polmonite

Covid: un ecografo portatile per la diagnosi dal Cnr

Pubblicato il 18 Dic 2020 alle 6:14am

Un ecografo portatile è in grado di diagnosticare con grande accuratezza la polmonite da Covid e monitorarla nel tempo. Si chiama `EcovidUS´ ed è stato messo a punto nell’Istituto di Fisiologia clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ifc-Cnr) di Lecce. L’esame si basa sul posizionamento di 14 sonde sul torace e sui dati che, immediatamente, vengono confrontati con migliaia di altre immagini ecografiche e danno il risultato in pochi minuti. (altro…)

Covid: Vannozzi, un anno fa +30% di polmoniti anomale

Pubblicato il 26 Nov 2020 alle 6:08am

”Se solo fosse stato possibile incrociare i dati a disposizione delle Regioni, probabilmente già nei mesi di settembre/ottobre 2019 avremmo potuto rilevare un incremento del 30% di polmoniti “anomale”. Questo significava far partire con cinque mesi di anticipo il contrasto al Covid e trovarci oggi in una situazione probabilmente diversa e migliore”: lo ha detto David Vannozzi, direttore generale di Cineca, nel suo intervento al webinar “Terapia e presa in carico domiciliare del paziente affetto da Covid-19” organizzato da Motore Sanità, con riferimento al ruolo e ai compiti che il consorzio Cineca è in grado di svolgere con il supercomputer europeo.

“Con il progetto Exscalate4Covid abbiamo la concreta opportunità dimettere a fattore comune la conoscenza sviluppata nel mondo nell’opera di contrasto alla pandemia. Questa modalità cerchiamo di portarla su altri aspetti. Quanto dicevo sui dati a disposizione delle singole Regioni ma da nessuno mai incrociati è un esempio di quello che Cineca può fare, non solo contro il Covid-19. Ci sono dati di natura sanitaria o riguardanti i comportamenti dei cittadini, le loro abitudini sanitarie in fatto di medicina preventiva che sono stati resi inaccessibili, fino all’esplosione della pandemia. Oggi che quei dati, in forma chiaramente anonimizzata, sono disponibili possiamo ricavare informazioni utilissime su prevenzione e previsioni e cura della malattia. La sfida, come si può ben capire, è di natura tecnologico-giuridica. Al ministero della Salutec vengono trattate circa 25 milioni di cartelle cliniche, ogni cittadino genera circa 10 trattamenti terapeutici nel corso dell’anno, il che significa disporre di 250 milioni di dati, moltiplicati per cinque anni fanno 1 miliardo 250 milioni.

Come trattarli per ricavarne un quadro esauriente in termini di spesa e di trattamento ottimale delle patologie, di prevenzione e di profilassi?

A queste domande Cineca è in grado di dare le risposte grazie al supercomputer. Per dire: nel giro di un mese siamo riusciti, grazie al supercalcolo, a individuare 59 molecole potenzialmente in grado di contrastare il virus.

Coronavirus, “polmonite la punta dell’iceberg, in casi più gravi è anche l’esistenza di tromboembolie”

Pubblicato il 13 Apr 2020 alle 7:18am

Alberto Zangrillo, direttore delle Unità di anestesia e rianimazione generale e cardio-toraco-vascolare dell’ospedale San Raffaele di Milano tiene a precisare… “la polmonite è solo l’aspetto più evidente dei casi gravi che giungono in terapia intensiva. E’ una costante, non vi è malato che non ce l’abbia”. Però, prosegue, “nel mio istituto abbiamo eseguito Tac total body a ogni singolo paziente e quello che stiamo vedendo è una tempesta infiammatoria, che ha come target non solo il polmone ma anche tutta un’altra serie di organi e apparati. Soprattutto l’endotelio, la parte interna dei vasi”. (altro…)

Allarme polmonite in Cina, a rischio anche l’Italia

Pubblicato il 06 Gen 2020 alle 7:34am

Si stanno registrando casi molto gravi di polmonite in Cina, si parla di 44 casi accertati. Le autorità cinesi stanno diffondendo l’allarme su questa misteriosa polmonite virale che ha colpito il paese, e 44 casi, di cui 11 molto gravi.

Alcuni aeroporti tra cui Singapore e Hong Kong hanno introdotto appositi protocolli e controlli per tutti i viaggiatori proveniente dai paesi interessati dall’allarme.

Si ricorda il virus che la colpi’ la Cina tra il 2002/2003, la Sars, che causò la morte di ben settecento persone, trasmettendo panico e terrore ovunque.

In preoccupazione è alta. In quanto la Cina è meta di molti cinesi che vivono in Italia, che per festività si sono recati là da amici e conoscenti. O di italiani che sono andati là per vacanze natalizie.

Entrambi i casi citati ci devono far riflettere e farci fare molta attenzione; se conosciamo qualcuno che vuoi per turismo, vuoi perché è andato a trovare dei parenti, è stato in Cina negli ultimi periodi, di usare delle attenzioni a come starci vicino e frequentarlo.

Polmonite, solo nel 2018 800mila bambini, con meno 5 anni di età, sono morti nel mondo

Pubblicato il 15 Nov 2019 alle 8:54am

Nel 2018, sono oltre 800mila i bimbi con meno 5 anni di età morti nel mondo a causa della polmonite: uno ogni 38 secondi. La maggior parte di loro aveva meno di due anni, e circa 153.000 bambini sono morti nel primo mese di vita. L’Unicef e altre organizzazioni mondiali (IsgGlobal, Gavi, Save the Children, Every Breath Counts, Unitaid) hanno lanciato un appello, per la Giornata mondiale contro la polmonite, per avviare un’azione globale.

“Ogni giorno, sono circa 2.200 i bambini sotto i 5 anni che muoiono a causa di una polmonite. Una malattia curabile e quasi sempre prevenibile”, a dirlo è anche Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef. Un maggior numero di bambini sotto i 5 anni è morto a causa di polmonite nel 2018 rispetto a qualsiasi altra malattia: 437.000 bambini sotto i 5 anni sono morti per diarrea e 272.000 per malaria. Oltre la metà delle morti di bambini a causa di polmonite è avvenuta in soli 5 paesi: Nigeria (162.000), India (127.000), Pakistan (58.000), Repubblica Democratica del Congo (40.000) ed Etiopia (32.000). Sempre nel 2018, 71 milioni di bambini non hanno ricevuto le tre dosi raccomandate di Pcv (vaccino pneumococcico coniugato), esponendoli a un rischio maggiore di contrarre la malattia. A livello globale, il 32% dei bambini con una sospetta polmonite non viene portato nelle strutture sanitarie. Oggi solo il 3% delle spese attuali per le ricerche per le malattie infettive a livello globale è destinata alla polmonite, nonostante la malattia causi il 15% delle morti nei bambini sotto i 5 anni. Le sei organizzazioni chiedono alle nazioni di attuare strategie per il controllo della malattia.

A gennaio ospiteranno i leader mondiali al Global forum sulla polmonite nei bambini che si terrà in Spagna insieme alle fondazioni “la Caixa” e Bill and Melinda Gates e Usaid.

Polmonite causa 11.000 morti l’anno, prevenirla è possibile con un vaccino gratuito per gli over 65

Pubblicato il 08 Dic 2018 alle 11:43am

Fiato corto, dolore al petto, febbre alta e tosse. Questi i principali sintomi della polmonite, malattia che ogni anno provoca la morte di 11.000 persone in Italia, soprattutto anziani, ed è prima causa di morte per malattie infettive nei Paesi occidentali. (altro…)

Pavia: epidemia di polmonite negli anziani. La colpa è dell’aria condizionata

Pubblicato il 08 Ago 2018 alle 11:33am

“Attenzione all’aria condizionata e agli sbalzi di temperature”. Questi i consigli degli esperti per il periodo estivo, in generale ovunque, ma soprattutto a Pavia. (altro…)

Giornata Mondiale della Polmonite: perdono la vita ogni anno un milione di persone

Pubblicato il 12 Nov 2017 alle 9:45am

Di polmonite si muore ancora oggi, sia nei Paesi ricchi sia in quelli poveri, ed per questo che è molto importante parlarne. Il 12 novembre di ogni anno ricorre il World Pneumonia Day. (altro…)

Lamberto Sposini sui social: “Sono in ospedale con pancreatite e polmonite. Non mi manca nulla”

Pubblicato il 06 Ott 2015 alle 6:44am

Nuovo ricovero per il giornalista e conduttore televisivo Lamberto Sposini, colpito nel 2011 da una emoragia cerebrale durante la messa in onda de ‘La vita in diretta’. (altro…)

Influenza: per fine mese il picco per colpa del virus A/H3N2 unito ad altri due

Pubblicato il 15 Gen 2013 alle 9:32am

Sono oltre 200.000 gli italiani che sono stati messi a letto nella prima settimana dell’anno, per non parlare nella successiva. I casi di influenza sono saliti a oltre 350mila. (altro…)