moda inverno 2019/2020

Tendenze autunno inverno 2019/2020

Pubblicato il 19 Mar 2019 alle 6:05am

Dalle sfilate autunno inverno 2019/2020 di New York, Parigi, Londra e Milano arrivano trenta tendenze moda per la prossima stagione, invernale. Un assaggio di quello che vedremo nei negozi tra colori, stampe, abbinamenti e accessori.

– TARTAN. Nella sua versione più classica, un tocco di rosso sarà sempre presente. – PELLE. Nera o colorata è presentata anche nella rivisitazione elegante. – COLORI POP. Rosa shopping, verde acqua, turchese. Sempre in versione total. – CATENE. Nei gioielli e nelle cinture, ma anche nei dettagli delle borse. – ABITI DA SOGNO. Volant e strati di chiffon su forme contemporanee. – MICROBORSE. Da portare a mano, o da appendere alla shopping. – MONOSPALLA. Da indossare anche di giorno. – TONI DELLA TERRA. Beige, nocciola, mogano, mixati tra di loro. – GLITTER. Da guerriera, più che da principessa. – ANIMALIER. Nelle tinte tradizionali. – TRENCH. Iperdecorato. – SPALLINE. Dettaglio vincente del power dressing. – MASCHERINE. Gli occhiali da sole sono ancora futuristici. – VIOLA. Un colore molto intenso. – LINGERIE. Il pizzo nero “invade” anche gli abiti midi. – DRESS ON PANTS. Il micro abito si sovrappone ai pantaloni sartoriali. – MINIMALISMO IN BIANCO E NERO. In stile anni Novanta. – MANICHE A PALLONCINO. Un po’ una sorta di costume di scena. – PANTALONI LUNGHISSIMI. Che arrivano a coprire il piede. – PIUME. Scure o a tinte forti. – ANFIBI. Rasoterra o con maxi tacco. Sempre in pelle nera e ricco di dettagli. – ARANCIO. Tinta pop da indossare senza remore. – BORSE BOXY. Quadrate, morbide o rigide. – MAXI FIOCCO. In un revival del grembiule. – TRAPUNTATO. Su cappotti e abiti da sera. – ROMBI. Un’alternativa bon ton al tartan. – A TESA LARGA. I cappellini coprono lo sguardo.

Chanel: in passerella l’ultima collezione disegnata da Karl Lagerfeld

Pubblicato il 06 Mar 2019 alle 9:26am

Al Grand Palais di Parigi ha sfilato l’ultima collezione – quella per l’autunno-inverno 2019/2020 – di Chanel disegnata da Karl Lagerfeld, il leggendario stilista che rivoluzionò il mondo della moda e che guidò l’azienda francese dal 1982 fino alla morte, avvenuta a 85 anni il 19 febbraio scorso. C’è stata ovviamente grande commozione tra il pubblico e tra le modelle, un minuto di silenzio osservato in suo ricordo ad aprire la sfilata e Heroes di David Bowie come colonna sonora per chiuderla.

In passerella tante modelle da lui preferite: Cara Delevingne, Kaia Gerber, Mariacarla Boscono, Vittoria Ceretti e anche Penélope Cruz, mentre a guardarla c’erano top model e testimonial storiche di Chanel, da Claudia Schiffer a Monica Bellucci.

Sfilata, dicevamo, che è stata anche scenografica, in quanto ambientata in un villaggio sciistico, tra chalet alpini, panche, lampioni, alberi e gli sci marchiati Chanel coperti di neve. Gli abiti larghi e dai tagli morbidi, con i classici tailleur di Chanel accompagnati da cappotti over e pellicce bianche, cappelli e borsette a tracolla, maglioncini beige con fiocchi di neve ricamati, abiti bianchi con piccoli sciatori stampati sopra e vestiti da sera con gonne in piume e corpetti di cristalli.

La sfilata è stata supervisionata da Virginie Viard, da trent’anni braccio destro di Lagerfeld, che ne prenderà il posto.