paziente

Policlinico di Catania, primo trapianto di utero in Italia, dimessa la prima paziente

Pubblicato il 11 Set 2020 alle 6:00am

E’ tornata a casa dopo 17 giorni di ricovero e sta bene, la paziente siciliana che si è sottoposta al primo trapianto italiano all’utero. Lo scrive il Centro nazionale trapianti. La donna, 29 anni, affetta da sindrome di Rokitansky e nata senza l’organo, era stata operata a Catania il 21 agosto scorso da un’equipe di medici e operatori sanitari del Centro trapianti del Policlinico e dell’Ospedale Cannizzaro. Il trapianto era stato possibile grazie a una sperimentazione approvata dal Centro nazionale trapianti nel 2018. In seguito anche a questa esperienza, 7 le nuove pazienti sono pronte a ricevere un utero.

“Il decorso post-operatorio – evidenzia Pierfrancesco Veroux del Policlinico di Catania – ha mostrato la totale assenza di complicazioni. Non c’è stato nessun sanguinamento, frequente in questo tipo di trapianti, e l’organo risulta perfettamente perfuso, il che lascia ben sperare per il percorso successivo che porterà la paziente a cercare una gravidanza. Ora si apre una fase molto delicata: la signora resterà sotto stretto controllo clinico per i prossimi sei mesi, attraverso un monitoraggio dei livelli di immunosoppressione e delle eventuali infezioni opportunistiche alle quali tutti i trapiantati possono andare incontro”.

Fine vita, i medici: “Non daremo mai la morte”

Pubblicato il 20 Ott 2019 alle 7:48am

“Il medico non abbandonerà mai a se stesso il paziente, assicurerà sempre le cure si palliative per contenere il dolore sino alla sedazione profonda e sarà presente fin dopo il decesso, che certificherà, ma non compirà l’atto fisico di somministrare la morte”.

E’ questo ciò che dichiara, il presidente della Fnomceo (Federazione nazionale degli ordini dei medici), Filippo Anelli, riassumendo la linea emersa a Parma all’interno della Consulta di Bioetica della Federazione.

La posizione verrà ora portata all’attenzione del Consiglio nazionale dei 106 presidente degli ordini locali prevista a Novembre in vista dell’avvio di un iter della legge che dovrà essere approvata in Parlamento cosi’ come indicato dalla Consulta dopo il caso di Dj Fabo e dell’accusa, poi caduta, nei confronti di Marco Cappato.

Paziente abbandonata per strada al freddo perché senza assicurazione

Pubblicato il 13 Gen 2018 alle 10:49am

E’ accaduto a Baltimora dove una paziente è stata dimessa dall’ospedale è lasciata per strada al freddo (temperatura era intorno a 0 gradi) con indosso solamente il camice da ospedale, perché non aveva l’assicurazione sanitaria. La scena è stata ripresa da uno psicoterapeuta, Imanu Baraka, ed il video è subito diventato virale, scatenando l’indignazione della rete.

Le immagini mostrano infatti una donna afroamericana dimessa dall’University of Maryland Medical Center in stato confusionale e con ancora i braccialetti dell’ospedale al polso. Ai piedi solo i calzini, e indosso solo il camice.

«Non credevo ai miei occhi – ha raccontato Imanu Baraka – Non avevo altra scelta che dare una voce a questa giovane». Della donna si sa solo che ha 22 anni e soffre di problemi mentali.

Savona, anestetista è donna: paziente rifiuta intervento

Pubblicato il 20 Lug 2017 alle 10:35am

Piuttosto che farsi operare ha preferito tenersi un’ernia inguinale. Paziente anziano rifiuta di farsi anestetizzare da donna. E’ accaduto a Savona, all’ospedale San Paolo dove un paziente, alla notizia che sarebbe stata una dottoressa ad addormentarlo, supportato dalla moglie, ha lasciato la struttura ospedaliera sotto sua piena responsabilità perché non si sarebbe fidato dell’operato di quest’ultima. (altro…)

Come assistere un malato mentre si trova in ospedale

Pubblicato il 09 Giu 2011 alle 8:57am

Non è mai facile affrontare la malattia di un parente soprattutto se gli eventi precipitano in poche ore e la situazione non è delle migliori. Bisogna essere forti e trasmettere ottimismo alla persona malata. (altro…)