Ong

Le 12 novità del Decreto sicurezza bis, approvato ieri dal Senato

Pubblicato il 06 Ago 2019 alle 12:27pm

Il Decreto sicurezza bis è legge da ieri 5 agosto 2019. Nello specifico non riforma quello votato il 27 novembre scorso, ma lo integra. Le parti più discusse, oggi come allora, restano quelle legate all’immigrazione. Il ddl 840 del 2018 ha abrogato la “protezione per motivi umanitari”, ha esteso il trattenimento nei Centri di permanenza per il rimpatrio e previsto il trattenimento dei richiedenti asilo fino a 30 giorni nelle strutture di accoglienza. (altro…)

Dl Sicurezza bis: 800 assunzioni per eseguire sentenze spazza-clan, giro di vite su ultras calcistici, manifestanti violenti, ong

Pubblicato il 13 Giu 2019 alle 7:27am

Con il Decreto Sicurezza bis, approvato ieri in Consiglio dei ministri, arriva un’ulteriore stretta sulle Ong, più rigore nella gestione dell’ordine pubblico, e ancora, assunzioni per la notifica di sentenze a carico di condannati ancora liberi, giro di vite sugli ultras calcistici. (altro…)

Gli 007 accusano le Ong: “Importano l’illegalità”

Pubblicato il 04 Mar 2019 alle 7:15am

I servizi segreti italiani promuovono la linea adottava dal governo italiano in tema immigrazione, e stretta alle operazioni messe in campo dalle Ong sul fronte migranti.

Gli 007 italiani sono convinti infatti che questo blocco delle navi umanitarie abbia abbassato notevolmente i rischi di importare illegalità nel nostro Paese. Il documento presentato dal premier, Giuseppe Conte e dal direttore del Dis (il coordinamento) Gennaro Vecchione e dai direttori dei due servizi Luciano Carta (Aise, estero) e Mario Parente (Aisi, interno) mette a fuoco quanto avvenuto negli ultimi mesi da quando c’è questo governo, sul fronte degli sbarchi: “Nel 2018 gli sbarchi di migranti sulle coste italiane si sono ridotti dell’80 per cento rispetto al 2017 e tale sviluppo è da attribuire soprattutto alla rafforzata capacità della Guardia costiera libica nella vigilanza delle acque territoriali, fortemente promossa dal governo italiano, e alla drastica riduzione delle navi delle Ong nello spazio di mare prospiciente quelle coste che, di fatto, ha privato i trafficanti della possibilità di sfruttare le attività umanitarie ricorrendo a naviglio fatiscente e a basso costo”. I numeri parlano chiaro. Si rileva una riduzione netta degli sbarchi che è legata anche alle operazioni della Guardia Costiera nel Mediterraneo.

Ma il rapporto, come riporta il Fatto, mette in luce anche le attività delle ong di questi ultimi anni che avrebbero favorito con i loro salvataggi e gli sbarchi sulle nostre coste, dando vita a trafficanti di essere umani. Già nel 2017 gli 007 avevano lanciato l’allarme.

I servizi segreti infatti avevano sottolineato la possibilità che ci fossero infiltrazioni terroristiche all’interno dei barconi che puntavano verse le coste italiane. Qui ora sarebbe entra in gioco il ruolo delle ong che con i loro salvataggi avrebbero dunque favorito poi lo sbarco di presunti criminali sul territorio italiano. Alimentando così, anche quella che viene definita la mafia nigeriana. Dai servizi di intelligence arriva una vera e propria analisi profonda dei fatti, che somiglia tanto ad un assist per il Viminale a guida Salvini. Il ministro degli Interni contentissimo dei rsiultati raggiunti e del fatto che chi ne ha bisogno realmente viene in Italia con regolare permesso di soggiorno, se non addirittura in aereo, non fa passi indietro sulla sua politica promessa agli italiani, va avanti sulla sua strada, sicuro di portare a casa ancora altri risultati.

Sbarchi: l’Onu accusa l’Italia e l’Europa di “Violare gli standard internazionali condannando i migranti a violazioni dei diritti umani in Libia”

Pubblicato il 19 Ago 2017 alle 7:09am

Gli sbarchi dei migranti provenienti dalla Libia si sono dimezzati tra luglio e agosto. Si parla infatti di 11.459 sbarchi contro 23.552. (altro…)

Migranti, Medici Senza Frontiere decide di non firmare il codice delle Ong al Viminale

Pubblicato il 01 Ago 2017 alle 9:11am

Medici senza frontiere ha deciso di non firmare il codice delle Ong nell’ultima riunione convocata dal Viminale. Lo ha dichiarato il direttore generale di Medici senza frontiere, Gabriele Eminente. (altro…)