rc auto

Rc auto familiare, malus dal 16 febbraio

Pubblicato il 18 Feb 2020 alle 7:35am

Non arriva alcun rinvio per l’Rc auto familiare. Gli emendamenti al decreto Milleproroghe che proponevano uno slittamento dell’entrata in vigore del nuovo sistema non figurano tra gli approvati dalle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera. L’estensione dell’assicurazione familiare a veicoli diversi e anche in caso di rinnovo della polizza è entrato in vigore, come previsto il 16 febbraio, con una sola modifica contenuta nell’emendamento del dem Claudio Mancini.

IL MALUS L’rc auto familiare viene estesa a veicoli diversi (auto/moto) e anche a rinnovi delle polizze. Inizialmente, prevedeva solo il meccanismo di ‘bonus’. In pratica nel caso in cui il beneficiario del contratto familiare con veicolo di diversa tipologia (presumibilmente moto o motorino) causasse un incidente con danni superiori a 5.000 euro, potrà subito subire, alla successiva stipula, solo lui e non gli altri familiari – un declassamento di 5 classi di merito. “Al verificarsi di un sinistro in cui si sia reso responsabile in via esclusiva o principale un conducente collocato nella classe di merito più favorevole per il veicolo di diversa tipologia e abbia comportato il pagamento di un indennizzo complessivamente superiore a euro cinquemila, – si legge nell’emendamento – le imprese assicurative, alla prima scadenza successiva del contratto, possono assegnare, per il solo veicolo di diversa tipologia coinvolto nel sinistro, una classe di merito superiore fino a cinque unità rispetto ai criteri indicati dall’Ivass”.

Le disposizioni, viene ancora chiarito, “si applicano unicamente ai soggetti beneficiari dell’assegnazione della classe di merito più favorevole per il solo veicolo di diversa tipologia”. La prima versione dell’emendamento Mancini, che conteneva peraltro uno slittamento dell’entrata in vigore del sistema (proposta presentata anche da M5S, Iv e FI), prevedeva che il malus fosse familiare, così come il bonus, e che la penalizzazione dopo l’incidente riguardasse dunque tutti gli assicurati all’interno dello stesso nucleo.

La riformulazione voluta dal Ministero dello sviluppo non solo fa sparire il rinvio ma punta anche al malus individuale. In questo caso vengono comunque incoraggiati comportamenti virtuosi che si sarebbero invece persi con l’entrata in vigore del nuovo sistema così come introdotto dal decreto fiscale.

ANIA: “L’Ania ribadisce però che la nuova disposizione sulla Rc Auto scardina definitivamente il sistema bonus/malus e, non attivando alcun intervento sugli oneri complessivi, opera solo una ridistribuzione dei costi degli incidenti con una diminuzione dei prezzi a favore delle famiglie che dispongono di più veicoli, a scapito di quelle che ne possiedono solo uno”.

Autovelox, emendamento approvato: verificherà revisioni e Rc auto

Pubblicato il 22 Dic 2015 alle 6:04am

L’autovelox, con un nuovo emendamento di legge, accerterà anche la revisione e la Rc auto. Approvato dalla Commissione Bilancio della Camera, è stato proposto dal deputato Pd Sergio Boccadutri.

Le possibili violazioni potranno essere accertate con apparecchiature di rilevamento, compresi gli autovelox. Un motivo in più per fare attenzione in quanto le nuove apparecchiature di rilevamento faranno subito una contravvenzione a coloro che non saranno in regola.

Grazie a questa nuova procedura si eviterà pertanto che i furbi la facciano franca e allo stesso tempo sarà possibile tutelare gli automobilisti onesti. Non servirà dunque contestare nell’immediatezza la violazione, in quanto l’accertamento avverrà in modo del tutto automatico.

Con questo nuovo decreto legge, anche il nostro Paese si adeguerà agli standard degli altri Paesi europei. Pertanto chi non sarà in regola con l’assicurazione o la revisione non avrà la vita difficile grazie appunto alle nuove apparecchiature di rilevamento.

Sgravi, bollette e tariffe Rc auto più leggere, incentivi per le aziende che investono nel digitale

Pubblicato il 14 Dic 2013 alle 10:39am

Alcuni degli interventi contenuti nel Piano “Destinazione Italia”, collegato alla legge di stabilità 2014, riguardano una riduzione delle tariffe elettriche, di gas e di RC-auto. Poi ancora, internazionalizzazione, nonché sviluppo e digitalizzazione delle imprese, oltre che misure atte a realizzare opere pubbliche ed Expo 2015. (altro…)

Rc Auto, aumenti fino all’11%

Pubblicato il 05 Giu 2013 alle 10:49am

I premi Rc Auto sono aumentate fino ad oltre l’11% nell’ultimo trimestre. Le compagnie assicurative ritoccano dunque le tariffe soprattutto a Palermo, dove si registra un picco dell’11,4%, mentre le polizze scendono a Torino, dove si arriva a ribassi del 13,8%, e a Napoli, gli sconti possono toccare fino all’8,5%. (altro…)

Rc auto: con la riforma del lavoro la metà degli italiani non potrà più detrarre il SSN

Pubblicato il 17 Mag 2012 alle 2:28pm

Un italiano su due è a rischio di perdere la possibilità di poter dedurre dalla dichiarazione dei redditi il contributo per il SSN incluso nei premi Rc auto. Sembra, infatti, che su oltre 40 mila polizze che sono state emesse negli ultimi due mesi, più di 18 milioni di automobilisti potrebbero vedersi tolto il diritto di usufruire di una detrazione sul 730 a seguito dell’entrata in vigore della riforma del lavoro. (altro…)