governo Draghi

Consiglio dei ministri: nominati 39 sottosegretari, di cui 19 sono donne

Pubblicato il 24 Feb 2021 alle 9:19pm

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera alla lista dei sottosegretari del governo Draghi: 39 sottosegretari di cui 19 donne e 20 uomini. Successivamente verrà assegnato il sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega allo sport.

Il Cdm ha nominato anche sei viceministri, tra i 39 sottosegretari: 4 donne e 2 uomini. Marina Sereni sarà viceministro agli Esteri, Laura Castelli all’Economia, Gilberto Pichetto Fratin e Alessandra Todde allo Sviluppo economico, Teresa Bellanova e Alessandro Morelli alle Infrastrutture e Trasporti.

Questa la squadra. Presidenza del Consiglio • Deborah Bergamini, Simona Malpezzi (Rapporti con il Parlamento) • Dalila Nesci (Sud e coesione territoriale) • Assuntela Messina (Innovazione tecnologica e transizione digitale) • Vincenzo Amendola (Affari europei) • Giuseppe Moles (Informazione ed editoria) • Bruno Tabacci (Coordinamento della politica economica) • Franco Gabrielli (Sicurezza della Repubblica) Esteri e cooperazione internazionale Marina Sereni – viceministro Manlio Di Stefano, Benedetto Della Vedova Interno Nicola Molteni, Ivan Scalfarotto, Carlo Sibilia Giustizia Anna Macina, Francesco Paolo Sisto Difesa Giorgio Mulè, Stefania Pucciarelli Economia Laura Castelli – viceministro Claudio Durigon, Maria Cecilia Guerra Alessandra Sartore Sviluppo economico Gilberto Pichetto Fratin – viceministro Alessandra Todde – viceministro Anna Ascani Politiche agricole alimentari e forestali Francesco Battistoni, Gian Marco Centinaio Transizione ecologica Ilaria Fontana, Vannia Gava Infrastrutture e trasporti Teresa Bellanova – viceministro Alessandro Morelli – viceministro Giancarlo Cancelleri Lavoro e politiche sociali Rossella Accoto, Tiziana Nisini Istruzione Barbara Floridia, Rossano Sasso Beni e attività culturali Lucia Borgonzoni Salute Pierpaolo Sileri, Andrea Costa. Sarà successivamente designato il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport.

Il Cdm che era stato convocato in prima seduta alle ore 17 poi era slittato alle ore 18 e l’ordine del giorno era stato integrato con la nomina dei sottosegretari.

La lista dei nuovi ministri del governo Draghi

Pubblicato il 12 Feb 2021 alle 8:34pm

Ecco la lista dei nuovi ministri letta dal presidente incaricato del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, che ha presentato al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il giuramento avverrà sabato 13 febbraio alle ore 12.

Luigi Di Maio (Esteri), Luciana Lamorgese (Interno), Marta Cartabia (Giustizia), Lorenzo Guerini (Difesa), Daniele Franco (Economia), Giancarlo Giorgetti (Sviluppo economico)
Stefano Patuanelli (Politiche Agricole), Roberto Cingolani (Ambiente e Transizione ecologica), Enrico Giovannini (Infrastrutture e Trasporti), Patrizio Bianchi (Istruzione), Cristina Messa (Università), Dario Franceschini (Cultura), Roberto Speranza (Salute), Maria Stella Gelmini (Autonomie), Vittorio Colao (Innovazione tecnologica e transizione digitale), Andrea Orlando (Lavoro), Mara Carfagna (Sud e coesione), Renato Brunetta (Pubblica amministrazione), Federico D’Incà (Rapporti con il Parlamento), Fabiana Dadone (Politiche giovanili), Elena Bonetti (Pari opportunità e famiglia), Erika Stefani (Disabilità), Massimo Garavaglia (Turismo).

Governo Draghi, scuola fino a fine giugno e da settembre coprire cattedre vuote

Pubblicato il 08 Feb 2021 alle 8:15pm

Un piano per il mondo del lavoro e l’occupazione, rapporti e sinergia con l’Unione europea, grande attenzione sul tema della scuola che potrà recuperare una parte del tempo perso in estate, prolungando le lezioni fino a fine giugno. Accelerazione sulla somministrazione dei vaccini, valutando in particolar modo gli aspetti legati alla logistica e alla produzione. Questi i punti principali illustrati dal presidente incaricato Mario Draghi ai partiti minori durante il secondo giro di consultazioni iniziato oggi pomeriggio alle 15.

Il presidente del consiglio Mario Draghi ha ricordato anche che a inizio anno scolastico c’erano 10mila cattedre vuote, una situazione che va al più presto sistemata. Quindi lavorare anche per questo, affinché tutte le cattedre per siano coperte dal primo giorno di scuola del nuovo anno scolastico.  

Draghi dovrà riferire al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e sciogliere la riserva nei prossimi giorni, dopo aver sentito anche i partiti minori.

Photo Credit IlMeteo.it