numeri

Aborti, in 30 anni dimezzati del 5%

Pubblicato il 03 Nov 2015 alle 6:00am

Scendono sotto i 100mila, nel 2014, le interruzioni volontarie di gravidanza. In crescente calo dal 1982, periodo in cui si è rilevato il valore più alto con 234.801 casi di aborto.

Dati questi che sono contenuti nella relazione del ministero della Salute sull’attuazione della legge 194, trasmessa al Parlamento, e che evidenziano un numero di Ivg notificate dalle Regioni di circa 97.535 unità, con un decremento del 5,1% rispetto al 2013 in cui si registravano 105.760 casi.

Sempre nel 2014, il tasso di abortività (per 1000 donne fra 15-49 anni) è stato del 7.2 per 1000, facendo rilevare un decremento del 5,9% rispetto al 2013 e un decremento del 58.1% rispetto al 1982.

Il valore italiano risulta essere tra i più bassi di tutti i paesi industrializzati messi a confronto.

Tra le ragazze italiane il tasso di abortività è pari al 4.1 per 1000 (nel 2012 era del 4.4), uno dei valori più bassi dell’occidente.

Resta costante, ma sotto la soglia internazionale, la percentuale di aborti ripetuti: il 26,8% tra le donne con precedente esperienza abortiva.

Lucca Comics oltre 200.000 visitatori grazie alla febbre di Star Wars

Pubblicato il 02 Nov 2015 alle 4:21pm

In occasione del lancio del ‘canale-evento’ ‘Sky Cinema Star Wars’ che si accenderà sul canale 304 dal 7 al 15 novembre prossimo, Sky ha fatto calare il pubblico del Lucca Comics & Games nell’atmosfera di una delle saghe più amate della fantascienza, con ricostruzioni iconiche, e una battaglia di spade laser grazie all’aiuto di Jedi e Sith, membri della Rebel Legion Italian Base e della 501st Italica Garrison che hanno sfilato con i loro bellissimi abiti, fedeli riproduzioni dei costumi di scena indossati dai protagonisti della saga cinematografica.

Grazie alla febbre di Star Wars venduti quest’anno per il Lucca Comics oltre 200.000 biglietti.

Un successione quindi, oltre ogni aspettativa.

Chiusura Expo, bilancio più che positivo. L’Albero della vita forse a Roma

Pubblicato il 15 Ott 2015 alle 6:28am

Expo Milano 2015 si sta avviando alla chiusura registrando numeri da capogiro, rispetto ai primi mesi di apertura. (altro…)

Federalberghi, Expo 2015 entro la chiusura visitato da 16mln di italiani

Pubblicato il 26 Ago 2015 alle 6:33am

Secondo Federalberghi, quando Expo 2015 chiuderà i battenti il prossimo 31 ottobre, il bilancio sarà molto positivo, ma sarà stato visitato prevalentemente da italiani.

Sì, perché si stima che per allora 16 milioni del nostro paese saranno andati ad ammirare questo straordinario salone espositivo.

Un dato che secondo il presidente di Federalberghi, Bernabo’ Bocca – è certamente lusinghiero perché ha contribuito, nel semestre interessato dalla manifestazione, a rimettere in moto l’economia turistica dell’intero Paese. Ma, purtroppo, dai nostri terminali in Lombardia e nelle Regioni limitrofe non risultano essere approdati nel Bel Paese quei flussi dall’estero che invece sulla carta erano stati ipotizzati”.

Un’Expo quindi favorevole al mercato interno. Dal 1 maggio al 31 agosto infatti gli italiani, tra maggiorenni e minorenni, che lo avranno visitato saranno stati 9 milioni, di cui il 10% ha dichiarato di volerci tornare.

Ma dal 1 settembre al 31 ottobre secondo le statistiche saranno circa 7 milioni i visitatori, che si andranno ad aggiungere. Di essi, 2,2 milioni a settembre e 3,5 milioni ad ottobre (altri 1,2 milioni sono ancora indecisi su quando andare), ai quali andranno comunque aggiunti circa 640 mila di ‘ri-visitatori’.

Ma non è tutto. Facendo un po’ di calcoli, emerge anche che il 31% sceglierà alberghi, mentre il 28% B&B.

Nota dolente, sottolinea Bocca “Questi risultati ci insegnano una cosa: i grandi eventi creano grandi numeri, ma di sicuro non abbiamo adeguatamente promosso con campagne pubblicitarie e la creazione di pacchetti ad hoc un’occasione unica per valorizzare col veicolo dell’Expo l’immagine turistica complessiva del Paese”.