pet food

Il mercato italiano del pet food cresce, vale 2 miliardi di euro

Pubblicato il 20 Mag 2020 alle 6:19am

Il mercato del pet food vale oltre 2 miliardi di euro e un rapporto 1 a 1 tra la popolazione italiana e i pets, si stima che sono 60,3 milioni gli animali d’affezione: 29,9 milioni pesci, 12,9 milioni di uccelli, 7,3 milioni di gatti, 7 milioni di cani, 1,8 milioni di piccoli mammiferi, 1,4 milioni di rettili.

Questi i numeri emersi dalla 13/ma edizione del Rapporto Assalco – Zoomark, che ogni anno fotografa la situazione di alimentazione e cura degli animali da compagnia. Il pet food in particolare si conferma un mercato in crescita, + 2,8% rispetto al 2019, inteso come somma dei canali principali di vendita (Grocery, Petshop Tradizionali e Catene Petshop ) per un totale di 556.424 tonnellate vendute. La maggioranza (58%) dei proprietari degli animali da compagnia vive in un appartamento.

Il 55% ha bambini o ragazzi in famiglia, a prescindere dalla specie di pet che ha con sé. La percentuale si innalza fino al 73% nelle case in cui è presente un piccolo mammifero, come conigli, cavie, cincillà, criceti, furetti, roditori. Le famiglie dei proprietari di animali da compagnia sono, secondo il report, composte mediamente da un numero più elevato di membri rispetto alla media nazionale: hanno una media di 3,4 componenti, dato notevolmente superiore ai 2,3 componenti della media nazionale italiana. Tra le tendenze emerse quest’anno, quella di non limitarsi al possesso di un solo animale: tra i proprietari intervistati, la media è di 2,16 animali da compagnia posseduti. L’attenzione per il benessere dell’animale d’affezione è a prescindere sia dalla specie e sia dalla tipologia dei prodotti che vengono acquistati: tendiamo a ‘viziare’ i nostri pets sia che si tratti di alimentazione (alimenti industriali confezionati per il 96,97%) accessori (specie quelli che favoriscono l’autonomia del cane e del gatti e il loro sviluppo mentale), igiene, snack e Internet, il primo canale d’informazione per valutare e confrontare tra di loro i prodotti prima dell’acquisto.