primavera

Ora legale, un aiuto da magnesio, melatonina e vitamina D per superare gli effetti collaterali

Pubblicato il 26 Mar 2019 alle 7:48am

E’ prossimo l’arrivo dell’ora legale, proprio in concomitanza con l’inizio della primavera e della rinascita della natura. Quest’anno cade esattamente nella notte tra sabato 24 e domenica 25 e l’orario dovrà essere spostato in avanti di 60 minuti.

Per smartphone e orologi digitali non ci sarà da fare alcun cambiamento. La modifica andrà da sé. Attenzione, però, con l’arrivo della primavera il nostro organismo tenderà a stancarsi prima. Ciò sarà dovuto anche ad un abbassamento delle difese immunitarie, ecco perché ci sentiamo stanchi più del solito, anche perché, viene sconvolto il ciclo del sonno-veglia dal cambio repentino di luce. E’ proprio a causa di questo aumento di luce, che ci verrà regalata più serotonina, l’ormone della felicità.

Insomma, grazie ad alcune rivoluzioni della natura il nostro organismo si scombussolerà ma, ci saranno anche dei consigli per ritornare subito in forma fisica e mentale perfetta.

– Alimentazione: la salute passa anche dalla tavola, è bene, pertanto, privilegiare cibi ricchi di triptofano come i latticini o i carboidrati, questi ultimi meglio mangiarli alla sera per regolarizzare il ciclo sonno-veglia. – Magnesio: regalarsi una dose extra di magnesio giornaliera per combattere l’ora legale è una soluzione molto efficace. Il magnesio si trova, oltre che negli integratori alimentari, anche nella frutta secca, nel cioccolato fondente extra e nelle verdure a foglia larga come gli spinaci. – Melatonina: con il buio sintetizziamo la melatonina, una sostanza in grado di conciliare anche il sonno. Questa è più difficile da produrre durante l’ora legale, quando il sole sorge più tardi. E’ bene fare scorta di integratori, soprattutto se soffrite di problemi di insonnia, per regalarvi una buona dormita durante questo periodo di transizione. – Attività fisica: stare all’aria aperta mette sempre buonumore e comporta uno spiccato rilassamento fisico generale. L’ideale è quello di farla soprattutto durante i weekend e fino a tardo pomeriggio anche per sentirsi più stanchi e dormire meglio. – Esposizione al sole e vitamina d: fare sport, e al sole aumenta la produzione di Vitamina D che ci rende subito più attivi ed energici. Durante questo particolare periodo dell’anno siamo più inclini a soffrire di SAD (Seasonal Affettive Disorder) che è una piccola “depressione” dovuta al cambio dei nostri normali ritmi. Prendetevi cura di voi stesse e cercate di regalarvi un meraviglioso inizio di primavera.

Aprile, mese delle allergie, come difendersi e fronteggiarle

Pubblicato il 10 Apr 2018 alle 7:00am

La primavera è il momento dell’anno più a rischio per chi soffre di allergie da polline, che creano grossi fastidi a volte anche gravi al 15-18% della popolazione italiana. Il mese di Aprile, poi è il mese in cui si raggiunge un vero e proprio picco di casi allergici. (altro…)

Come difendersi dalle allergie? I consigli dell’esperto

Pubblicato il 13 Mar 2018 alle 6:36am

Il 15-18% degli italiani soffre di allergie respiratorie, in costante aumento, secondo Domenico Schiavino, responsabile dell’unità di Allergologia del Policlinico Agostino Gemelli di Roma: “All’inizio del secolo scorso gli allergici erano cosi’ pochi che la malattia veniva definita atopica, cioè non classificabile,” spiega l’esperto all’AGI. “Con l’inquinamento ambientale le cose sono radicalmente cambiate. L’allergia non e’ mai un fatto genetico, esiste una familiarità ma le condizioni ambientali sono determinanti“.

Ma come difendersi dalle allergie?

“L’esame allergologico va fatto in autunno, entro la fine dell’anno si deve iniziare il trattamento desensibilizzante che va portato avanti fino a giugno. Si tratta di fare iniezioni una volta alla settimana, anche se oggi le stiamo usando di meno e preferiamo somministrare i vaccini per via sublinguale. Hanno un’efficacia analoga e danno meno effetti collaterali. Col vaccino innalziamo la soglia di tolleranza all’allergene e oltre l’80% dei pazienti non presenta più disturbi significativi“. Spiega l’esperto.

Per quanto riguarda invece la terapia sintomatica, sono consigliabili gli antistaminici di nuova generazione: “I pazienti si spaventano a sentire parlare di cortisone ma la quantità è bassa, viene assorbita a livello locale e non bisogna avere paura“.

“Se le mucose nasali restano infiammate a lungo possono provocare rinosinusiti severe. Per questi soggetti e’ consigliabile il vaccino perché con il tempo si potrebbe determinare una situazione di asma bronchiale“.

Per prevenire il disturbo, “quando si va in giro in automobile occorre tenere i finestrini chiusi e cambiare i filtri ogni anno, scegliendo quelli con i fori piu’ piccoli e sottili per bloccare il particolato. Ai giovani che vanno in moto suggerisco di mettere sotto il casco integrale una bandana o una mascherina per bloccare l’ingresso del polline. In piena impollinazione tenere chiuse le finestre di casa e cambiare l’aria a mezzanotte o all’alba, perché i pollini calano quando la temperatura si abbassa“.

E’ boom di insetti ‘alieni’, sos rischio allergie

Pubblicato il 10 Apr 2017 alle 6:08am

Insetti sconosciuti e vespe ‘aliene’ provenienti da Cina e Medio Oriente, soprattutto in questo periodo di primavera.

Incontri sempre più frequenti a causa del clima caldo, un po’ ‘pazzo’ e delle temperature elevate anche fuori stagione, che rappresentano un vero e proprio pericolo.

A lanciare l’allarme è la Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC) in occasione del 30/mo congresso nazionale in corso a Firenze.

Così, dicono gli esperti, nel nostro Paese si sta ad esempio assistendo all’arrivo di ‘vespe migranti’, originarie della Cina o Paesi mediorientali. In Italia ogni anno sono circa 5 milioni gli italiani punti api, vespe e calabroni e circa 400.000 i casi di reazione allergica o shock anafilattico da puntura di insetto.

In primavera in arrivo il nuovo profumo di Moschino, Pink Fresh Couture

Pubblicato il 15 Mar 2017 alle 9:12am

Si chiama Pink Fresh Couture ed è il nuovo profumo di Moschino. La nuova fragranza è una nuova versione di Fresh Couture, essenza concepita nel 2005 sotto la guida creativa di Jeremy Scott, in arrivo questa primavera. (altro…)

Rinite allergica, ne soffre il 12,5% degli italiani, ma il 64% non si cura come dovrebbe

Pubblicato il 25 Apr 2016 alle 9:45am

La rinite allergica (RA), uno dei disturbi cronici più diffusi in tutto il mondo.

Secondo la fotografia scattata da GfK Eurisko per Meda Pharma, sono oltre 6 milioni gli italiani che ne soffrono e, nonostante la maggioranza (64%) faccia uso di farmaci, non riesce a raggiungere un risultato soddisfacente dal punto di vista dei sintomi: quasi 8 su 10 (75%) considerano il disturbo molto o estremamente fastidioso e 1 su 2 (47%) lo reputa molto o estremamente fastidioso.

A soffrine: giovani (oltre il 50% è under 44 anni), con una leggera prevalenza al femminile (le donne colpite sono il 55% contro il 45% degli uomini) e quasi il 40% soffre del disturbo in modo cronico e persistente, con picchi in coincidenza della stagionalità pollinica (primavera e inizio autunno).

Dall’indagine emerge anche che i sintomi più frequenti sono: nasali (congestione e prurito per il 70% del campione, starnuti per il 63% e naso che cola per il 60%), oculari (prurito per il 46% e lacrimazione per il 42%) e respiratori, con ben il 36% dei sofferenti che riferisce difficoltà a inalare aria. Un dato questo molto preoccupante, alla luce del fatto che chi soffre di rinite e non si cura in modo appropriato corre anche un rischio fino a 1,5-4,5 più elevato di soffrire di complicanze gravi.

“Recenti studi clinici condotti su pazienti osservati nella loro quotidianità, dimostrano che l’utilizzo delle più innovative terapie e di nuovi strumenti per misurarne l’efficacia, possono offrire migliori prospettive di cura e gestione della patologia” – spiega iG.Walter Canonica, Presidente della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (Siaac).

Meteo: a partire da oggi, ampie schiarite e temperature primaverili

Pubblicato il 08 Apr 2015 alle 7:28am

Dopo il freddo e l’arrivo della perturbazione pasquale, sembra che a partire da oggi, Mercoledì 8 aprile, la situazione vada via via migliorando anche al sud e su gran parte dell’Italia eccetto per un po’ di variabilità con qualche residuo piovasco sull’area del mar adriatico, sulla Calabria e il Messinese. (altro…)

Come evitare l’allergia da polline, il decalogo degli esperti

Pubblicato il 09 Mar 2015 alle 6:10am

Con l’arrivo della primavera c’è la comparsa delle famose allergie, causate dall’emissione dell’aria di diverse varietà di pollini, causa di non pochi fastidi per grandi e piccini. (altro…)

Come tornare in forma dopo l’inverno

Pubblicato il 22 Mar 2014 alle 8:21am

Con l’arrivo della primavera, nasce anche l’esigenza di tornare in forma dopo l’inverno, per arrivare, via via preparati alla prova costume. Ecco allora che con un clima mite, è possibile anche ricominciare un’l’attività fisica all’aria aperta per rimettersi in forma anche in vista dell’estate. (altro…)

“Dammi più voce” questo lo slogan della giornata di oggi dedicata alla Sindrome di Down

Pubblicato il 21 Mar 2013 alle 11:49am

Si celebra oggi la Giornata dedicata alla Trisomia 21, conosciuta come Sindrome di Down, patologia che contraddistingue tutte quelle persone che hanno un cromosoma in più nella coppia identificata, appunto, con il numero 21. (altro…)