sapore: sono infatti una fonte ricca di Sali minerali e vitamine. Danno un tocco in più ai nostri piatti, soprattutto se risotti. E’ preferibile comprarne sempre di freschi e di ottima qualità perché sono estremamente delicati e vanno incontro a rapida degenerazione. In questa pagina, cercheremo di spiegarvi le varie caratteristiche e come pulirli se freschi: abbiamo scelto porcini, finferli e champignon. Vediamo le loro caratteristiche principali:

Porcini: rientrano nella categoria dei funghi commestibili Boleti. Si possono acquistare freschi oppure essiccati o sott’olio. Unico problema: il costo.

Pulizia Funghi Porcini Con un coltellino affilato, rimuovete le tracce di terriccio e le impurità partendo dalla estremità del gambo, avendo cura di rimuovere meno polpa possibile. Raschiate la superficie con il coltello e ripetete la raschiatura anche nella parte della cappella. Si sconsiglia di lavare il fungo in acqua in quanto tende a riempirsi di acqua. Se il fungo si presenta molto difficile da pulire ed il terriccio rimane anche dopo averlo tamponato con un panno umido, si consiglia di passarlo velocemente in acqua fredda corrente. Se il fungo porcino è piccolo, tagliatelo intero a fette (nel senso della lunghezza). Se le dimensioni del fungo sono invece importanti, si consiglia di staccare la cappella dal gambo esercitando un delicato movimento rotatorio al fine di ottenere delle lamelle sottili dalla testa e dal gambo.

Finferli detti anche galleti, gialletti o gallinacci: sono funghi preziosi dal colore aranciato od ambrato. Sono squisiti per preparare risotti ed accompagnare carni. Quando si desidera preparare un mix di funghi trifolati, si consiglia di non eccedere con i finferli: il loro sapore è molto forte e tende a coprire quello di altre specie.

Pulizia Funghi Finferli Per pulire i funghi finferli rimuovete ogni traccia di terriccio, che tende ad incunearsi tra le lamelle del fungo (parte interna della cappella). Con la punta di un coltello, rimuovete parte delle impurità che si nascondono tra le lamelle del fungo; raschiate la superficie del gambo e rimuovetene l’estremità. Con un panno umido sfregate poi la parte alta della testa. Se il fungo è grande, tagliatelo a spicchi nel senso della lunghezza; se invece è piccolo cuocetelo per intero.

Champignon o prataioli: rientrano nella categoria dei funghi commestibili di campo. Gli champignon sono probabilmente i funghi coltivati più conosciuti e diffusi. Sono ottimi da preparare per contorni crudi e cotti. Tendono ad ossidazione rapidamente , e per questo motivo, dopo la pulitura dovrebbero essere subito cucinati. Lo Champignon è un fungo di facile reperibilità e dal costo accessibile a tutti.

Pulizia Funghi Champignon Tagliate l’estremità del gambo per rimuovere le tracce di terriccio. Staccate il gambo eseguendo un movimento rotatorio. Togliete la pellicina che ricopre la cappella, iniziando dai bordi verso il centro. Tagliate la cappella a fettine sottili ed il gambo a rondelle oppure a lamelle.

Riciclare batterie al litio di tablet e smartphone con i funghi, oggi è possibile

Pubblicato il 26 Ago 2016 alle 6:13am

I funghi utilizzati nello smaltimento delle batterie ricaricabili di smartphone e tablet. Grazie a tre microscopici funghi, chiamati ‘minatori’ è possibile estrarre cobalto e litio attraverso un processo di riciclo in grado tutelare l’ambiente.

Una sensazionale scoperta che arriva dai ricercatori dell’Università della Florida del Sud, che presentano i risultati dei loro studi a Philadelphia in occasione del convegno della Società Americana di Chimica (Acs).

Secondo questi ricercatori, questo tipo di batterie, presenti su tutti i dispositivi elettronici, sono altamente inquinanti e il loro smaltimento è di grande importanza per la salvaguardia dell’ambiente e della salute di uomini e animali.

Per questo, si sono impegnati a dimostrare che l’uso combinato di tre funghi come l’Aspergillus niger, il Penicillium simplicissimum e il Penicillium chrysogenum consentirebbe di estrarre cobalto e litio dalle batterie e il recupero di queste materie, permetterebbe al settore industriale anche un risparmio di denaro di tutto rispettos.

Siena, 6 persone intossicate con funghi velenosi

Pubblicato il 14 Set 2015 alle 12:21pm

Sono sei le persone che sono rimaste intossicate in provincia di Siena a causa di funghi velenosi, nell’ultimo fine settimana. (altro…)

Come proteggersi dai rischi per il consumo di funghi e pesce crudo? I consigli

Pubblicato il 07 Lug 2012 alle 8:50am

Con l’arrivo dell’estate, cresce il consumo di funghi e pesce crudo, e pertanto questi prodotti alimentari finiscono nel mirino del Ministero della Salute per scongiurare il rischio di salmonella, botulino ed intossicazioni anche più gravi. (altro…)

Ansie e depressione: un aiuto dai funghi allucinogeni

Pubblicato il 27 Gen 2012 alle 8:47am

I funghi allucinogeni farebbero bene al cervello, questo, è quanto, è stato dichiarato da alcuni ricercatori, i quali hanno spiegato come essi permetterebbero alle persone di percepire dei ricordi più nitidi. (altro…)

Funghi: come mangiarli sfruttando le loro proprietà curative

Pubblicato il 12 Nov 2011 alle 8:35am

Se si vuole affrontare bene l’inverno e con esso anche mal di gola, influenza, raffreddore, disturbi intestinali, gastrite, si vogliono rinforzare le difese immunitarie, un rimedio arriva dai funghi, una vera e propria miniera di minerali immunostimolanti. (altro…)

Lavastoviglie: può nascondere funghi pericolosi

Pubblicato il 23 Giu 2011 alle 8:09am

La lavastoviglie può diventare un luogo a rischio. Tra cestelli, ventole e guarnizioni possono nascondersi pericolosi funghi potenzialmente patogeni che possono causare gravi problemi alla salute. (altro…)