giuria

Premio Campiello 2019: selezionata oggi la cinquina finalista

Pubblicato il 31 Mag 2019 alle 2:51pm

Selezionata oggi a Padova la cinquina finalista della 57^ edizione del Premio Campiello, concorso di letteratura italiana contemporanea promosso dalla Fondazione Il Campiello ‐ Confindustria Veneto. Nel corso della votazione pubblica che si è tenuta nell’Aula Magna G. Galilei di Palazzo Bo, Università degli Studi di Padova, una Giuria di Letterati ha votato oltre 290 libri ammessi al concorso dal Comitato Tecnico: al 1° turno con 7 voti si sono posizionati Laura Pariani, “Il gioco di Santa Oca” (La nave di Teseo), al 2° turno con 7 voti Paolo Colagrande, “La vita dispari” (Einaudi) e con 6 voti Giulio Cavalli, “Carnaio” (Fandango), al 3° turno con 6 voti Francesco Pecoraro, “Lo stradone” (Ponte alle Grazie), e dopo altre votazioni, al ballottaggio con 6 voti Andrea Tarabbia, “Madrigale senza suono” (Bollati Boringhieri).

Durante la selezione la Giuria ha inoltre annunciato il vincitore del Premio Campiello Opera Prima, riconoscimento attribuito dal 2004 ad un autore al suo esordio letterario. Il premio è stato assegnato a Marco Lupo per il romanzo “Hamburg” (Il Saggiatore).

A seguire i commenti e le votazioni dei giurati, un parterre di ospiti istituzionali, imprenditori, giornalisti e rappresentanti delle case editrici. La Giuria dei Letterati è stata presieduta dal Magistrato Carlo Nordio, e composta da autorevoli personalità del mondo letterario ed accademico come Federico Bertoni, Daniela Brogi, Silvia Calandrelli, Philippe Daverio, Chiara Fenoglio, Luigi Matt, Ermanno Paccagnini, Lorenzo Tomasin, Roberto Vecchioni, Emanuele Zinato.

Carlo Nordio, Presidente della Giuria dei Letterati, ha dichiarato: “Il numero e la qualità dei libri segnalati dimostrano anche più dello scorso anno la vitalità e i pregi della letteratura italiana contemporanea. La selezione della cinquina avvenuta in assoluta trasparenza è stata preceduta da una discussione collegiale ispirata al rigore e all’imparzialità con lo scopo di coniugare la qualità dei testi con la loro capacità di suscitare la riflessione e la curiosità”.

Matteo Zoppas, Presidente della Fondazione Il Campiello ‐ Confindustria Veneto, ha sottolineato: “Il Premio Campiello, fiore all’occhiello degli industriali del Veneto, è la testimonianza concreta dell'impegno sociale e culturale degli imprenditori, perché è la cultura, nella sua più vasta accezione, a rappresentare l’autentico collante identitario della convivenza civile e della crescita di una comunità. Perché la cultura ha un ruolo fondamentale nella formazione e nella costruzione dell’identità delle persone, anche nei momenti di difficoltà. È un principio in cui come imprenditori crediamo molto e che ci impegniamo a rendere concreto. Per questo ieri, insieme a Vincenzo Boccia, Letizia Moratti e Piero Prenna abbiamo presentato “Il Campiello per San Patrignano”: un’iniziativa che nasce dalla volontà di promuovere un nuovo dialogo tra la Comunità e il nostro Piero Luxardo, Presidente del Comitato di gestione del Premio, ha dichiarato: “Noi abbiamo un compito molto impegnativo, che viene svolto con abnegazione dalla giuria che è composta da grandi specialisti. È stata un’edizione molto combattuta, i libri meritevoli erano parecchi, avremmo potuto selezionare una decina anziché una cinquina quest’anno. Come capita con la vendemmia, ci sono annate buone e altre meno buone, questa è stata una delle migliori.”

Massimo Finco, Presidente di Assindustria Venetocentro – imprenditori Padova Treviso, ha affermato: “Esiste da sempre un forte legame tra cultura e impresa, da cui è nato il Campiello, e che va oltre la logica della sponsorizzazione. Per noi, fare impresa e fare industria è fare cultura. E la cultura rafforza l’impresa. Una ‘cultura politecnica’, sintesi di umanesimo e scienza, di creatività e tecnologia. Sollecitare queste considerazioni nel 500° anniversario della morte di Leonardo, vuol dire ricordare agli italiani quanto cultura e impresa siano state capaci di portare l’ingegno italiano nel mondo. E riconoscere l’industria come patrimonio culturale dell’Italia. Cultura che implica educazione, ricerca, conoscenza. Questa cultura genera valori, capacità di comprendere la realtà, orientamento all’eccellenza. Educa i giovani, attrae i talenti, difende dalla paura. È l’antidoto alla demagogia e al populismo. Vuol dire capacità di studio, di approfondimento, di rifuggire dall’approssimazione, dall’improvvisazione, di cui il nostro Paese ha grande bisogno.”

Il Premio Campiello Opera Prima è stato assegnato con la seguente motivazione: Hamburg è un libro sulla labilità della memoria e su come venga tramandata da un gruppo di lettori clandestini. In un mondo di macerie che ricorda le atmosfere di Fahrenheit 451, un coro di voci si ritrova, segretamente, ogni lunedì in una libreria. Non si tratta di una “allegra brigata” che si ritira su un colle ameno, bensì di una banda di resistenti che scorge nella lettura la medesima funzione che gli uomini primitivi attribuivano agli affreschi delle grotte di Lascaux.

Il vincitore della 57^ edizione del Premio Campiello sarà proclamato sabato 14 settembre a Venezia sul palco del Teatro La Fenice, selezionato dalla votazione della Giuria dei Trecento Lettori anonimi. I Giurati verranno selezionati da tutto il territorio nazionale in base alle categorie sociali e professionali, e i nomi rimarranno segreti fino alla serata finale.

Il Premio Campiello è realizzato grazie al sostegno di Intesa Sanpaolo, Eni, Umana, Fincantieri, Cattolica Assicurazioni, Unioncamere Veneto, Alperia Sum, Veronafiere, Anthea, Somec, Seingim, Sidi, Texa e Treccani e con la collaborazione di MUVE, Grafiche Antiga, T Fondaco dei Tedeschi, Consorzio di Tutela del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene DOCG, Scuola del Vetro Abate Zanetti, Salviati. Community Group Corporate Communication, Rai Main Media Partner, Rai Cultura Media Partner e patrocinato dalla Regione Veneto.

Sanremo, il presidente Rai: “Il sistema di voto va corretto”. A pensarla così anche Baglioni “Se il festival vuol essere popolare a decidere sia solo il televoto”

Pubblicato il 11 Feb 2019 alle 1:19pm

Il direttore artistico Claudio Baglioni lo ha detto chiaramente in conferenza stampa due giorni fa, dopo le polemiche che sono emerse con il vincitore. “Se il festival vuol essere popolare, a decidere sia solo il televoto”. Adesso interviene anche il presidente della Rai, Marcello Foa, che senza troppi giri di parole, sottolinea: “C’è stata una sproporzione, un chiaro squilibrio tra il voto popolare e una giuria composta da poche decine di persone che ha provocato le polemiche. Il sistema di voto va corretto chiaramente”.

Il riferimento è naturalmente al caso di Ultimo, per le preferenze del televoto ribaltate dai voti delle giurie tecniche. Se alla fine ha vinto Mahmood, il pubblico da casa aveva premiato “I tuoi particolari” di Ultimo. “Questo sistema funziona o no? – ha detto Foa a ‘UnoMattina’ – Va corretto – ha spiegato chiaramente il presidente Rai – anche perché il pubblico si senta rappresentato. C’è stato, come sappiamo un ribaltamento del giudizio e ne va tenuto conto”.

Foa, si è detto poi molto colpito dalla partecipazione dei giovani: “C’è stato un livello altissimo di partecipazione sui social, ma anche nei dati d’ascolto, da parte dei giovanissimi che mancava da tanti anni. Soprattutto le ragazze sono state incantate da Sanremo. E questo è molto importante perché Sanremo è un punto di raccolta dello spirito nazionale e deve rimanere tale per tanti anni a venire”.

Come sappiamo anche il Codacons sostiene che si debba aprire un’indagine per il meccanismo di voti che ha premiato Mahmood. Secondo il Codacons “il voto del pubblico da casa è stato di fatto annullato e umiliato, con conseguenze enormi sul fronte economico, considerato che i telespettatori hanno speso soldi attraverso il televoto, un televoto reso inutile dalle decisioni delle altre giurie”. E questo perché per l’associazione che tutela i consumatori, il meccanismo con cui si è scelto Mahmood “sembra aver arrecato un danno a quegli utenti che da casa hanno espresso la propria preferenza (a pagamento) e potrebbe addirittura realizzare la fattispecie di pratica commerciale scorretta. In tal senso il Codacons depositerà formale esposto ad Antitrust affinché apra una indagine sulla classifica di Sanremo 2019”.

Secondo l’associazione dei consumatori, “durante la finalissima – ma se si osservano anche proiezioni precedenti in cui sin dall’inizio è risultato essere il favorito – il cantante Ultimo è risultato essere il più votato dal televoto, ottenendo il 46,5% dei voti del pubblico, addirittura 30 voti percentuali in più rispetto al vincitore Mahmood, che ha ottenuto solo il 14,1% delle preferenze. Nonostante tali numeri schiaccianti, il voto della sala stampa e della giuria d’onore ha ribaltato la classifica del televoto, assegnando la vittoria a Mahmood”.

A seguire i risultati di voto serata per serata

Sanremo 2019, votazioni prima serata (1-24)

CLASSIFICA TELEVOTO (40%): 1 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 17,99% 2 – Il Volo (“Musica che resta”) 17,21% 3 – Federica Carta e Shade (“Senza farlo apposta”) 5,27%

CLASSIFICA GIURIA DEMOSCOPICA (30%) 1 – Il Volo (“Musica che resta”) 2 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 3 – Loredana Bertè (“Cosa ti aspetti da me”)

CLASSIFICA SALA STAMPA (30%) 1 – Mahmood (“Soldi”) 2 – Simone Cristicchi (“Abbi cura di me”) 3 – Daniele Silvestri (“Argento vivo”)

CLASSIFICA PRIMA SERATA: 1 – Ultimo (“I tuoi particolari) 11,53% 2 – Il Volo (“Musica che resta”) 10, 72% 3 – Simone Cristicchi (“Abbi cura di me”) 6,43%

La prima serata di Sanremo 2019 vede primeggiare, fin dall’inizio, Mahmood in Sala Stampa. Il cantante però, grazie alle posizioni del televoto (21esimo) e della giuria demoscopica (19esimo), si deve accontentare soltanto dell’ottavo posto. Ottima terza posizione per Federica Carta e Shade al televoto ma i due, tuttavia, si fermano sul 12esimo gradino della classifica generale. Per la Sala Stampa, infatti, sono ultimi. Da segnalare il quarto posto al televoto dei Boomdabash che battono di un soffio Irama, quinto per il pubblico televotante. Anna Tatangelo è ultima al televoto con appena l’1.2% dei voti (22esima per la Sala Stampa, 15esima per la demoscopica).

Sanremo 2019, votazioni seconda serata (1-12) CLASSIFICA TELEVOTO (40%): 1 – Il Volo (“Musica che resta”) 38,32% 2 – Loredana Bertè (“Che cosa vuoi da me”) 8,12% 3 – Federica Carta e Shade (“Senza farlo apposta”) 7,29%

CLASSIFICA GIURIA DEMOSCOPICA (30%) 1 – Il Volo (“Musica che resta”) 2 – Loredana Bertè (“Che cosa vuoi da me”) 3 – Daniele Silvestri (“Argento vivo”)

CLASSIFICA SALA STAMPA (30%) 1 – Arisa (“Mi sento bene”) 2 – Daniele Silvestri (“Argento vivo”) 3 – Loredana Bertè (“Che cosa vuoi da me”)

CLASSIFICA SECONDA SERATA: 1 – Il Volo (“Musica che resta”) 21,51% 2 – Arisa (“Mi sento bene”) 12,78% 3 – Loredana Bertè (“Che cosa vuoi da me”) 12,35%

Nella seconda serata della kermesse canora si sono esibiti soltanto 12 artisti su 24. Il Volo è imbattibile al televoto e primo per giuria demoscopica, mentre Arisa riesce a conquistare la Sala Stampa (mentre è settima al televoto). Carta e Shade, anche in questo caso, sono nell’ultima posizione per la Sala Stampa, a dispetto del pubblico da casa che li premia ancora. Da segnalare Achille Lauro, penalizzato dalla demoscopica (dodicesimo) e quarto per televoto e Sala Stampa. Negrita ultimi per il televoto.

Sanremo 2019, votazioni terza serata (1-12) CLASSIFICA TELEVOTO (40%): 1 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 27,92% 2 – Irama (“La ragazza con il cuore di latta”) 14,62% 3 – Boomdabash (“Per un milione”) 11,42%

CLASSIFICA GIURIA DEMOSCOPICA (30%) 1 – Simone Cristicchi (“Abbi cura di me”) 2 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 3 -Irama (“La ragazza con il cuore di latta”)

CLASSIFICA SALA STAMPA (30%) 1 – Simone Cristicchi (“Abbi cura di me”) 2 – Mahmood (“Soldi”) 3 – Ultimo (“I tuoi particolari”)

CLASSIFICA TERZA SERATA: 1 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 19,90% 2 – Simone Cristicchi (“Abbi cura di me”) 13,99% 3 – Irama (“La ragazza con il cuore di latta”) 12,32%

Nel corso della terza serata del Festival si sono esibiti i 12 artisti (su 24) rimanenti. Per la Sala Stampa, Cristicchi ha la meglio sul futuro vincitore Mahmood (quarto nella classifica generale). Il televoto premia i Boomdabash, i quali si piazzano in terza posizione. Il gruppo, comunque sia, si ferma in sesta posizione per via della Sala Stampa (10^ posto). Ultimo compare nella top 3 di tutte e tre le giurie. Penultimo posto, al televoto, per Anna Tatangelo che riesce a precedere soltanto Motta.

Sanremo 2019, votazioni quarta serata serata (1-24) CLASSIFICA TELEVOTO (50%): 1 – Il Volo (“Musica che resta”) 22,35% 2 – Ultimo (“I tuoi particolari) 14,44% 3 – Irama (“La ragazza con il cuore di latta”) 8,38%

CLASSIFICA GIURIA D’ONORE (20%) 1 – Mahmood (“Soldi”) 2 – Daniele Silvestri (“Argento vivo”) 3 – Motta (“Dov’è l’Italia”)

CLASSIFICA SALA STAMPA (30%) 1 – Loredana Bertè (“Che cosa vuoi da me”) 2 – Arisa (“Mi sento bene”) 3 – Daniele Silvestri (“Argento vivo”)

CLASSIFICA QUARTA SERATA 1 – Il volo (“Musica che resta”) 12,47% 2 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 10,29% 3 – Mahmood (“Soldi”) 8,3o%

RISULTATO CUMULATO QUARTA SERATA CON SERATE PRECEDENTI: 1 – Il Volo (“Musica che resta”) 11,61% 2 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 10.29% 3 – Simone Cristicchi (“Abbi cura di me”) 6,63%

Nella quarta serata, dedicata ai duetti, la Giuria d’Onore subentra alla Giuria Demoscopica. Il Volo riesce a raggiungere la prima posizione nel cumulo dei voti di tutte e quattro le serate, così come Ultimo raggiunge la seconda posizione. Mahmood si ferma invece al terzo posto della classifica della serata, mentre è quinto in quella del cumulo totale. Nino D’Angelo e Livio Cori sono già al ventiquattresimo posto. Ultima al televoto Anna Tatangelo con appena l’1,05%. Caso curioso quello di Motta che vince la serata dei duetti per la Giuria d’Onore ma poi è terzo per la stessa giuria. Perchè?

Sanremo 2019, votazioni quinta serata (1-24) CLASSIFICA TELEVOTO (50%): 1 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 19,25% 2 – Il Volo (“Musica che resta”) 17,65% 3 – Loredana Bertè (“Che cosa vuoi da me”) 9,49%

CLASSIFICA GIURIA D’ONORE (20%) 1 – Mahmood (“Soldi”) 2 – Daniele Silvestri (“Argento vivo”) 3 – Arisa (“Mi sento bene”)

CLASSIFICA SALA STAMPA (30%) 1 – Loredana Bertè (“Che cosa vuoi da me”) 2 – Mahmood (“Soldi”) 3 – Daniele Silvestri (“Argento vivo”)

CLASSIFICA QUINTA SERATA: 1 – Mahmood (“Soldi”) 13,30% 2 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 12,92% 3 – Loredana Bertè (“Che cosa vuoi da me”) 10,35%

RISULTATO CUMULATO QUINTA SERATA CON VOTAZIONI PRECEDENTI: 1 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 11,72% 2 – Il Volo (“Musica che resta”) 10,54% 3 – Mahmood (“Soldi”) 9,85%

Prima della finalissima, la vittoria sembra essere in mano ad Ultimo, anche se il giovane non è in top 3 né per la Giuria d’Onore (6^) né per la Sala Stampa (6^). La Bertè non riesce a salire sul podio anche a causa della Giuria d’Onore, che la mette in sesta posizione a pari merito con Ultimo e prima di Cristicchi e de Il Volo. Irama, quarto al televoto, deve accontentarsi del 12esimo posto della Giuria d’Onore e del decimo posto della Sala Stampa.

Sanremo 2019, votazioni finalissima CLASSIFICA TELEVOTO (50%): 1 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 48,80% 2 – Il volo (“Musica che resta”) 30,36% 3 – Mahmood (“I tuoi particolari”) 20,95%

CLASSIFICA GIURIA D’ONORE (20%): 1 – Mahmood (“Soldi”) 2 – Ultimo (“I tuoi particolari”) – Il volo (“Musica che resta”) – EX AEQUO

CLASSIFICA SALA STAMPA (30%): 1- Mahmood (“Soldi”) 2- Ultimo (“I tuoi particolari”) 3- Il Volo (“Musica che resta”)

CLASSIFICA FINALISSIMA: 1 – Mahmood (“Soldi”) 47,15% 2 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 34,62% 3 – Il Volo (“Musica che resta”) 18,22%

CLASSIFICA E RISULTATO CUMULATO CON VOTAZIONI PRECEDENTI: 1 – Mahmood (“Soldi”) 38,92% 2 – Ultimo (“I tuoi particolari”) 35,56% 3 – Il Volo (“Musica che resta”) 25,53%

Il televoto a tre della finalissima premia Ultimo, ma la Sala Stampa e la Giuria D’Onore posizionano Mahmood al primo posto. Ultimo scivola così al secondo posto a causa dell’ex aequo raggiunto con Il Volo nella classifica della Giuria d’Onore.

Sanremo, Nuove Proposte: Claudio Baglioni “Portiamo da 60 a 68 gli artisti giovani da riascoltare nelle successive audizioni dal vivo”

Pubblicato il 31 Ott 2017 alle 10:15am

Entra nel vivo la sfida tra le Nuove Proposte per la 68^ edizione del Festival di Sanremo. Sessantotto, per volere del direttore artistico Claudio Baglioni, rispetto ai 60 previsti dal regolamento, coloro che parteciperanno alle audizioni dal vivo programmate per il prossimo 6 novembre a Roma. Ai 68 si aggiungerà il vincitore del Festival Voci Nuove Volti Nuovi Castrocaro Terme e Terra del Sole (edizione 2017). “Io e i membri della commissione selezionatrice – dichiara Claudio Baglioni – abbiamo ricevuto un numero davvero molto alto di proposte da esaminare, riscontrando con entusiasmo e favore una grande vivacità creativa e un’appassionante varietà di stili musicali e poetici. È stato davvero difficile valutare e scegliere tra così tanti progetti di valore e, purtroppo, alcuni brani e interpreti interessanti sono rimasti indietro”. “Anche per questo – conclude il direttore artistico – abbiamo deciso di portare da 60 a 68 gli artisti giovani da riascoltare nelle successive audizioni dal vivo: 68 come la prossima rassegna del Festival di Sanremo alla quale stiamo lavorando”. (altro…)

Festival Show 2017, le date della 18esima edizione

Pubblicato il 14 Apr 2017 alle 8:46am

Il FESTIVAL SHOW compie quest’anno 18 anni di grandi successi, con 198 spettacoli, confermandosi così come il festival itinerante dell’estate italiana! Raggiunta la maggiore età, torna questa estate con tanta esperienza e nuova energia a scaldare le piazze italiane con otto impedibili appuntamenti che si concluderanno il 4 settembre con il gran finale all’Arena di Verona.

L’anno scorso sono saliti sul palco di Festival Show 70 artisti, per oltre 36 ore di spettacolo e 100 ore di dirette radio e streaming e, per la prima volta, diretta da parte di Real Time.

Durante la serata finale all’Arena di Verona si sono esibiti davanti a migliaia di persone Max Pezzali, Arisa, Emis Killa, Fabio Rovazzi, Gabry Ponte, Ivana Spagna, Fausto Leali, Marco Carta, Ron e Stadio!

Il cast di quest’anno non è ancora stato annunciato ma il festival sarà diviso sulle seguenti date: 27 luglio 2017 Arenile Madonna dell’Angelo, CAORLE; 18 Agosto 2017 Beach Arena, LIGNANO SABBIADORO, 25 Agost0 2017 Piazza Ferretto, MESTRE, 4 Settembre 2017 Arena, VERONA per il gran finale.

Per i giovani artisti emergenti, che in queste settimane vengono selezionati per accedere a maggio alla finale che decreterà i 12 vincitori che avranno la possibilità di salire sul palco itinerante del Festival Show 2017, per la prima volta, ci sarà la possibilità di partecipare anche a casting in Svizzera, a Malta e in Romania.

Nel 2016 il concorso dedicato agli artisti emergenti è stato vinto dalla cantautrice Nòe, che si è aggiudicata una borsa di studio per il CET di Mogol.

Sul palco il corpo di ballo che accompagnerà gli artisti durante le loro esibizioni è guidato da Etienne Jean Marie, ballerino di fama internazionale che ha danzato per Holly Valance, Kylie Minogue, Robbie Williams, Nelly Furtado, Prince, Geri Halliwell (nel video di “It’s Raining Men”) e tanti altri. L’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, che accompagnerà gli artisti sul palco, vede la direzione musicale del Maestro Diego Basso.

Organizzatrici dell’evento, anche quest’anno, sono: Radio Birikina e Radio Bella & Monella.

Gigi D’Alessio contro giuria di qualità e Carlo Conti, ecco perché

Pubblicato il 12 Feb 2017 alle 3:45pm

Gigi D’Alessio, in un’intervista rilasciata al quotidiano La Stampa, esprime tutta la sua delusione ed amarezza nei confronti della giuria di qualità, del Festival di Sanremo.

Così, va all’attacco, senza risparmiare nessuno, neppure il conduttore Carlo Conti. (altro…)

Dal 21 novembre su Canale 5 il nuovo programma di Simona Ventura: “Selfie – Le cose cambiano”

Pubblicato il 11 Nov 2016 alle 5:30am

Doveva partire il 9 novembre scorso su Italia 1 il nuovo show di Simona Ventura, intitolato “Selfie – Le cose cambiano”, ma in vista della finale del Grande Fratello Vip, il lancio del nuovo show firmato Mediaset è stato rinviato al 21 novembre in prima serata, ma su Canale 5. (altro…)

LigaRockParkContest: Francesco Rainero, Last, The Jab e I Dei Degli Olimpo i vincitori del concorso che si esibiranno sul palco di Luciano Ligabue in occasione del LigaRockPark

Pubblicato il 13 Set 2016 alle 5:26pm

I vincitori del concorso LIGAROCKPARKCONTEST, voluto fortemente da Regione Lombardia per valorizzare giovani talenti musicali, sono Francesco Rainero (con il brano “La Strada”), Last (con “10 mila Anni Luce”), The Jab (con “Regina”) e I Dei Degli Olimpo (con “Mille Anni dall’Ombra”). Si esibiranno sul palco di Luciano Ligabue in occasione del doppio appuntamento live “LIGA ROCK PARK”, che si terrà sabato 24 e domenica 25 settembre nella splendida cornice del Parco di Monza.

I 4 vincitori sono stati decretati da una Giuria di qualità, presieduta dal presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, tra le 10 band finaliste si sono esibite dal vivo questa mattina, nel corso di un’audizione all’Auditorium ‘Testori’ di Palazzo Lombardia, dopo essere state votate, attraverso i canali ufficiali di Regione Lombardia, Ligachannel e Fepgroup e su tutti i canali social #sulpalcodiliga.

“Questi ragazzi sono tutti bravissimi – ha dichiarato il Presidente della Regione Regione Lombardia, Roberto Maroni, presentando i 4 vincitori del ‘LIGAROCKPARKCONTEST’ – Scegliere non è stato facile, perché ci siamo trovati ad ascoltare artisti di vera qualità, capacità e originalità. Chi ha vinto, avrà la grande opportunità di esibirsi su un palco di fronte a 100 mila persone. Ringrazio Ligabue per aver accolto questa nostra proposta e, visto il successo, intendiamo continuare su questa strada con altre iniziative analoghe, perché vogliamo dare ai giovani musicisti altre occasioni per emergere e sfondare nel mondo della musica”.

Il contest ha avuto un grande successo di partecipazione con:

– 184 video caricati – 9.271 utenti votanti – 682.252 visualizzazioni di pagina – 91.323 voti assegnati.

Grande apprezzamento per questa iniziativa anche da parte della Siae.

“Condividiamo pienamente le motivazioni che hanno ispirato il Liga Rock Park Contest – ha commentato Filippo Sugar, Presidente di SIAE – che è in linea con l’impegno di SIAE in favore dei giovani autori sui quali abbiamo deciso di investire attraverso diverse iniziative di sostegno e promozione. Dopo l’azzeramento della quota di iscrizione per gli under 31, le agevolazioni tariffarie, le borse di studio ed il sostegno a progetti specifici, l’attività di SIAE per i giovani emergenti si concretizza ora anche in progetti volti a sostenerne la carriera artistica, promuovendone la conoscibilità e l’affermazione”.

Per i vincitori un premio economico di 5 mila euro a band da utilizzare per le spese connesse alla loro attività musicale (strumenti; sala d’incisione ecc.).

“È il primo passo di un progetto molto più ampio, realizzato da SIAE in collaborazione con la F&P Group, operatore primario nel settore della musica live e degli eventi – ha concluso Sugar – che si svilupperà nel corso di quest’anno fino a tutto il 2017, con l’obiettivo di favorire l’esibizione di artisti o gruppi di artisti emergenti che eseguono opere proprie o di giovani autori in apertura di concerti ed eventi musicali”.

Come per il Liga Rock Park Contest, l’intesa raggiunta tra SIAE e F&P mira a far sì che gli artisti affermati possano dare un’opportunità ai giovani, facendoli esibire su palchi più prestigiosi.

SIAE auspica infatti che le intese con F&P possano essere estese anche ad altri operatori primari, al fine di promuovere l’attività dei giovani creativi in tutta la filiera degli eventi live.

La Giuria di qualità, presieduta dal presidente Maroni era composta da: Marco Alboni – CEO Warner Music Italy; Roberto Razzini – Managing Director of Warner Chappell Music; Daniele Suraci – programmazione musicale di RTL 102,5; Paolo Giordano – critico musicale de ‘Il Giornale’, Pietro Casarini – Social Media Manager di Ligabue.com

Amici 15, le anticipazioni di ciò che vedremo nella puntata serale del 2 aprile

Pubblicato il 28 Mar 2016 alle 9:00am

Sabato 26 marzo è stata registrata la prima puntata del serale di Amici 15, che sarà trasmessa su Canale 5 il prossimo sabato 2 aprile. (altro…)

Soundtrack Stars, Malika Ayane giurata d’eccezione e Nicola Piovani Premio alla Carriera

Pubblicato il 28 Ago 2015 alle 2:47pm

Dal 2 settembre, per il terzo anno consecutivo, torna al lido di Venezia Soundtrack Stars Award, Premio Collaterale alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica insieme a Venezia72. Giurata d’eccezione, Malika Ayane. (altro…)