Manuela Orlandi

Ossa ritrovate in Nunziatura Apostolica sono di un uomo

Pubblicato il 23 Nov 2018 alle 1:32pm

Le ossa ritrovate nella Nunziatura apostolica romana non sono delle due ragazze misteriosamente scomparse nel 1983, Emanuela Orlandi e Mirella Gregori. La conferma arriva dai primi risultati delle analisi svolte nei laboratori della scientifica di Caserta, che hanno comunicato che i reperti risalgono, senza dubbio, a un periodo precedente al 1964, quando le due quindicenni romane scomparse non erano ancora nate.

Le ossa appartengono infatti ad un uomo. È quanto è emerso da accertamenti e verifiche effettuate dagli esperti nominati della Procura di Roma nell’ambito dell’inchiesta partita dopo il ritrovamento. Il sesso è stato determinato individuando il fattore Y nel DNA estratto dal femore. Le prime risultanze sulla datazione delle ossa sono state date dagli esami sui resti della calotta cranica e del radio, un osso dell’avambraccio.

Gli esami col metodo del carbonio 14 sono stati eseguiti in laboratori specializzati a Caserta. Le indagini, affidate dal Vaticano all’Italia, e in particolare alla procura di Roma e alla Polizia scientifica, sono state finalizzate fin dall’inizio a comparare le ossa con il dna di Emanuela Orlandi, la figlia quindicenne di un dipendente vaticano scomparsa il 22 giugno 1983 e di Mirella Gregori, l’altra 15enne scomparsa poche settimane prima.

Caso Emanuela Orlandi, il gip decide l’archiviazione per tutti gli indagati

Pubblicato il 21 Ott 2015 alle 6:02am

Archiviata l’inchiesta riguardanti le sparizioni di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori, avvenute nel 1983, il 22 giugno e il 7 maggio. (altro…)