Poste italiane

Poste Italiane, acquisto del 14,85% di Sia da Cdp per 278 milioni di euro

Pubblicato il 17 Set 2016 alle 10:21am

Perfezionato l’accordo di trasferimento da Fsi Investimenti a Poste Italiane di una partecipazione azionaria in Sia, società leader nel business della monetica, dei pagamenti e dei servizi di rete. (altro…)

Poste italiane in decisa crescita per i ricavi e i margini

Pubblicato il 04 Ago 2016 alle 8:28am

“Poste Italiane registra una decisa crescita di ricavi e margini anche al netto dell’effetto non ricorrente derivante dalla cessione della quota Visa Europe. Questa semestrale è la migliore evidenza dell’esecuzione del piano strategico attraverso un programma di investimenti, di innovazione e cambiamento fortemente orientato al miglioramento della qualità del servizio ai cittadini. In ognuno dei settori aziendali, nella prima metà dell’anno, abbiamo conseguito significativi risultati allineati alle priorità strategiche di sviluppo”. Ad annunciarlo è Francesco Caio, numero uno di Poste Italiane.

Ai risultati semestrali dell’azienda che ha chiuso con ricavi totali in crescita del 10,9% a quota 17,7 miliardi, spiega l’AD si va ad aggiungere anche un risultato operativo per 843 milioni pari a un aumento del 32,1%, un utile netto di 565 milioni, anch’esso in aumento rispetto ai 435 milioni dello stesso periodo del precedente esercizio e una posizione finanziaria netta in avanzo di 7,04 miliardi rispetto a 8,66 miliardi al 31 dicembre 2015.

La causa principale sarebbe da attribuire ad un decremento di fair value degli strumenti finanziari per 1.398 milioni.

Poste italiane in borsa, offerta da lunedì, privatizzazione da 2,7-3,7 mld

Pubblicato il 10 Ott 2015 alle 12:25pm

Lunedì prossimo ci sarà il lancio in Borsa delle azioni di Poste Italiane. (altro…)

Cdm, ok a privatizzazione Poste ed Enav per ridurre il debito pubblico

Pubblicato il 25 Gen 2014 alle 10:46am

Il Cdm ha approvato i due Dpcm che danno il via alla privatizzazione delle Poste e dell’Enav. In entrambi i casi si tratta della cessione di quote non di controllo. Lo ha annunciato il premier Enrico Letta. Aggiungendo anche che oltre a Poste ed Enav “quest’anno si faranno altre operazioni di privatizzazione che consentiranno all’Italia di presentare un percorso di riduzione del debito che sarà la prima del nostro Paese dopo 6 anni di crescita continuata“. (altro…)

Rincari a partire dal 1° Gennaio per distributori automatici di snack e bevande, poste e gasolio

Pubblicato il 28 Dic 2013 alle 8:18am

Secondo un documento ufficiale pubblicato la Vigilia di Natale, l’AgCom ha dato il via libera agli aumenti del costo di alcuni servizi postali. Così dopo 268 punti di premesse l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha stabilito possibili rincari sia per la posta prioritaria che per le raccomandate. (altro…)

Alitalia: si salverà grazie a Poste Italiane che diventerà azionista per il 25%

Pubblicato il 11 Ott 2013 alle 9:57am

Poste Italiane guidata da Massimo Sarmi, sarà l’azionista pubblico che salverà la ex compagnia di bandiera Alitalia, dal fallimento. Con un esborso di circa 75 milioni di euro le Poste avranno una quota del 25% e la possibilità di farsi sentire nel consiglio di amministrazione, appoggiate anche da Intesa Sanpaolo e Unicredit. (altro…)

150 anni nascita di Gabriele D’Annunzio: un francobollo ed una moneta a lui dedicati

Pubblicato il 12 Mar 2013 alle 1:20pm

Il 12 marzo 2013, a distanza di 150 anni dalla nascita di Gabriele D’Annunzio, Poste Italiane emetterà un francobollo da 70 centesimi a lui dedicato. Realizzato da Gaetano Ieluzzo, raffigura il poeta nella lettura di un libro, affiancato da “GABRIELE D’ANNUNZIO 1863-1938“. Il francobollo ha una tiratura di 2.800.000 esemplari, divisi in centomila foglietti da ventotto esemplari ciascuno. (altro…)

E’ in arrivo una mini-stangata per milioni di correntisti di BancoPosta

Pubblicato il 01 Nov 2012 alle 9:19am

E’ prossima ad arrivare una mini-stangata invernale per i milioni di correntisti di BancoPosta.

Infatti, con una comunicazione che sta giungendo in questi giorni nelle case dei clienti, Poste Italiane annuncia le modifiche unilaterali del contratto.

In particolare tale variazione riguarda il rilascio del libretto degli assegni postali non trasferibili, che fino al 31 dicembre prossimo sarà gratuito, ma poi costerà dal primo gennaio 2013, 3 euro.

Inoltre, un bonifico verso l’Italia fatto allo sportello con addebito in c/c aumenterà con la stessa decorrenza di un euro così da 2,5 passerà a 3,5 euro.

BancoPosta sottolinea che questi rincari sono dovuti all’incidenza dei costi operativi gestionali sostenuti dall’azienda per le operazioni di sportello nonché all’aumento delle aliquote Iva gravanti anche sui servizi.

Fa presente, infine, che qualora tali modifiche non dovessero essere di proprio gradimento, c’è sempre la facoltà per il correntista di recedere dal contratto, entro la data di decorrenza, senza penalità e spese di chiusura.

Che dire? Come volevasi dimostrare un’altra manovra che va a toccare le tasche di tante famiglie e dei poveri pensionati, che per forza di cose sono costretti a tenere un conto corrente postale.

La mia Impresa online.it: sito gratis per Pmi, ecco come aderire

Pubblicato il 06 Mag 2011 alle 1:33pm

La mia Impresa online è il nuovo portale lanciato da Seat Pagine Gialle.it, Google, Register.it e Poste Italiane che vuole portare online le pmi italiane che non si sono ancora avvicinate al web. (altro…)

Antitrust multa Poste italiane per pubblicità ingannevole sul servizio ‘Raccomandata 1’

Pubblicato il 05 Gen 2011 alle 10:46am

L’Antitrust multa per 200 mila euro le Poste italiane. Ad annunciarlo l’Authority sul bollettino settimanale.

La multa riguarderebbe pratiche commerciali scorrette dell’azienda in relazione al servizio ”Raccomandata 1”.

In sostanza, si legge nel bolelttino, ”i profili di scorrettezza oggetto di valutazione con riferimento ai messaggi pubblicitari diffusi da Poste Italiane riguardano le caratteristiche del servizio offerto, quali la tempestivita’ del recapito della corrispondenza inoltrata tramite il servizio ‘Raccomandata 1′ e le condizioni di fruibilita’ del rimborso in caso di ritardo nella consegna”.

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha ritenuto, pertanto, ingannevole il messaggio pubblicitario, diffuso sul sito internet delle Poste e affisso negli uffici postali, in quanto da esso si evincerebbe la certezza della consegna della lettera o del plico entro le 24 ore successive alla spedizione mentre, dai controlli effettuati, «il livello dei ritardi nella consegna riscontrati nel periodi di riferimento risulta significativo», si legge nella motivazione della sanzione.

Si è scoperto che la garanzia «del recapito a mezzo del servizio di spedizione in questione si realizza soltanto in concomitanza con il secondo giorno lavorativo successivo a quello di spedizione». In media, i tempi di recapito sarebbero doppi rispetto a quanto garantito.

Un disservizio che non può essere giustificato a fronte del costo medio di “Raccomandata1″, pari a 6 euro.

L’Antitrust condanna le modalità e i tempi di rimborso, in quanto quest’ultimo, viene riconosciuto «qualora la consegna venga effettuata oltre il secondo giorno lavorativo successivo alla spedizione», ma pare che l’effettiva fruibilità del ristoro non sia cosa semplice da ottenere.