premiazione

Claudio Baglioni, domani all’Arena di Verona e in diretta su Rai 1, premiazione ai Seat Music Awards 2019 per il successo del TOUR “AL CENTRO”

Pubblicato il 04 Giu 2019 alle 3:32pm

MERCOLEDI 5 GIUGNO ALL’ARENA DI VERONA e IN DIRETTA SU RAI 1

CLAUDIO BAGLIONI sarà premiato ai SEAT MUSIC AWARDS 2019

per il successo del TOUR “AL CENTRO”

Domani, mercoledì 5 giugno, CLAUDIO BAGLIONI sarà ospite dei Seat Music Awards, i premi della musica italiana in onda in prima serata su Rai 1 dall’Arena di Verona, e verrà premiato con il PREMIO LIVE (certificato SIAE) per il tour “AL CENTRO”.

Claudio Baglioni sarà protagonista di una performance eccezionale all’Arena di Verona, Arena che nel settembre 2018, in occasione dei suoi 3 concerti-evento, ha per la prima volta ospitato uno show con il palco al centro e tutti i posti numerati per consentire al pubblico una visione dello spettacolo a 360°. (altro…)

Premio Campiello 2019: selezionata oggi la cinquina finalista

Pubblicato il 31 Mag 2019 alle 2:51pm

Selezionata oggi a Padova la cinquina finalista della 57^ edizione del Premio Campiello, concorso di letteratura italiana contemporanea promosso dalla Fondazione Il Campiello ‐ Confindustria Veneto. Nel corso della votazione pubblica che si è tenuta nell’Aula Magna G. Galilei di Palazzo Bo, Università degli Studi di Padova, una Giuria di Letterati ha votato oltre 290 libri ammessi al concorso dal Comitato Tecnico: al 1° turno con 7 voti si sono posizionati Laura Pariani, “Il gioco di Santa Oca” (La nave di Teseo), al 2° turno con 7 voti Paolo Colagrande, “La vita dispari” (Einaudi) e con 6 voti Giulio Cavalli, “Carnaio” (Fandango), al 3° turno con 6 voti Francesco Pecoraro, “Lo stradone” (Ponte alle Grazie), e dopo altre votazioni, al ballottaggio con 6 voti Andrea Tarabbia, “Madrigale senza suono” (Bollati Boringhieri).

Durante la selezione la Giuria ha inoltre annunciato il vincitore del Premio Campiello Opera Prima, riconoscimento attribuito dal 2004 ad un autore al suo esordio letterario. Il premio è stato assegnato a Marco Lupo per il romanzo “Hamburg” (Il Saggiatore).

A seguire i commenti e le votazioni dei giurati, un parterre di ospiti istituzionali, imprenditori, giornalisti e rappresentanti delle case editrici. La Giuria dei Letterati è stata presieduta dal Magistrato Carlo Nordio, e composta da autorevoli personalità del mondo letterario ed accademico come Federico Bertoni, Daniela Brogi, Silvia Calandrelli, Philippe Daverio, Chiara Fenoglio, Luigi Matt, Ermanno Paccagnini, Lorenzo Tomasin, Roberto Vecchioni, Emanuele Zinato.

Carlo Nordio, Presidente della Giuria dei Letterati, ha dichiarato: “Il numero e la qualità dei libri segnalati dimostrano anche più dello scorso anno la vitalità e i pregi della letteratura italiana contemporanea. La selezione della cinquina avvenuta in assoluta trasparenza è stata preceduta da una discussione collegiale ispirata al rigore e all’imparzialità con lo scopo di coniugare la qualità dei testi con la loro capacità di suscitare la riflessione e la curiosità”.

Matteo Zoppas, Presidente della Fondazione Il Campiello ‐ Confindustria Veneto, ha sottolineato: “Il Premio Campiello, fiore all’occhiello degli industriali del Veneto, è la testimonianza concreta dell'impegno sociale e culturale degli imprenditori, perché è la cultura, nella sua più vasta accezione, a rappresentare l’autentico collante identitario della convivenza civile e della crescita di una comunità. Perché la cultura ha un ruolo fondamentale nella formazione e nella costruzione dell’identità delle persone, anche nei momenti di difficoltà. È un principio in cui come imprenditori crediamo molto e che ci impegniamo a rendere concreto. Per questo ieri, insieme a Vincenzo Boccia, Letizia Moratti e Piero Prenna abbiamo presentato “Il Campiello per San Patrignano”: un’iniziativa che nasce dalla volontà di promuovere un nuovo dialogo tra la Comunità e il nostro Piero Luxardo, Presidente del Comitato di gestione del Premio, ha dichiarato: “Noi abbiamo un compito molto impegnativo, che viene svolto con abnegazione dalla giuria che è composta da grandi specialisti. È stata un’edizione molto combattuta, i libri meritevoli erano parecchi, avremmo potuto selezionare una decina anziché una cinquina quest’anno. Come capita con la vendemmia, ci sono annate buone e altre meno buone, questa è stata una delle migliori.”

Massimo Finco, Presidente di Assindustria Venetocentro – imprenditori Padova Treviso, ha affermato: “Esiste da sempre un forte legame tra cultura e impresa, da cui è nato il Campiello, e che va oltre la logica della sponsorizzazione. Per noi, fare impresa e fare industria è fare cultura. E la cultura rafforza l’impresa. Una ‘cultura politecnica’, sintesi di umanesimo e scienza, di creatività e tecnologia. Sollecitare queste considerazioni nel 500° anniversario della morte di Leonardo, vuol dire ricordare agli italiani quanto cultura e impresa siano state capaci di portare l’ingegno italiano nel mondo. E riconoscere l’industria come patrimonio culturale dell’Italia. Cultura che implica educazione, ricerca, conoscenza. Questa cultura genera valori, capacità di comprendere la realtà, orientamento all’eccellenza. Educa i giovani, attrae i talenti, difende dalla paura. È l’antidoto alla demagogia e al populismo. Vuol dire capacità di studio, di approfondimento, di rifuggire dall’approssimazione, dall’improvvisazione, di cui il nostro Paese ha grande bisogno.”

Il Premio Campiello Opera Prima è stato assegnato con la seguente motivazione: Hamburg è un libro sulla labilità della memoria e su come venga tramandata da un gruppo di lettori clandestini. In un mondo di macerie che ricorda le atmosfere di Fahrenheit 451, un coro di voci si ritrova, segretamente, ogni lunedì in una libreria. Non si tratta di una “allegra brigata” che si ritira su un colle ameno, bensì di una banda di resistenti che scorge nella lettura la medesima funzione che gli uomini primitivi attribuivano agli affreschi delle grotte di Lascaux.

Il vincitore della 57^ edizione del Premio Campiello sarà proclamato sabato 14 settembre a Venezia sul palco del Teatro La Fenice, selezionato dalla votazione della Giuria dei Trecento Lettori anonimi. I Giurati verranno selezionati da tutto il territorio nazionale in base alle categorie sociali e professionali, e i nomi rimarranno segreti fino alla serata finale.

Il Premio Campiello è realizzato grazie al sostegno di Intesa Sanpaolo, Eni, Umana, Fincantieri, Cattolica Assicurazioni, Unioncamere Veneto, Alperia Sum, Veronafiere, Anthea, Somec, Seingim, Sidi, Texa e Treccani e con la collaborazione di MUVE, Grafiche Antiga, T Fondaco dei Tedeschi, Consorzio di Tutela del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene DOCG, Scuola del Vetro Abate Zanetti, Salviati. Community Group Corporate Communication, Rai Main Media Partner, Rai Cultura Media Partner e patrocinato dalla Regione Veneto.

Mei 2018. Torna il Festival della musica indipendente il 28/29 e 30 settembre

Pubblicato il 22 Set 2018 alle 6:01am

Il 28, 29 e 30 settembre si svolgerà anche quest’anno a FAENZA (Ravenna) la ventitreesima edizione del MEI2018 – Fatti di Musica Indipendente, la più importante manifestazione dedicata alla scena musicale indipendente italiana che chiude la stagione dei festival estivi. Un evento che da quasi 25 anni è punto di riferimento e di incontro naturale tra le realtà che hanno fatto la storia della musica italiana degli ultimi decenni. (altro…)