Giorgio Napolitano

La pensione d’oro e i benefits che spettano all’ex presidente della repubblica Giorgio Napolitano

Pubblicato il 15 Gen 2015 alle 7:33am

Giorgio Napolitano ha lasciato la carica di Capo dello Stato, ma non i privilegi e i vantaggi in termini di lusso di cui beneficerà.

Ad annunciarlo è il Fatto Quotidiano che ha pubblicato le “caratteristiche” della pensione d’oro che spetterà all’ex Presidente della Repubblica, per non parlare anche della cospicua liquidazione.

I primi numeri parlano già di un autista personale a disposizione della famiglia, un addetto “alla persona” (maggiordomo), 15mila euro al mese e una serie di benefici che gli garantiranno una pensione che può essere considerato un vero e proprio “dopo lavoro” di altissima qualità.

Inoltre, per il fatto che diverrà ricoprirà la carica di Senatore a vita, potrà usufruire anche di un ufficio di 100 mq a Palazzo Giustiniani con vista su San Ivo.

Due dipendenti del Colle, un guardarobiere e un addetto personale, oltre ai vari telefoni satellitari e anche un’auto con cellulare incorporato. Infine, cosa più assurda, anche una chauffeur riservata.

Domani le dimissioni del presidente Giorgio Napolitano

Pubblicato il 13 Gen 2015 alle 3:38pm

A distanza di nove anni dalla prima elezione avvenuta il 15 maggio 2006, per il presidente della repubblica Giorgio Napolitano sono le ultime ore al Quirinale. (altro…)

Il sottosegretario Delrio: “Napolitano non ci ha detto né addio né arrivederci”

Pubblicato il 10 Nov 2014 alle 6:18am

Napolitano non ci ha detto né addio né arrivederci. Intanto ce lo teniamo ben stretto. Quando sarà noi auspichiamo la massima convergenza di tutte le forze politiche per il successore”, queste le parole del sottosegretario Graziano Delrio, ospite a ‘L’intervista’ di Maria Latella su SkyTg24. (altro…)

25 aprile, Napolitano ‘Onore ai valori della Resistenza e ai marò, ingiustamente detenuti’

Pubblicato il 25 Apr 2014 alle 12:13pm

Nell’ambito delle celebrazioni del sessantanovesimo anniversario della Liberazione dal Nazifascimo, il Presidente della Repubblica Napolitano, è giunto alle 9.30 al Vittoriano, portando una corona d’alloro al sacello del Milite Ignoto. (altro…)

La regina Elisabetta II a Roma per una visita-lampo da Napolitano e dal Papa, in ambito glicine

Pubblicato il 03 Apr 2014 alle 1:46pm

La regina Elisabetta II è arrivata a Roma. L’aereo privato, su cui viaggiavano la sovrana e il consorte, il principe Filippo, duca di Edimburgo, è atterrato all’aeroporto militare di Ciampino alle ore 12.30. (altro…)

Roma: gli appuntamenti di oggi per commemorare l’eccidio delle Fosse Ardeatine

Pubblicato il 24 Mar 2014 alle 10:36am

Alle ore 10:00 di questa mattina, al Mausoleo Ardeatino, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, partecipa alla cerimonia per commemorare il 70esimo anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine insieme ai vertici dello Stato e del comune.

Alle 11:30 presso la Sinagoga di Roma, il presidente della regione, Nicola Zingaretti, e il sindaco di Roma Ignazio Marino saranno presenti alla cerimonia per la deposizione di una corona presso il Tempio Maggiore in memoria delle vittime della strage.

In via Tasso, al Museo Storico della Liberazione, sarà aperta la mostra ‘Passaggi nella città prigioniera’, dedicata all’occupazione nazista nella capitale.

Poi sarà la volta di due importanti eventi presso la Casa della Memoria e della Storia. Un incontro organizzato dall’Associazione Nazionale Ex Deportati sul Mausoleo delle Fosse Ardeatine con la proiezione del documentario di Massimo Sani, Roma 1944: ‘L’eccidio alle Cave Ardeatine‘, e la presentazione del libro di Adachiara Zevi,Monumenti per difetto‘.

Infine sarà proiettato il documentario ‘Dalle Fosse Ardeatine alle Pietre d’Inciampo’ di Lucrezia Lo Bianco e Agostino Pozzi, sia al Nuovo Cinema Aquila (18:30) che alla Casa del Cinema (20:30).

Quando c’era Berlinguer, il docu-film di Walter Veltroni in sala dal 27 marzo

Pubblicato il 22 Mar 2014 alle 7:48am

Walter Veltroni ha voluto raccontare l’ex leader del Pci, Enrico Berlinguer, in un lungometraggio prodotto da Sky, in collaborazione con Palomar, presentato in anteprima a Roma che arriverà nei cinema dal 27 marzo e andrà in onda anche su Sky Cinema 1 HD e su History Channel. (altro…)

Renzi accetta l’incarico di premier da Napolitano: ”Ci metterò tutto l’impegno. Partiremo da riforme”

Pubblicato il 17 Feb 2014 alle 2:39pm

Il segretario del Pd Matteo Renzi ha ricevuto dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, l’incarico di formare il nuovo governo. (altro…)

Papa Francesco in visita dal Presidente della Repubblica

Pubblicato il 14 Nov 2013 alle 12:09pm

Papa Francesco si è recato per la prima volta al Quirinale per una visita ufficiale. Il Pontefice è stato accolto nel Cortile d’Onore dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che lo ha ricevuto, con gli onori militari. (altro…)

Attentato di Nassiriya, 10 anni dopo, per non dimenticare

Pubblicato il 12 Nov 2013 alle 11:56am

Ricorre oggi il decennale del terribile attentato di Nassiriya in cui persero la vita 28 persone, 19 italiani tra carabinieri, militari dell’esercito e civili, impiegati nell’operazione ‘Antica Babilonia‘, e 9 iracheni.

Alle 10,40 ora locale, le 8.40 in Italia, del 12 novembre 2003 un camion pieno di esplosivo scoppiò davanti la base militare italiana dei carabinieri provocando così una strage, che sarebbe potuta essere ancora di più ampie proporzioni qualora non fosse intervenuto il carabiniere Andrea Filippa, di guardia all’ingresso della base, morto anche lui nell’esplosione, il quale riuscì a fermare ed uccidere i due attentatori suicidi sul camion, che esplose sul cancello di entrata.

Sì, perché, l’autobomba purtroppo, ce la fece a passare, perché nascosta dal camion, e a proseguire dritta fino a dentro portandosi con sé il suo carico di morte.

Oggi la memoria tragica di Nassiriya – ha scritto in un tweet il presidente del Consiglio, Enrico Letta -. Il pensiero per le famiglie dei 19 italiani e 9 iracheni che perirono. La vicinanza alle forze armate”.

E il presidente Giorgio Napolitano nel suo messaggio inviato oggi in ricordo di quella terribile tragedia ha detto: “I 19 italiani morti a Nassiriya furono vittime di una inaccettabile e vile barbarie e sono il simbolo di un paese che crede nella necessità di uno sforzo comune per la sicurezza e la stabilità. Sono il simbolo di un impegno forte a tutela dei diritti fondamentali dell’uomo e per la cooperazione pacifica tra i popoli“.