insufficienza cardiaca

Lavare almeno tre volte al giorno i denti, mette al riparo da rischio di fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca

Pubblicato il 05 Dic 2019 alle 6:27am

Lavare i denti in modo più frequente (almeno tre volte al giorno) potrebbe ridurre il rischio di fibrillazione atriale (la più diffusa aritmia del cuore) e insufficienza cardiaca (quando il miocardio non pompa bene il sangue).

A suggerirlo uno studio condotto presso l’Università di Seul e pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology.

L’indagine in questione, ha coinvolto quasi 162 mila persone di 40-79 anni, il cui stato di salute è stato monitorato per un tempo medio di 10 anni e mezzo.

Gli epidemiologi hanno raccolto informazioni sugli stili di vita e le abitudini delle persone da studiare, cercando di capire anche la loro igiene orale.

Ebbene, dai diversi studi confrontati, è emerso che, il rischio di malattie cardiovascolari erano correlati anche a problemi del cavo orale, in particolare alla parodontite, malattia gengivale che, se non curate, possono portare anche alla perdita dei denti.

E proprio la perdita dei denti, spiega in un commento all’ANSA il Presidente eletto della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia Luca Landi, “è correlata a patologie cardiovascolari, cosa che è in linea con tutte le evidenze che vedono nella perdita dei denti un decadimento delle condizioni di salute e di benessere delle persone”. L’idea di fondo è che l’infiammazione e i patogeni presenti nel cavo orale – e in particolare i batteri che si annidano nella tasca gengivale – possano trasmettersi al resto dell’organismo, e quindi anche attraverso il circolo sanguigno. Nello studio si è visto che l’igiene orale può avere un impatto su questa situazione, infatti, è emerso che per chi si lavava i denti tre o più volte al dì il rischio di ammalarsi di fibrillazione atriale era ridotto del 10% mentre quello di ammalarsi di insufficienza cardiaca era diminuito del 12%.

In futuro, concludono gli epidemiologi, con studi di intervento si dovrà confermare il reale impatto dell’igiene orale sul rischio cardiaco.

Scoperto farmaco anti diabete in grado di contrastare anche l’insufficienza cardiaca in non diabetici

Pubblicato il 23 Apr 2019 alle 6:38am

Un gruppo di ricercatori ha scoperto che un farmaco per il diabete, recentemente sviluppato, denominato empagliflozin, può rivelarsi molto efficace per contrastare l’insufficienza cardiaca in soggetti animali non diabetici. Secondo i ricercatori, infatti, questo farmaco…è in grado, di promuovere il livello energetico del cuore il quale funziona anche più efficientemente. (altro…)

Aifa dispone ritiro di farmaci per la pressione e il cuore che contengono Valsartan, principio cancerogeno

Pubblicato il 08 Lug 2018 alle 8:36am

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha disposto il ritiro di diversi lotti di farmaci a base del principio attivo valsartan. In quanto, è stato riscontrato un difetto di qualità, per cui, come misura precauzionale, l’AIFA e le altre Agenzie europee hanno disposto l’immediato ritiro dalle farmacie e dalla catena distributiva di tutte le confezioni interessate.

I medicinali a base di valsartan vengono utilizzati per il trattamento dell’ipertensione arteriosa e dell’insufficienza cardiaca e nei pazienti che hanno subito un infarto cardiaco.

I pazienti che sono in cura con farmaci a base di valsartan devono verificare se il medicinale che assumono sia presente nella lista dei medicinali coinvolti dal ritiro a scopo precauzionale.

Vedi quali sono al seguente link e pdf allegato.

http://www.aifa.gov.it/sites/default/files/Valsartan_elenco_lotti_05072018.pdf

Quelli che compaiono nell’elenco sono, infatti: Valpression e Combisartan (Menarini), Valsodiur (Ibn Savio), Validroc e Pressloval (So.Se. Pharm), Valbacomp (Crinos), Valsartan Doc e Cantensio (Doc Generici), Valsartan Almus (Almus), Valsartan (Zentiva), Valsartan e Hct (Eurogenerici), Valsartan e Idroclortiazide (Pensa Pharma, Ranbaxy Italia, Teva, Doc Generici e Sandoz), Film (Sandoz), Valsartan Hctz (Tecnigen).

Padova, impiantato con successo “mini” cuore bionico, primo caso al mondo

Pubblicato il 22 Ago 2015 alle 6:25am

Un cuore completamente artificiale chiamato “CardioWest 50 cc”, dalle dimensioni piccole, e per questo adatto a giovani e donne, è stato impiantato con successo a Padova. (altro…)

Trapiantato a Parigi il primo cuore artificiale completamente autonomo e senza rigetto

Pubblicato il 23 Dic 2013 alle 8:20am

E’ stato trapiantato con successo, un cuore artificiale completamente autonomo. E’ la prima volta che viene praticato, a livello mondiale, questo tipo di trapianto su un paziente affetto da insufficienza cardiaca terminale da un’equipe medica dell’ospedale europeo Georges Pompidou di Parigi. (altro…)

Cellule staminali per terapia post infarto

Pubblicato il 16 Nov 2011 alle 8:40am

Sono stati positivi i primi test condotti sulle cellule staminali che erano stati predisposti per curare i problemi generati dopo gli infarti. (altro…)