metabolismo

Bagno caldo per accelerare la salute metabolica

Pubblicato il 24 Ago 2020 alle 6:00am

Uno studio condotto dal National Centre for Sport and Exercise Medicine della University of Loughborough dice che un bagno caldo aiuta ad accelerare la salute metabolica. Lo studio in questione ha messo in evidenza che fare esercizio fisico non sempre è la strada adeguata per mantenersi in forma. Un bagno caldo, ad esempio, di un’ora ha anche la capacità di accelerare la salute metabolica. Steve Faulkner ritiene che il riscaldamento passivo può migliorare la salute.

Condotto su 14 uomini, ad ognuno di loro è stato detto di andare per un’ora in bicicletta e di fare un bagno in acqua calda a 40 gradi per lo stesso tempo. Gli uomini hanno consumato 140 calorie facendo un bagno caldo, corrispondente a circa 30 minuti di passeggiata. Sugli uomini gli effetti sono stati dirompenti ma lo stesso modo lo studio va applicato anche alle donne per verificare con attenzione se si hanno gli stessi effetti.

Gli uomini sottoposti al test hanno migliorato la capacità di controllare gli zuccheri nel sangue. Fare il bagno caldo presenta un picco di zuccheri più basso. I benefici del riscaldamento passivo aiutano a bruciare calorie in modo passivo e a controllare i disordini metabolici.

Magra dopo i 40 anni, ecco cosa fare

Pubblicato il 04 Ago 2020 alle 6:00am

Se avete superato i 40 anni e non riuscite a raggiungere più il vostro livello di magrezza ideale, ecco alcuni consigli che fanno per voi. Servono a stimolare il metabolismo.

Ci sono alimenti capaci di bruciare grassi, stimolando così anche in modo naturale la tiroide, protagonista indiscussa del metabolismo.

Come prima cosa, mangiate molta frutta e verdura. Evitate condimenti pesanti, preferite cotture leggere al vapore o alla griglia.

Migliorate il tono muscolare, camminando, praticando attività fisica in maniera costante e ginnastica in palestra, ciò vi consentirà di bruciare anche quando sarete a riposo e soprattutto grazie ad un’attività muscolare, capace di rallentare le funzionalità della tiroide.

Il consiglio è quello di mettersi a tavola dopo aver praticato una qualsiasi attività fisica. Praticare attività fisica aiuta a contrastare l’insulino-resistenza e a permettere ai muscoli di utilizzare molto più glucosio del normale contrastando al meglio l’azione ingrassante degli zuccheri.

Mettiamoci in forma con la dieta Sirt! La dieta del gene magro che attiva il metabolismo

Pubblicato il 27 Mar 2020 alle 6:08am

E’ la dieta più usata tra le “celeb”, è quella che ha fatto perdere ben 30 chili alla cantante Adele e usata da Pippa Middleton. Vediamo di cosa si tratta! (altro…)

Come attivare il metabolismo, mangiando

Pubblicato il 09 Mar 2020 alle 6:32am

La dieta può aiutarci a rendere il metabolismo più reattivo. E’ molto importante alimentarci bene, vediamo come:

1. Diminuire il consumo di alimenti ricchi di zuccheri. I carboidrati semplici e gli zuccheri raffinati aumentano i livelli di glucosio nel sangue. In presenza di questa condizione il metabolismo può rallentare. Pertanto, mantenere il glucosio entro certi livelli è possibile sostituendo quelli raffinati ad alto contenuto di grassi con carboidrati complessi e proteine. 2. Alcune spezie che aiutano ad insaporire i nostri piatti, vengono considerate brucia grassi. Parliamo di: peperoncino, pepe, zenzero, curcuma, zafferano, cardamomo, cumino e cannella. 3. Non saltare la colazione e fare pasti regolari. Saltare la prima colazione non fa dimagrire… Anzi. Fa avere più fame dopo quando si mangia a pranzo. Oltre a non saltare i pasti, non bisognerebbe neanche distanziare per più di 5 o 6 ore un pasto dall’altro perché potrebbe rallentare il metabolismo. 4. Bere tanta acqua! Per ottimizzare al meglio l’attività metabolica è importante bere molta acqua. Diversi studi chiariscono che bere più acqua migliora il metabolismo e aiuta anche a consumare più calorie. L’acqua è poi fondamentale per mantenere idratato l’organismo e quindi migliorare anche la buccia d’arancia, e conseguentemente la ritenzione idrica. 5. Fare attività fisica moderata. L’ideale è fare attività fisica aerobica e semplice passeggiate a passo veloce, o ancora, cyclette, ginnastica dolce, nuoto. Infatti una attività fisica a bassa intensità ci aiuta a bruciare più grassi rispetto a una a più alta intensità. Per dimagrire è quindi condizione imprescindibile che la quantità di calorie che bruciamo sia superiore rispetto alla quantità di calorie che introduciamo. Si può iniziare 15 minuti per poi continuare con 20, 30 e aumentare ancora. 6. Da evitare le diete lampo o quelle che fai da te. Gli esperti raccomandano di evitare una dieta ipocalorica o al di sotto delle 1000 calorie o che presenti un netto sbilanciamento dei nutrienti, perché può rivelarsi controproducente. Quando infatti la perdita di peso avviene molto rapidamente in realtà perdiamo acqua, massa muscolare e solo alla fine adipe. 7. Alimenti che aiutano il metabolismo: tè verde, cacao, carciofo, limone, e alcuni tipi di alghe che stimolano il metabolismo basale grazie alla presenza di iodio. 8. Sonno. Oltre a mangiare bene è importante anche dormire bene. Almeno 8 ore a notte. Il dormire poco favorisce stanchezza fisica e muscolare, stress, più appetito e quindi anche accumulo di grassi in eccesso.

Pancia, le 4 erbe che aiutano a dimagrire

Pubblicato il 07 Gen 2020 alle 8:34am

Per perdere chili in eccesso sulla pancia e cercare di ridurre al massimo le famose maniglie dell’amore, è molto efficace aggiungere alla propria alimentazione di ogni settimana, le cui proprietà accelerano il metabolismo, favoriscono la perdita di peso e il grasso in eccesso. Alcune erbe, infatti, non sono sono utili a insaporire pietanze ma possiedono anche numerose proprietà benefiche, tra cui quella di stimolare il metabolismo, aiutandoci a farci perdere i chili di troppo. Vediamo allora quali sono le 4 erbe naturali principali che ci aiutano a perdere peso sulla pancia e accelerare anche il nostro metabolismo. (altro…)

Se il tuo metabolismo è lento, ecco come accelerarlo con esercizi mirati

Pubblicato il 26 Nov 2019 alle 8:39am

Fare sport aiuta ad accelerare il metabolismo: il consumo di energia non solo lo aumenta sotto sforzo, ma lo fa anche restare elevato diverse ore dopo l’allenamento: fino a ben 12 ore in caso di attività che è particolarmente intensa.

Per accelerare al massimo il vostro metabolismo è importante variare il tipo di esercizi da praticare, associando:

– esercizi di potenziamento muscolare, per aumentare la massa magra; – esercizi aerobici e attività di resistenza, che aumentano notevolmente il consumo di energia durante lo svolgimento e riescono a mantenerlo elevato anche per 4-8 ore.

Di particolare efficacia, risulta essere, l’interval training: una nuova tecnica di allenamento, che viene molto adoperata nello sport, nel calcio, nella corsa, nel basket, tennis e molti altri che prevede un allenamento “discontinuo”, cioè una serie di esercizi eseguiti ad alta intensità intervallati da altre a intensità minore. In questo modo viene stimolato sia il metabolismo aerobico che quello anaerobico, con miglioramenti sia a livello muscolare che a livello cardiocircolatorio. Esercizi a corpo libero come flessioni, addominali, plank o affondi eseguiti ad alta intensità possono essere alternati con altri di tipo più a riposo o leggeri da praticare di circa 10 secondi, per un totale di 20 minuti di allenamento.

I 3 sport che possono accelerare il metabolismo sono:

1) Corsi total body

Se amate fare ginnastica, andare in la palestra, per dare una bella scossa al metabolismo e bruciare grassi in modo veloce e mirato, la scelta migliore è quella di optare per corsi total body. Il pilates, il body training, lo spinning, il functional training, il kalisthenics o il bodyweight training che sono sicuramente tra i corsi più adatti, grazie all’azione combinata di diversi movimenti ed esercizi.

Ma potete, naturalmente, fare anche sala pesi, alternando esercizi aerobici, come la corsa sul tapis roulant, a quelli con pesi e manubri per sviluppare la massa magra, ricordandovi sempre di variare gli esercizi e non soffermarvi solo e semplicemente su un gruppo di muscoli piuttosto che un altro. Il consiglio degli esperti è sempre quello di avvicinarsi alle attività fisiche in modo graduale.

2) Ciclismo

Tra gli sport aerobici più adatti a risvegliare il metabolismo, c’è senz’altro il ciclismo. Andare in bicicletta coinvolge numerosi gruppi muscolari e contribuisce anche ad innalzare il dispendio energetico, aiutando a bruciare grassi, soprattutto se si varia di continuo il percorso da fare e si cambia velocità di pedalata.

3) Corsa

Se fatta nel modo giusto, la corsa aiuta a perdere peso, attivando il metabolismo e sviluppando la massa magra. Ricordatevi sempre di variare andatura e ritmo di corsa oltre ad alternare allenamenti lunghi, anche di un’ora, ad altri più brevi di circa 35-40 minuti, in modo da tenere il corpo sempre attivo e continuare a bruciare calorie. L’ideale poi, sarebbe quello di alternare il running a esercizi “itineranti”, come addominali, flessioni e trazioni sulle spalliere.

I consigli

Per accelerare il metabolismo ricordatevi di:

1. fare almeno due o tre allenamenti alla settimana di durata non inferiore ai 40 minuti; 2. rispettare il giorno di riposo, che permette di ricostruire le cellule muscolari mantenendo alti i livelli di dispendio calorico; alternando attività aerobiche con esercizi di tonificazione, e attività ad alta intensità con esercizi ad intensità minore; 3. cambiare frequentemente il programma di allenamento, per impedire al corpo di abituarsi ai ritmi di attività fisica con conseguente abbassamento del metabolismo; 4. fare allenamento al mattino presto, a digiuno: correre o camminare almeno una ventina di minuti prima di colazione risveglia il metabolismo mantenendolo attivo per tutta la giornata; 5. e se avete poco tempo a disposizione da poter dedicare allo sport, adottare soluzioni alternative: parcheggiate lontano da luogo dove vi dovete recare, fate le scale a piedi, usate la scopa invece che l’aspirapolvere, e durante la giornata, cercate di contrarre attivamente la muscolatura (per esempio, muovete le gambe, contraete i quadricipiti, appiattite la pancia): le contrazioni muscolari, infatti, contribuiscono ad accelerare il metabolismo.

Uva passa, controlla il colesterolo e attiva il metabolismo

Pubblicato il 25 Ott 2019 alle 8:16am

L’uva passa, o sultanina, prodotta soprattutto in Turchia e in Australia, viene esportata in tutto il mondo si contraddistingue per un apporto energetico che sfiora le 300 calorie all’etto.

Come ricordato dagli esperti di Humanitas, l’uva passa è caratterizzata dalla presenza di un importante contenuto di polifenoli, sostanze dalla forte carica antiossidante e aventi un ruolo basilare nel contrasto al colesterolo cattivo LDL. Oltre ad apportare anche vitamine del gruppo B, in grado di influenzare anche il metabolismo in modo positivo.

Ma secondo un recente studio, pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the International Society of Sport Nutrition, i benefici dell’uva sultanina non finiscono certamente qui.

La ricerca in questione, che ha visto impegnato un team di esperti dell’Università della California di Davis, ha confrontato i tempi in gara di un campione di soggetti che, prima della prestazione sportiva, avevano assunto solo acqua o integratori a base di uva sultanina. Nel secondo caso, sono state registrate prestazioni notevolmente più elevate rispetto al primo.

L’uva sultanina ricca di minerali come rame, è molto efficace per combattere lo stress ossidativo, garantire un buon apporto di fibre, e principi nutritivi che promuovono l’efficienza dell’intestino e la risoluzione del gonfiore addominale causato dalla stipsi.

Per introdurla nella propria alimentazione esistono diverse varianti. Nella maggior parte dei casi, è preferibile a colazione. Yogurt greco, a cui si può aggiungere un cucchiaio di uva passa e 2/3 mandorle, oppure nel latte, insieme a dei cereali. In una macedonia di frutta, in piccolissima quantità.

Si raccomanda sempre di non esagerare e di informarsi se si assumano farmaci anticoagulanti e antiaggreganti, medicinali con la cui azione l’uva passa interferire.

Metabolismo, per il girovita un aiuto naturale da acqua e limone

Pubblicato il 12 Apr 2019 alle 1:06pm

«Bisogna bere tanta acqua e limone durante il giorno, specialmente la mattina appena alzati e sempre dopo avere urinato. È buona cosa prenderla come abitudine sistematica una volta usciti dal bagno. Mai bere durante i pasti». A consigliarlo è Henry Chenot, il medico di origini catalane ma francese di adozione, che all’inizio degli anni Settanta creò il primo di una serie di laboratori di fitocosmetica e fitoterapia e nel 1999 la «biontologia», il nuovo concetto per studiare l’evoluzione dell’invecchiamento psicofisico, applicando il metodo di disintossicazione che porta il suo nome.

In Franciacorta, e a Merano due oasi di benessere portano il suo nome. Secondo Chenot il vero elisir di lunga vita è semplicemente un bicchier d’acqua e limone. In quanto, oltre ad idratare riequilibra il pH sanguigno, libera dalle tossine e aiuta il fegato, inoltre, pulisce la pelle e fornisce il giusto apporto di vitamine – una buona concentrazione di vitamina C e di acido citrico – nonché sali minerali che regolano il metabolismo e stimolano la peristalsi, conferendo anche un incarnato luminoso, sano e bello.

L’attenzione, che bisogna fare, è che devono essere fette di limone con scorza (meglio, quindi, se agrumi provenienti da un’agricoltura biologica, non trattati) immerse nell’acqua. Il succo da solo non basta, mentre con la buccia il mix si esprime al meglio e con tutte le sue proprietà benefiche.

Un vero toccasana che alcalinizza e rafforza il sistema immunitario, in grado di sgonfiare la pancia e facilitare anche la perdita di peso. un binomio salutare per l’organismo anche per il girovita.

«Fa benissimo bere anche acqua e aceto di mele», sottolinea Chenot, « nella misura di un cucchiaio per litro d’acqua, perché il sidro di mele agisce sul tessuto connettivo». Un buon drenaggio dell’organismo, è indispensabile se si considera che l’acqua rappresenta per il 60 per cento il costituente principale del corpo umano, in particolare dei tessuti molli, e che la giusta idratazione rientra nei parametri di un corretto stile di vita e di un armonico benessere psicofisico.

Metabolismo, bere molto caffè lo cambia come la cannabis

Pubblicato il 15 Feb 2019 alle 6:37am

Proprio come farebbe la cannabis, il caffè cambia il nostro organismo. In quanto, è addirittura capace di agire su di noi ad un livello profondo. (altro…)

Metabolismo: come accelerarlo con 3 semplici ed economici rimedi naturali

Pubblicato il 10 Gen 2017 alle 5:52am

Il metabolismo è il risultato di tre fattori fondamentali, che concorrono al raggiungimento di un giusto equilibrio tra calorie introdotte e funzionamento dell’organismo. I tre fattori sono il metabolismo basale, l’attività fisica e la termogenesi prodotta dall’alimentazione. (altro…)