Katie Stubblefield

Katie tenta il suicidio, poi riceve una seconda vita dopo il trapianto di viso

Pubblicato il 17 Ago 2018 alle 10:10am

Katie Stubblefield aveva solo 18 anni quando rimase gravemente sfigurata dopo aver tentato di togliersi la vita con un colpo di arma da fuoco. Soffriva di problemi gastrointestinali cronici, aveva alle spalle una relazione sentimentale fallita, la madre aveva appena perso il lavoro. Così decise di farla finita. Era il 25 marzo 2014. Il fratello maggiore sentì degli spari e la trovò a terra in un pozzo di sangue. I medici dell’ospedale di Oxford, in Mississippi, riuscirono così a salvarle miracolosamente la vita, ma il suo volto non esisteva più. Non poteva masticare, deglutire e respirare. Poco dopo fu trasferita in un altro ospedale a Memphis, nel Tennessee dove per la prima volta fu ipotizzata la possibilità del trapianto di faccia che fu poi eseguito alla Cleveland Clinic in Ohio tre anni dopo l’incidente. (altro…)