pressione arteriosa

Cosa mangiare quando si ha la pressione alta?

Pubblicato il 24 Feb 2019 alle 11:48am

L’ipertensione, è uno stato patologico in cui i livelli di pressione arteriosa sono superiori alla norma. Tale condizione fisica può provocare conseguenze anche serie sulla salute delle persone che ne sono affette. Una giusta alimentazione può però prevenire e curare tale stato.

Alimenti che curano l’ipertensione sono quelli ricchi di potassio: ad esempio le banane, le patate, i pomodori, le arance e le mandorle. Il potassio è fondamentale per un corretto funzionamento delle cellule e per la regolarizzazione della pressione arteriosa. Questo minerale bilancia l’eccesso di sodio, uno dei principali responsabili dell’ipertensione.

Il pesce è un altro elemento i cui grassi ricchi di omega 3 risultano essere antinfiammatori e in grado di regolarizzare la pressione arteriosa. Il salmone , altro alimento ideale per chi soffre alta.

E ancora, sedano, zafferano, semi e spezie utilissimi per far abbassare la pressione sanguigna. La frutta e le verdure fresche (con poco condimento) in quanto contengono molti sali minerali e acqua e non permettono l’eccesso di sodio.

Molto efficace nell’alimentazione anche l’aglio , uno dei principali alleati contro l’ipertensione, in quanto è in grado di rilassare la muscolatura e dilatare i vasi sanguigni. Preferibilmente se mangiato a crudo, onde evitare l’alito cattivo. Basta tagliare un piccolo spicchio ed inghiottirlo come fosse una pastiglia! In alternativa potete sempre assumere delle pastiglie che trovate in commercio.

Cosa non mangiare

Chi ha problemi di pressione alta deve assolutamente evitare di mangiare alimenti che contengono sale aggiunto.

In caso di pressione alta è infatti sconsigliato mangiare pane, salumi, insaccati, piatti già pronti, formaggi, salse di soia, pizza.

Chi soffre di questo disturbo deve abolire la saliera dalla tavola, deve cucinare personalmente i propri pasti e mangiare cibi freschi e mai confezionati e pronti. Condirli con spezie, peperoncino o limone.

Se concedete al vostro corpo una sana alimentazione, vedrete che starete meglio e il vostro organismo vi ringrazierà!

Liquirizia, troppa dopo i 40 fa male al cuore

Pubblicato il 04 Nov 2017 alle 8:41am

Per chi soffre di pressione alta, la liquirizia è dannosa anche per il cuore. Se mangiata in elevate quantità, dopo i 40 anni, potrebbe infatti portare infatti ad aritmie cardiache anche gravi. (altro…)

Come e quando misurare la pressione arteriosa

Pubblicato il 01 Mag 2017 alle 11:19am

Ci sono delle regole ben precise per misurare la pressione sanguigna. La prima è quella di farlo prima di cena, sdraiati sul divano, in totale tranquillità. La seconda è utilizzando il braccio sinistro, perché “gli apparecchi elettronici che sono a disposizione oggi sono destinati all’applicazione di questo braccio”.

A dare delle dritte è il professor Roberto Meazza, responsabile del modulo del Day Service dell’ipertensione arteriosa al Policlinico di Milano.

“La prima indicazione è sistemarsi in un punto tranquillo della casa, senza l’influenza di altri familiari o il disturbo di animali. Meglio ancora se ci si sdraia sul divano, rilassati, con cuore e gambe alla stessa altezza. In ogni caso, non bisogna stare in piedi”.

La seconda indicazione, aggiunge ancora l’esperto, “E’ quella di eseguire un paio di rilevazioni a distanza di qualche minuto, in genere la prima tende ad essere superiore alle successive. Per questo, se si effettuano 3 rilevazioni si consiglia di fare la media tra la seconda e la terza”.

“Gli apparecchi elettronici di oggi sono destinati all’applicazione al braccio sinistro, e l’orario migliore per misurare la pressione arteriosa è compreso tra le 18 e le 20, prima di cena. Tale rilevazione corrisponde in linea di massima alla media dei valori di un’intera giornata”.

“Le linee guida stilate dalla Società europea dell’ipertensione indicano che i valori normali sono compresi tra 85 e 135”, spiega ancora l’esperto.

Ma che bisogna fare se un’automisurazione produce un valore ‘anomalo’?

“Non si deve pensare subito all’ipertensione dopo il risultato di una singola misurazione”. L’allarme deve scattare “quando ci troviamo difronte, costantemente, a valori al di sopra del limite, ci deve essere una continuità”.

“L’automisurazione si esegue, infine, quando c’è già stata una diagnosi da parte del medico e il paziente, quindi, svolge un’attività di controllo in una fase successiva”.

In commercio esistono misuratori elettronici per la misurazione della pressione sanguigna. Molte semplici e pratici da utilizzare.

Ipertensione arteriosa: oltre il 50% degli italiani è iperteso ma non lo sa

Pubblicato il 02 Ott 2016 alle 9:04am

Un italiano su quattro soffre di ipertensione, ma il 50% non lo sa. (altro…)

Mozart e J.Strauss abbassano la pressione, cosa che non accade con gli Abba

Pubblicato il 24 Giu 2016 alle 7:32am

La musica classica, di Mozart e Johann Strauss, secondo un recente studio, condotto all’Università della Ruhr a Bochum, pubblicato sulla rivista Deutshes Ärzteblatt International farebbe abbassare la pressione e la frequenza cardiaca, al contrario di quella del gruppo pop degli Abba.

I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo aver esaminato 120 persone: 60 sottoponendole all’ascolto di musica per 25 minuti, 60, mette in condizione di riposo in silenzio.

Da qui, chi ha ascoltato musica è stato diviso a sua volta in tre gruppi: uno dedicato all’ascolto di quella di Mozart (sinfonia n.40), uno a quella di Johann Strauss e l’ultimo alla musica del gruppo pop degli Abba (compilation del 2009 che includeva brani come “Thank You for the Music”, “The Winner Takes It All” e “Fernando”).

Ebbene? A tutti i partecipanti sono stati misurati pressione, battito cardiaco e livello di cortisolo, ormone dello stress. Facendo emergere che con qualsiasi tipo di musica ascoltata si abbassava il livello di cortisolo, soprattutto nelle donne, ma che per il battito cardiaco e la pressione vi erano delle sostanziali differenze.

Quella di Mozart è risultata allora essere in assoluto la musica che dava più risultati positivi, con il battito cardiaco che si calmava: la pressione sistolica, cioè la massima, si abbassava di 4,7 millimetri di mercurio, e quella diastolica, cioè la minima, saliva a 2,1.

A seguire i brani di Johann Strauss, con un abbassamento della massima di 3,7 millimetri di mercurio e della minima di 2,9. Nessun effetto sostanziale, invece, con la musica degli Abba.

Ipertensione: una graffetta hi-tech per combatterla

Pubblicato il 05 Feb 2015 alle 7:02am

Grazie ad un nuovo metodo escogitato dal Qeen Mary University di Londra è emerso che per proteggere il corpo umano dall’ipertensione causata dalla pressione sanguigna alta è possibile ricorrere ad una graffetta applicata nell’inguine del paziente.

Una di quelle che vengono usate in ufficio per allegare i documenti cartacei.

Applicata con un intervento della durata di 40 minuti, eseguito con anestesia locale, ha avuto successo su 44 pazienti con problemi di ipertensione, che in precedenza non avevano avuto un riscontro positivo dalle cure cure farmacologiche.

Ebbene tale graffetta dicono gli esperti riesce a bloccare l’aumento della pressione arteriosa, in modo del tutto indolore.

Visite gratuite in tutta Italia, per la Giornata contro l’ipertensione arteriosa

Pubblicato il 17 Mag 2013 alle 11:43am

La IX Giornata mondiale contro l’ipertensione arteriosa, in programma il 17 maggio, ha come slogan “Controlla la tua pressione e il tuo battito cardiaco“.

Campagna di sensibilizzazione voluta dalla Siia, Società italiana per l’ipertensione arteriosa, presieduta da Massimo Volpe, che si rivolge da sempre alla società civile con la speranza di smuovere le coscienze ed indirizzarle verso una corretta prevenzione della patologia cardiovascolare.

Così in occasione della sua nona edizione, grazie al supporto della Croce rossa italiana, saranno allestite in tutta Italia, numerose postazioni mediche per dare l’opportunità a tutti i cittadini di sottoporsi ad un controllo gratuito della pressione.

Inoltre, in tale circostanza, sarà anche possibile eseguire degli accertamenti negli ambulatori e nei centri ospedalieri specializzati messi a disposizione per la giornata e in tutte le farmacie aderenti all’iniziativa.

In ognuna di queste sedi, per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’ipertensione arteriosa e le patologie ad essa correlate, sarà possibile ritirare del materiale informativo e divulgativo sui rischi causati dalle cattive abitudini e ricevere indicazioni su come condurre al contrario uno stile di vita sano ed effettuare in modo corretto la rilevazione della pressione arteriosa standosene comodamente a casa propria.

Mangiare pistacchi per combattere lo stress e la pressione alta

Pubblicato il 30 Lug 2012 alle 6:41am

Chi vuole combattere lo stress e la pressione alta, un aiuto può arrivare dal consumo di pistacchi. A rivelarlo è un recente studio pubblicato sulla rivista americana Hypertension. (altro…)

Prazosina: efficace contro la pressione alta e lo stress post-traumatico

Pubblicato il 09 Mar 2012 alle 7:50am

Un noto farmaco usato per abbassare la pressione arteriosa, la prazosina si è rivelata utile nel trattamento da stress post-traumatico (PST) causato da incubi. (altro…)

Le patate possono ridurre la pressione non facendo aumentare di peso

Pubblicato il 03 Set 2011 alle 8:00am

Secondo un recente studio, presentato a Denver, nel corso del 242esimo National Meeting & Exposition della American Chemical Society, le patate viola possono aiutare gli obesi a non ingrassare e le persone in sovrappeso ad abbassare la pressione sanguigna. (altro…)