funzioni

In arrivo dal 20 settembre Apple Watch Series 5 con le funzioni anche per la salute

Pubblicato il 12 Set 2019 alle 6:34am

La società di Cupertino ha annunciato ieri, nel corso dell’evento allo Steve Jobs Theatre che Apple Watch Serie 5 ha un Always-on Display. Ciò significa che la watchface, nella sua completezza, sarà sempre visibile a prescindere dall’angolazione del dispositivo, con luminosità ridotta. Grazie alle innovazioni della tecnologia dello schermo, Apple Watch Series 5 promette comunque 18 ore di autonomia.

Il prezzo è di euro 459 e sarà disponibile dal 20 settembre.

Nuova anche la bussola, che arricchisce il parco sensori del dispositivo e nuova anche l’app dedicata, che oltre all’orientamento mostra anche la latitudine, l’altitudine e l’inclinazione. Migliorano anche le funzioni di sicurezza: il servizio SOS è ora disponibile a livello internazionale su tutti i modelli con LTE integrato, e funziona indipendentemente da iPhone. Inoltre, lo spazio di archiviazione interno è stato raddoppiato rispetto alla precedente generazione: si passa a 32 GB.

A livello estetico, le novità sono molteplici: per cominciare, ci sono case opzionali in titanio e in ceramica, oltre a una nuova versione nera per quello in acciaio inossidabile. I colori disponibili, sono:

– Alluminio (ora 100% riciclato): argento, oro, grigio siderale – Acciaio inossidabile: oro, space black, naturale spazzolato – Titanio: naturale spazzolato, space black spazzolato – Ceramica: bianco

In arrivo, anche le varianti Nike, con una nuova watchface ispirata alla famosa giacca Windrunner e nuovi colori per Sport Loop e Sport Band, e Hermés, con ancora più opzioni per i cinturini e una variante “total black” con watchface esclusiva.

Apple Watch Series 5 potrà essere ordinato online già da subito. I prezzi partiranno da 399 dollari per la versione GPS, 499 per la versione GPS+LTE.

Tante le funzioni per la salute. Dall’ECG al monitoraggio del ciclo mestruale o quella per il controllo del rumore ambientale.

Si chiama “Affetto” ed è l’androide con espressioni identiche a quelle di un bambino

Pubblicato il 22 Nov 2018 alle 7:37am

Si chiama ‘Affetto’, ha l’aspetto di un bambino e ha le espressioni più simili a quelle umane mai riprodotte in un androide. A renderle realistiche è l’asimmetria del volto, analizzata e quantificata per riprodurre fedelmente quella del viso umano, come spiegano i ricercatori dell’Università giapponese di Osaka sulla rivista Frontiers in Robotics and AI.

Hisashi Ishihara, Binyi Wu e Minoru Asada sono i tre gli ideatori di Affetto e avevano presentato per la prima volta l’androide nel 2011: adesso il volto è stato migliorato e reso più espressivo grazie a calcoli che hanno permesso di codificare i movimenti fini del viso e avvicinarli il più possibile a quelli di un bambino.

I tre ricercatori hanno analizzato in particolare 116 punti facciali e ne hanno misurato i movimenti tridimensionali, come quelli di labbra e palpebre.

“Catturare le espressioni umane nel volto di un androide è una delle sfide più complesse della robotica”, ha osservato Minoru Asada. “I movimenti facciali creano, infatti, instabilità nella sottile pelle del viso dell’androide, con il rischio di vere e proprie deformazioni superficiali del materiale”, ha aggiunto.

“Con questa nuova generazione di Affetto abbiamo messo a punto un metodo per misurare e controllare le deformazioni superficiali del volto. In questo modo – ha concluso Asada – siamo riusciti a riprodurre nuovi movimenti, come quelli alla base del sorriso o dell’espressione accigliata”.

Guardate questo video, è impressionante

WhatsApp sfida Skype per le videochiamate: già attiva l’interfaccia

Pubblicato il 16 Mag 2016 alle 9:20am

WhatsApp è pronto a fare il grande passo, concorrenza a Skype con la videochiamata.

L’ultima versione della beta di WhatsApp ne ha già attivato l’interfaccia. A questo punto occorrerà attendere solo un altro po’ di tempo prima che il servizio sia utilizzabile per tutti.

Le videochiamate sembrano infatti funzionare solo per contattare un singolo utente e non risultano ancora disponibili per i gruppi. Non solo.

Per avviare una videochiamata su WhatsApp è sufficiente andare nella schermata di chat del contatto da chiamare, premere sull’icona del telefono nella barra in alto, e scegliere tra due opzioni: chiamata audio oppure video call (quest’ultima, però, non integra ancora le traduzioni in italiano).

Premendo su videochiamata purtroppo ancora questa funzione non parte, ma mostra però una schermata in cui ci viene solo detto Impossibile effettuare la chiamata – video calling is unavailable at this time.

È comunque chiaro che la funzionalità sarà disponibile a breve e in base alle ultime informazioni il codice è già presente sull’app.

Basterà dunque l’ultimo aggiornamento da parte del gestore e la funzionalità sarà attivata. Naturalmente, il servizio sarà gratuito.