morto

Addio a Roger Moore, 89 anni, interprete più longevo di 007

Pubblicato il 23 Mag 2017 alle 5:57pm

Addio a Roger Moore, lo 007 più longevo della storia del cinema. L’attore è morto oggi in Svizzera all’età di 89 anni, dopo ”una breve e coraggiosa battaglia contro il cancro”, ha confermato la sua famiglia in un comunicato stampa diffuso su Twitter. (altro…)

Addio a Fidel Castro, ex presidente di Cuba. Funerali il 4 dicembre

Pubblicato il 26 Nov 2016 alle 1:52pm

Addio a Fidel Castro, líder máximo ed ex presidente di Cuba. Il leader rivoluzionario che conquistò il potere sull’isola nel 1959, rovesciando la dittatura di Fulgencio Batista, aveva 90 anni. Lo ha annunciato poco dopo la mezzanotte di venerdi (questa mattina in Italia) il fratello, Raúl Castro, attuale presidente dell’isola.

«Il comandante in capo della Rivoluzione cubana è deceduto stasera alle 22.29», ha annunciato Raúl con voce tremante. «Il corpo di Fidel Castro sarà cremato nelle prossime ore», ha aggiunto Raúl, concludendo con lo slogan tanto amato dal fratello maggiore: «Hasta la victoria, siempre».

I funerali di Fidel Castro si terranno il prossimo 4 dicembre. Ad annunciarlo è il governo. La cerimonia si svolgerà nel cimitero di Santa Ifigenia, nella città di Santiago de Cuba. Proclamati 9 giorni di lutto nazionale. Arco di tempo in cui saranno sospese «tutte le attività e gli eventi pubblici, la radio e la tv rispetteranno una programmazione informativa, patriottica e storica».

Nel corso della settimana di lutto una processione con le ceneri dell’ex presidente cubano attraverserà tutto il Paese per quattro giorni di fila.

Santiago di Cuba è la città dove si trova la caserma Moncada, il cui fallito assalto il 26 luglio 1953 viene considerato tradizionalmente l’inizio della Rivoluzione Cubana.

Addio a Leonard Cohen, poeta e cantautore canadese

Pubblicato il 11 Nov 2016 alle 2:23pm

E’ morto all’eta’ di 82 anni Leonard Cohen. Ad annunciarlo è la sua casa discografica Sony Music Canada sulla pagina ufficiale Facebook di Cohen: “Con profondo dolore comunichiamo che il leggendario poeta, cantautore ed artista Leonard Cohen e’ morto”. (altro…)

Addio al Premio Nobel per la Letteratura, Dario Fo, aveva 90 anni

Pubblicato il 13 Ott 2016 alle 10:47am

Si è spento a Milano, all’età di 90 anni, Dario Fo. Attore, drammaturgo, regista e scrittore. Morto proprio nel giorno in cui si assegna il premio Nobel per la Letteratura da lui vinto nel 1997, “perché, seguendo la tradizione dei giullari medievali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi”.

L’artista era ricoverato in ospedale da alcuni giorni. Ha lavorato e dipinto fino all’ ultimo dei suoi giorni. Pochi giorni fa, infatti, aveva tenuto nella sua casa milanese una conferenza stampa per la presentazione del suo nuovo libro “Darwin”.

La sua opera più celebre è ‘Mistero Buffo’: una ‘giullarata’ portata in scena per la prima volta nel 1969, nella quale recitava in grammelot, in un linguaggio teatrale che si ispira alle improvvisazioni giullaresche. Costituito da suoni che imitano il ritmo e l’intonazione di uno o più idiomi reali con intenti parodici. Nel caso di ‘Mistero Buffo’ si tratta invece di una mescolanza di vari dialetti della Pianura Padana.

Fo era nato a Sangiano, in provincia di Varese. Nel 1954 sposò Franca Rame, con cui ebbe un figlio nel 1955. Insieme per quasi sessant’anni la coppia ha lavorato e condiviso l’impegno civile e lavorativo. Nel 1958 ha fondato la “Compagnia Dario Fo-Franca Rame” in cui Fo era il regista e il drammaturgo del gruppo, la Franca la prima attrice e amministratrice.

Nel 1968 la decisione di creare la cooperativa “Nuova Scena” dal quale si separa per divergenze politico-ideologiche, portando alla nascita di un nuovo gruppo di lavoro: “La Comune”, per spettacoli di satira e critica politica che portava in scena commedie come la “Morte accidentale di un anarchico”.

Addio a Bernardo Caprotti, patron di Esselunga

Pubblicato il 01 Ott 2016 alle 10:26am

Addio al patron di Esselunga, Bernardo Caprotti. L’imprenditore milanese avrebbe compiuto 91 anni il prossimo 7 ottobre. (altro…)

Brescia, anziana di 70 anni alimenta il marito morto per due mesi in casa

Pubblicato il 05 Ago 2016 alle 11:39am

Il marito di 87 anni era morto almeno due mesi quando, ma lei continuava ad alimentarlo con il latte.

E’ accaduto a Mompiano, quartiere di Brescia. La donna, 70 anni, non ha accetatto la sua morte e in completa solitudine ha continuato ad accudirlo.

A far scattare l’allarme i vicini di casa che hanno sentito un cattivo odore provenire dall’abitazione dei due anziani.

L’anziana signora è stata ricoverata in ospedale in stato di choc: “pensavo fosse vivo” ha detto agli agenti. Ricoverata agli Spedali civili è stata sottoposta a perizia psichiatrica. L’abitazione è stata posta sotto sequestro, mentre il cadavere, in avanzato stato di decomposizione, è a disposizione dell’Istituto di medicina legale.

La coppia, senza figli, viveva da sola.

Morto Muhammad Ali, leggenda del pugilato

Pubblicato il 04 Giu 2016 alle 9:23am

Si è spento all’età di 74 anni, Muhammad Ali, nato Classius Clay, leggenda del pugilato. L’ex campione del mondo dei pesi massimi e oro olimpico alle Olimpiadi di Roma ’60 è deceduto nella notte all’età di 74 anni in un ospedale di Phoenix, in Arizona, dove era stato ricoverato giovedì 2 giugno per “precauzione”.

Le sue condizioni non erano state giudicate gravi, ma data l’età e il morbo di Parkinson, di cui ‘Il più grande’ era malato da trent’anni, i medici avevano scelto la strada della prudenza.

Muhammad Ali aveva lasciato la boxe nel 1981, da anni combatteva con diversi problemi di salute.

Udine, anziano trovato morto in un burrone grazie al suo cane

Pubblicato il 02 Giu 2016 alle 1:00pm

Il corpo senza vita di un uomo di 67 anni, Alido Timeus, di Ovaro (Udine), morto dopo essere scivolato nella scarpata di un bosco in Crania, è stato vegliato dai guiti del suo cane, che ha permesso ai soccorritori di poterlo rintracciare. (altro…)

Sardegna: muore in casa, trovato il cadavere dopo 5 anni

Pubblicato il 27 Mag 2016 alle 10:47am

Il corpo senza vita di un uomo, morto da almeno cinque anni, è stato ritrovato nella sua abitazione di San Gavino Monreale, in Sardegna. Il cadavere trovato è quello di Marcello Putzu, 57 anni. (altro…)

Si è spento all’età di 86 anni il leader dei radicali Marco Pannella

Pubblicato il 19 Mag 2016 alle 3:21pm

E’ di poco fa la notizia della morte di Marco Pannella. Il leader radicale si è spento oggi nella clinica romana di Nostra Signora della Mercede, dove era ricoverato da ieri. Un annuncio dato da Radio Radicale con il Requiem di Mozart.

Pannella lottava da anni contro due mali incurabili, al fegato e al polmone e per questo, nei suoi ultimi giorni di vita, ha detto “grazie” al medico che gli ha proposto la sedazione per uscire da questo mondo evitando i dolori atroci di una malattia senza via di fuga.

In tutta la sua vita i medici si sono disperati per lui, anche per le sue battaglie e gli scioperi della sete e della fame. Perché, Marco Pannella con il suo corpo è stato sempre tutt’uno con la sua battaglia politica.

Non ha mai distinto politica e fisicità, politica e vita. Ha sempre messo in gioco la vita stessa, e il corpo che l’accompagnava. Quando è stato operato al cuore, la prima cosa che ha fatto al risveglio, ancora in sala di rianimazione, è stata quella di chiedere una sigaretta. Per poi riprendere a fumare e smettere fino agli ultimi giorni della sua vita.

Durante i quali le sue funzioni vitali – spiegano fonti mediche che lo seguivano – sono peggiorate al punto che è stato ritenuto opportuno un trasferimento in una clinica romana più attrezzata presso la quale «non sono previste visite». Una accortezza per garantire tranquillità e riservatezza a Pannella.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha subito inviato le sue parole di cordoglio per la scomparsa di «un grande leader che ha segnato la storia del Paese». «È arrivata la notizia della scomparsa del grande leader radicale Marco Pannella: vorrei a nome mio personale e del Governo e delle forze politiche che rappresento e delle istituzioni tributare un grande omaggio alla storia di questo combattente e leone della libertà».

Nato il 2 maggio a Teramo, Pannella negli ultimi mesi era rimasto sempre in casa per le sue precarie condizioni di salute. E’ stato membro della Gioventù liberale e poi leader dell’Unione Goliardica Italiana negli anni dell’università. Tra i fondatori nel 1955 del Partito Radicale dei Democratici e dei Liberali, è tra i piu’ longevi personaggi della scena politica italiana (deputato dal 1976 al 1992). E’ stato uno dei protagonisti delle battaglie civili degli anni Settanta e della fase di transizione tra la prima e la seconda Repubblica. Sul suo profilo Twitter, si presentava al mondo come “radicale, socialista, liberale, federalista-europeo, anticlericale, antiproibizionista, antimilitarista, nonviolento”.

Pannella ha compiuto lo scorso 2 maggio 86 anni e ha “festeggiato” idealmente quando ha visto l’approvazione della legge sulle unioni civili che è stata una delle più importanti battaglie che ha combattuto fino alla fine dei suoi giorni.

In tanti gli hanno fatto giungere messaggi di affetto in occasione del compleanno: da colleghi e amici, da politici a cantanti e intellettuali. Papa Francesco, ad esempio, gli ha inviato il suo libro “Dio è misericordia”.

Marco Pannella durante la sua lunga carriera politica è stato al centro di battaglie come il divorzio, l’aborto, la legalizzazione delle droghe, l’eutanasia, i diritti dei carcerati.

Di volta in volta è stato definito “fascista”, “amico dei fiancheggiatori delle Brigate Rosse”, “provocatore”, “qualunquista”, “destabilizzatore”.

Oltre alle cariche di deputato ed europarlamentare è stato presidente della XIII circoscrizione del Comune di Roma (Ostia), consigliere comunale a Trieste, Catania, Napoli, Teramo, Roma e L’Aquila, consigliere regionale del Lazio e dell’Abruzzo e segretario del Partito Radicale; è stato Presidente del Senato del Partito Radicale Transnazionale e della Lista Marco Pannella, lista elettorale legata ai Radicali Italiani, ed editore dell’organo d’informazione della Lista, Radio Radicale, fondata nel 1977 da egli stesso e da altri.

Pannella ha anche fondato alcune storiche testate giornalistiche che non hanno mancato occasione di esprimersi in modo contrario al suo operato e direttore responsabile (pur non appartenendo al movimento) del quotidiano Lotta Continua per un breve periodo.

Pannella ha altresì operato attivamente nella vita politica italiana attraverso l’intensa applicazione dello strumento referendario, promuovendo, nel corso di tre decenni, la raccolta di quasi cinquanta milioni di firme necessarie alla promozione delle varie campagne referendarie.