montezemolo

Reti Rai, raccolti con campagna Telethon “Non mi arrendo” 31mln e mezzo di euro

Pubblicato il 23 Dic 2015 alle 6:15am

Una raccolta fondi davvero da record, quella della 26esima maratona partita sulle reti televisive Rai. In pochi giorni, andranno alla Fondazione Telethon oltre 31,5 mln di euro, per sostenere la ricerca scientifica e trovare possibili rimedi per le malattie genetiche rare.

‘Non mi arrendo’ (#nonmiarrendo) questo il titolo della campagna, filo conduttore delle numerose iniziative messe in campo dalla fondazione.

“Una gara di solidarietà vinta soprattutto dagli italiani che hanno sposato la causa della Fondazione Telethon attraverso le tantissime donazioni ma anche scendendo in campo in prima persona diventando nostri volontari”.

Sono state le prime parole pronunciate dal presidente della Fondazione Luca Cordero di Montezemolo.

“Quest’anno è cresciuto moltissimo il coinvolgimento di singoli ed associazioni – ha detto ancora il presidente – Ciò ha reso possibile, fra le molte iniziative, la realizzazione di banchetti per la raccolta fondi in oltre 3000 piazze italiane. Il nostro ringraziamento va a tutti coloro che ci hanno sostenuto e continuano a farlo”.

Dal 1990 ad oggi Telethon ha investito in ricerca oltre 450 milioni di euro, ha finanziato oltre 2500 progetti con oltre 1500 ricercatori coinvolti e oltre 470 malattie studiate. Grazie a Telethon sono state messe a punto terapie per alcune malattie rare come Ada-Scid, leucodistrofia metacromatica e sindrome di Wiskott Aldrich.

Nell’ultimo anno, sono stati fatti importanti passi avanti verso l’applicazione di nuove terapie per pazienti affetti da beta-talassemia (malattia genetica caratterizzata da un’anemia cronica per la quale l’unico trattamento ad oggi è il trapianto di midollo) e da emofilia B (dovuta al difetto di uno dei fattori della coagulazione del sangue che causa sanguinamenti spontanei potenzialmente letali).

F1: Prossimo pilota? Montezemolo “ho sentito Schumacher”

Pubblicato il 11 Set 2013 alle 7:01am

Il presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, ha detto ieri, riferendosi alle indiscrezioni circa la nuova coppia di piloti per il prossimo Mondiale di Formula 1 “Ho un appuntamento stasera con un pilota. Spero di convincerlo. Il pilota si chiama Schumacher…“.

Non è chiaro, infatti, se la sua sia stata solo una battuta oppure ha voluto anticipare qualcosa. Fatto sta, è che Montezemolo, parlando al Salone dell’auto di Francoforte, ha spiegato che per ora: “Non c’è alcuna novità, quando ci saranno ve le daremo”, sottolineando che non gli sono piaciuti i fischi di domenica contro Vettel quando era sul podio di Monza, perché sia lui che la Red Bull si sono meritati di vincere. Ma il presidente della Ferrari, si è anche detto molto soddisfatto dei risultati ottenuti solo che non gli è andata giù che la Ferrari per poco, abbia perso proprio a Monza.

Milano-Ancona: Italo problemi a Rimini per i marciapiedi

Pubblicato il 08 Mar 2013 alle 10:40am

Il gruppo di Montezemolo (di cui non è più presidente ma azionista) ha annunciato tre nuove corse di treni da Milano, raggiungibile in solo due ore da Rimini, a partire dal 9 giugno con lo scopo di trasportare due milioni di viaggiatori l’anno lungo il tratto Milano-Ancona. (altro…)

Monti incontra Montezemolo, Casini, Riccardi e Cesa

Pubblicato il 20 Dic 2012 alle 6:33am

Si è concluso prima delle 11 nella mattinata di ieri, l’incontro a palazzo Chigi tra il premier Mario Monti, il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini, il fondatore di Italia Futura, ovvero Luca Cordero di Montezemolo, il ministro Andrea Riccardi e il segretario centrista, Lorenzo Cesa. (altro…)