profumo

Aideco: attenzione alle allergie “da profumo”

Pubblicato il 09 Nov 2020 alle 6:00am

I prodotti cosmetici presentano molto spesso dei profumi molto gradevoli e accattivanti, tanto che molte volte condizionano anche la scelta del consumatore. È importante, però, controllare l’INCI del prodotto per non incorrere in quelle sostanze considerate particolarmente allergizzanti, come le fragranze inserite nei prodotti. L’Europa ne ha individuate negli anni ben 26 e ha creato delle normative ad hoc.

Il Prof. Leonardo Celleno, dermatologo e presidente dell’Associazione Italiana di Dermatologia e Cosmetologia, spiega quali sono i rischi per la pelle e le persone quando si entra in contatto con queste sostanze

Allergie da “profumo”

“Sicuramente tra le sostanze ad uso cosmetico, utilizzate per la composizione di aromi e profumi sono tra quelle più di altre in grado di indurre fenomeni di allergia (DAC) perché più reattive di altre categorie di ingredienti – spiega il Prof. Celleno e prosegue – I dati relativi alle allergie da profumo variano molto da paese a paese, a seconda dei sessi e dell’età. È possibile però verificare che, delle allergie causate dai prodotti cosmetici, circa la metà sia dovuta proprio ai corpi odorosi. Questo si verifica soprattutto per i veri e propri profumi o per prodotti che contengono alte concentrazioni di sostanze come quelle elencate tra i 26 allergeni identificati dalla Comunità Europea e potrebbe essere buona norma di comportamento da parte delle aziende riportare comunque la presenza di eventuali allergeni in etichetta anche quando la loro concentrazione sia inferiore al valore soglia stabilito, in particolare se i prodotti sono destinati a soggetti predisposti all’insorgenza di allergie.”

“Sostanza potenzialmente allergenica” vs “pericolosa o dannosa”

“Queste sostanze, come tutti gli ingredienti utilizzati nei cosmetici, sono considerate sicure perché precedentemente sottoposte a rigorosi controlli. Quello che le caratterizza è una maggiore incidenza nel provocare possibili reazioni allergiche in alcune persone predisposte, che sviluppano fenomeni allergici e/o irritativi nei confronti di sostanze generalmente innocue. Riportare l’allergene in etichetta è dunque fondamentale per tutti coloro che soffrono di un’allergia nei confronti di una o più delle sostanze ad uso cosmetico per evitare l’insorgenza della dermatite allergica da contatto (DAC). Chi non manifesta allergie a queste sostanze non corre rischi” afferma il dermatologo.

Per i bambini, profumo sì o profumo no?

“L’uso di profumi nelle formulazioni per bambini non è strettamente necessario: non conferisce al prodotto un’efficacia funzionale aggiuntiva ma lo rende sicuramente più gradevole sia nella scelta che nell’utilizzo. Attualmente è possibile reperire nel mercato alcuni prodotti dermo-cosmetologici per bambini completamente privi di profumo, particolarmente indicati nei casi di allergie cutanee e quadri clinici come quello della dermatite atopica, molto frequente nella prima infanzia” conclude il presidente AIDECO.

Come profumare la casa con bucce d’arancia

Pubblicato il 24 Dic 2018 alle 8:00am

Se siete stanche di tornare a casa la sera e di trovare un cattivo odore di chiuso, ecco la soluzione che fa per voi! (altro…)

Francis Kurkdjian racconta i segreti per i profumi che crea su misura

Pubblicato il 26 Mar 2018 alle 6:30am

Il profumiere Francis Kurkdjian racconta i suoi segreti, nell’incontro a Villa Medici a Roma, “Profumo, scultura dell’invisibile”, della serie I Giovedì della Villa, ideato dalla direttrice della sede dell’Accademia di Francia Muriel Mayette-Holtz, con il curatore Cristiano Leone.

“Il mio profumo su misura è fatto per donne speciali che dispongono di un budget illimitato e voglio sottolineare con una fragranza personalizzata un evento, una data, una nascita, un matrimonio, un compleanno. Il mio profumo è per la vita. E’ come l’alta moda, come un abito creato unicamente per quella persona”.

Il profumiere di origini armene che vive a Parigi, dove ha sede il suo atelier, fa annusare al pubblico gli ingredienti vaporizzati su cartoncini, spiegando di volta in volta di cosa si tratta. “E’ un onore per me essere qui nell’ambasciata della cultura francese in Italia a spiegare il profumo che è sempre una presenza invisibile ma, come quello che ci arriva dal nostro vicino, oppure come l’odore del cracker mangiato poco prima”. “Ho portato per voi solo 9 essenze basiche, perché sono le stesse con le quali cominciai tanti anni fa a lavorare nel mondo dei profumi, dopo aver abbandonato i sogni di diventare l’Etoile dell’opera di Parigi, quelli di fare l’archeologo, il sarto come mio nonno. Ma un giorno lessi del mestiere di naso su una rivista e decisi di voler intraprendere quella strada”. “Studiavo e all’inizio non distinguevo l’odore del limone da quello del mandarino, non ero il più bravo della classe, non avevo un dono speciale, ma mi sono impegnato e ho imparato. Niente che si legge sui libri. L’ispirazione non cade dal cielo e si può avere in due momenti: quando si è molto giovani e inesperti e quando invece si sono accumulati molti anni di esperienza”.

Armani Privé New York, il nuovo profumo firmato da Giorgio Armani

Pubblicato il 18 Ago 2017 alle 7:37am

Armani Privé New York è il nuovo profumo di Giorgio Armani. Una nuova essenza dedicata alla metropoli americana che si unisce alla lussuosa collezione di fragranze Armani Privé. (altro…)

Kenzo World Intense, il nuovo profumo firmato Kenzo

Pubblicato il 10 Ago 2017 alle 6:23am

Si chiama Kenzo World Intense il nuovo profumo femminile del noto marchio di moda Kenzo. Si tratta della prima fragranza dopo il subentro dei nuovi direttori creativi Humberto Leon e Carol Lim. (altro…)

Twilly d’Hermès, il nuovo profumo femminile della maison

Pubblicato il 09 Ago 2017 alle 7:51am

Si chiama Twilly d’Hermès, il nuovo profumo femminile della celebre maison francese. La nuova fragranza è ispirata agli iconici twilly Hermès in seta con stampe colorate. Firmata dalla profumiera Christine Nagel, la nuova fragranza è pensata per una donna giovane e dinamica. La composizione è floreale, fresca e vivace. Tra le note quelle speziate e fresche dello zenzero, dolci e opulente della tuberosa e ancora quelle calde e avvolgenti del sandalo che donano un irresistibile tocco orientale alla base del profumo.

Il nuovo Twilly d’Hermès, contenuto in una bottiglia in vetro squadrata dai bordi arrotondati e sormontata da un tappo nero a forma di bombetta, sarà disponibile dal prossimo Settembre come Eau de Parfum nei formati da 30, 50 e 75 ml.

Dange-Rose, il nuovo profumo di Blumarine per la donna romantica e seduttiva

Pubblicato il 04 Ago 2017 alle 6:20am

Dange-Rose è il nuovo profumo di Blumarine ispirato ad una donna sensuale, romantica e seduttiva. (altro…)

Paris Hilton lancia un nuovo profumo, si chiama Rosè Rush

Pubblicato il 13 Lug 2017 alle 6:28am

Si chiama Rosè Rush ed è il nuovo profumo di Paris Hilton. La celebre ereditiera americana lancia una nuova versione del profumo lanciato per la prima volta nell’estate del 2016. (altro…)

Si chiama Scandal, il nuovo profumo di Jean Paul Gaultier

Pubblicato il 07 Lug 2017 alle 7:29am

Si chiama Scandal, il nuovo profumo di Jean Paul Gaultier. (altro…)

Aura, il nuovo profumo di Thierry Mugler ha come testimonial la modella bielorussa Zhenya Katava

Pubblicato il 05 Lug 2017 alle 8:28am

Si chiama Aura ed è il nuovo profumo di Thierry Mugler. Per l’estate 2017 la maison propone una nuovissima fragranza di colore verde. (altro…)