giovani

Sir, spondiloartriti: 500mila euro per 10 borse di studio a giovani ricercatori

Pubblicato il 30 Nov 2017 alle 6:19am

La Società Italiana di Reumatologia (SIR), grazie ad un educational grant di Novartis, ha consegnato cinquecentomila euro, dieci borse di studio a giovani reumatologi nel biennio 2017-2018, al fine di portare avanti progetti di ricerca sulla diagnosi precoce delle spondiloatriti.

I premi sono stati consegnati durante il 54esimo congresso della Società, chiusosi sabato scorso a Rimini. Per i giovani reumatologi l’iniziativa rappresenta un momento molto importante per la loro crescita professionale. Avranno infatti la possibilità di partecipare ad una formazione di due anni.

La SIR ha infatti identificato come priorità il sostegno alla ricerca nell’ambito delle malattie reumatiche a carattere cronico-infiammatorio, con particolare riferimento alla diagnosi ed al trattamento precoce. “Le spondiloatriti colpiscono le articolazioni e la colonna vertebrale e hanno alcune caratteristiche comuni. – afferma il prof. Mauro Galeazzi presidente nazionale SIR – Possono causare mal di schiena, gonfiore alle dita o alle articolazioni, alterazioni delle unghie e della pelle oltre a essere particolarmente dolorose e debilitanti. Oggi abbiamo a disposizione terapie di ultima generazione che rallentano ed in alcuni casi arrestano la progressione del danno osseo articolare migliorandone i sintomi. Sono ben tollerate e migliorano la qualità di vita dei pazienti. Si tratta di un beneficio molto importante perché le spondiloatriti possono colpire anche persone di soli vent’anni e che quindi hanno davanti a sé ancora molti anni da vivere. Come Società scientifica siamo in prima linea nel sostenere la ricerca e, al tempo stesso, riteniamo necessario informare e sensibilizzare quante più persone possibili attraverso iniziative di sensibilizzazione su tutto il territorio. Proprio al congresso di Rimini è partita #Reumadays la nostra prima campagna nazionale itinerante in 11 città durante la quale incontriamo i cittadini per metterli in guardia sui pericoli delle reumatiche”.

“La ricerca scientifica è il motore trainante di grandi cambiamenti e consentirà passi avanti nella cura e nella gestione delle malattie reumatiche – dichiara Gaia Panina, Chief Scientific Officer di Novartis -. Attraverso il contributo a questa importante iniziativa promossa dalla SIR, Novartis conferma il proprio impegno nel promuovere la formazione di ricercatori altamente qualificati e nel sostenere la ricerca indipendente. Siamo orgogliosi di riconoscere e gratificare il lavoro dei giovani reumatologi che si impegnano a raggiungere traguardi scientifici nel campo delle patologie reumatiche croniche infiammatorie. Queste malattie colpiscono, purtroppo, un’importante fetta della popolazione, tra cui giovanissimi. Nel caso specifico delle spondiloartriti, sono infatti i giovani a partire dai 25 anni ad essere il principale bersaglio. Proprio grazie agli importanti progressi della ricerca scientifica, oggi è possibile non solo un miglioramento costante dei segni e dei sintomi, ma anche limitare la progressione radiologica della patologia”.

Milano, con MiMoto debutta il nuovo servizio di scooter sharing elettrico

Pubblicato il 16 Ott 2017 alle 6:36am

MiMoto arriva a Milano e propone solo ed esclusivamente veicoli a due ruote completamente elettrici, al fine di intercettare il pubblico degli under35 in un’ottica votata alla sostenibilità ambientale. (altro…)

Allʼuscita della discoteca si sottopongono a un test Hiv: 3 positivi

Pubblicato il 11 Ott 2017 alle 9:56am

Una serata da incubo per tre ragazzi della Toscana. Dopo il divertimento la scoperta di essere sieropositivi. Due donne e un uomo, all’uscita del locale, si sono sottoposti a test gratuiti della saliva promossi dai volontari della Anlaids Versilia, presenti per una campagna di sensibilizzazione sull’Hiv. E tra le 60 persone esaminate i tre sono risultati positivi al virus. (altro…)

Alimentazione, scoperto il ‘ticchettio’ che causa l’invecchiamento

Pubblicato il 12 Ago 2017 alle 5:16am

Scoperta la causa dell’orologio biologico che scandisce il ritmo dell’invecchiamento. La colpa sarebbe da attribuire ad un meccanismo molecolare in grado di agire in modo diverso in organi diversi e, funzionare al meglio, con una dieta povera di grassi e calorie. (altro…)

O bevi o guidi, campagna guida sicura promossa da Mytaxi e Birra Peroni fino al prossimo 30 settembre

Pubblicato il 09 Ago 2017 alle 6:46am

Al via la campagna di prevenzione ‘O bevi o guidi’ promossa da Mytaxi in collaborazione con Birra Peroni. Con questa partnership le due aziende continuano ad affermare il proprio impegno a supporto di tematiche importanti come quelle della guida sicura e della sicurezza stradale. (altro…)

Energy drink, perché fanno male

Pubblicato il 02 Lug 2017 alle 8:57am

Con l’arrivo dell’estate aumenta anche il consumo di bevande rinfrescanti, dolci ed energetiche, soprattutto energy drink, anche se alcuni paesi europei, come la Danimarca, non ne hanno autorizzato la vendita.

Bevande, molto diffuse soprattutto tra i giovani, ma attenzione.

I cosiddetti energy drink, spiega Simona Chialastri, nutrizionista e biologa all’Istituto Neurotraumatologico Italiano (Ini) e docente all’Università Tor Vergata, «sono composti principalmente anche da caffeina: è una sostanza psicoattiva, stimola il sistema nervoso, aumentando la frequenza cardiaca e migliorando la resistenza durante l’attività fisica. A dosi elevate può dare effetti indesiderati come nervosismo, insonnia, battito cardiaco irregolare ed accelerato, disturbi intestinali. La dose giornaliera di caffeina ritenuta accettabile per un adulto in buone condizioni di salute è di 400 mg, ma per gli adolescenti scende a 100 mg. Una tazzina di caffè ne contiene 80mg, un bicchiere di coca cola 35 mg, per arrivare a 120 mgm con una lattina di energy drink. Tali bevande contengono anche Taurina (sostanza che sembrerebbe potenziare gli effetti della caffeina. È presente nella bile umana, combatte l’insonnia, può ridurre il senso di stanchezza), Guaranà (pianta originaria della foresta amazzonica. In grandi quantità può avere gli stessi effetti avversi della caffeina), glucosio o saccarosio, alcune vitamine e minerali come calcio, sodio e potassio, vitamine del gruppo B».

Gli energy drinks, avverte l’esperta, «devono dunque essere consumati con moderazione e se possibile evitarne proprio il consumo, proprio a cause dei suoi componenti. Un consumo eccessivo di caffeina, può dar luogo infatti ad ansia, insonnia, eccitazione, nervosismo, tachicardia e disturbi gastrointestinali. Anche un consumo eccessivo di taurina può avere degli effetti indesiderati, come ipertensione, disturbi gastrointestinali. Senza dimenticare gli zuccheri forniti, che possono concorrere all’obesità sopratutto se il consumo di tali bevande, al pari delle altre bevande zuccherine, è protratto nel tempo ed in quantità eccessive».

Inoltre, secondo ricercatori americani, gli effetti avversi su attività cardiaca e pressione arteriosa sono maggiori in chi consuma bevande energetiche rispetto a chi consuma solo caffè.

E’ allarme Hiv, 10 nuovi casi al giorno

Pubblicato il 22 Giu 2017 alle 6:10am

Un nuovo rapporto stilato dall’Iss avverte che «sono sempre meno i giovani che utilizzano il Telefono Verde AIDS e IST», e che «sui temi della prevenzione aumenta la disinformazione degli utenti. Anche il test HIV non viene sistematicamente eseguito da circa la metà di coloro che chiamano dichiarando di aver avuto un comportamento a rischio».

Un problema, quello delle malattie sessualmente trasmissibili (IST), che si sta sempre più diffondendo soprattutto tra le nuove generazioni.

Un problema troppo spesso sottovalutato come evidenziato anche dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin, nel corso di un convegno per i 30 anni del Telefono Verde di informazioni dell’Iss: «C’è una sottovalutazione del rischio rispetto alle malattie sessualmente trasmesse nonostante i dati parlino di 3.500 nuovi casi di HIV ogni anno, praticamente 10 nuove diagnosi al giorno».

Durante la conferenza stampa il ministro ha annunciato che è in arrivo una Campagna social fatta da blogger per i più giovani sui pericoli e sulla prevenzione di queste infezioni.

Ragazza di 22 anni beve 8 bicchieri di vodka con metanolo e diventa cieca. Ecco il suo appello ai giovani

Pubblicato il 08 Mag 2017 alle 10:49am

Hannah Powell è rimasta cieca, dopo aver bevuto vodka con metanolo in un locale a Laganas, a Zante in Grecia. E un trapianto di reni.

La ragazza, inglese e 22 anni, dopo aver bevuto otto bicchieri di vodka è tornata in hotel senza mostrare alcun segno di malessere. Poche ore il terribile dramma, non vedeva più.

Hannah, che sta ora lottando con una grave insufficienza renale che la costringerà alla dialisi a vita. Il suo appello: “Il mio consiglio ai ragazzi in vacanza è di stare lontani da alcol a basso costo: accertatevi sempre di cosa state bevendo. Spero che l’inferno che sto attraversando possa impedire che altri finiscano per avere il mio stesso destino”.

Lavoro, il 58% dei laureati trova impiego entro 3 anni: siamo penultimi in Ue

Pubblicato il 07 Mag 2017 alle 7:17am

Migliora la percentuale dei giovani laureati italiani che dopo tre anni dal conseguimento del tanto ambito titolo di studio risultano essere occupati entro tre anni. (altro…)

Festival Show 2017, le date della 18esima edizione

Pubblicato il 14 Apr 2017 alle 8:46am

Il FESTIVAL SHOW compie quest’anno 18 anni di grandi successi, con 198 spettacoli, confermandosi così come il festival itinerante dell’estate italiana! Raggiunta la maggiore età, torna questa estate con tanta esperienza e nuova energia a scaldare le piazze italiane con otto impedibili appuntamenti che si concluderanno il 4 settembre con il gran finale all’Arena di Verona.

L’anno scorso sono saliti sul palco di Festival Show 70 artisti, per oltre 36 ore di spettacolo e 100 ore di dirette radio e streaming e, per la prima volta, diretta da parte di Real Time.

Durante la serata finale all’Arena di Verona si sono esibiti davanti a migliaia di persone Max Pezzali, Arisa, Emis Killa, Fabio Rovazzi, Gabry Ponte, Ivana Spagna, Fausto Leali, Marco Carta, Ron e Stadio!

Il cast di quest’anno non è ancora stato annunciato ma il festival sarà diviso sulle seguenti date: 27 luglio 2017 Arenile Madonna dell’Angelo, CAORLE; 18 Agosto 2017 Beach Arena, LIGNANO SABBIADORO, 25 Agost0 2017 Piazza Ferretto, MESTRE, 4 Settembre 2017 Arena, VERONA per il gran finale.

Per i giovani artisti emergenti, che in queste settimane vengono selezionati per accedere a maggio alla finale che decreterà i 12 vincitori che avranno la possibilità di salire sul palco itinerante del Festival Show 2017, per la prima volta, ci sarà la possibilità di partecipare anche a casting in Svizzera, a Malta e in Romania.

Nel 2016 il concorso dedicato agli artisti emergenti è stato vinto dalla cantautrice Nòe, che si è aggiudicata una borsa di studio per il CET di Mogol.

Sul palco il corpo di ballo che accompagnerà gli artisti durante le loro esibizioni è guidato da Etienne Jean Marie, ballerino di fama internazionale che ha danzato per Holly Valance, Kylie Minogue, Robbie Williams, Nelly Furtado, Prince, Geri Halliwell (nel video di “It’s Raining Men”) e tanti altri. L’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, che accompagnerà gli artisti sul palco, vede la direzione musicale del Maestro Diego Basso.

Organizzatrici dell’evento, anche quest’anno, sono: Radio Birikina e Radio Bella & Monella.